«Piuttosto che» al posto di «o»

Spazio di discussione su questioni di lessico e semantica

Moderatore: Cruscanti

Intervieni
Avatara utente
bubu7
Interventi: 1453
Iscritto in data: gio, 01 dic 2005 15:53
Località: Roma
Info contatto:

«Piuttosto che» al posto di «o»

Intervento di bubu7 » gio, 30 ago 2007 9:55

Oltre a fornire nuovamente il collegamento alla trattazione della Crusca, riporto una citazione dalla Grammatica di riferimento dell'italiano contemporaneo (2006) di G. Patota.
Nella lingua contemporanea si è diffusa la cattiva abitudine di adoperare l'espressione comparativa piuttosto che con il valore disgiuntivo che ha la congiunzione o. [...] Questa moda è da respingere non solo perché è inutile, ma anche perché crea ambiguità e confusioni.
Dicendo: "Le città italiane sono tutte belle: vivrei volentieri a Roma piuttosto che a Firenze piuttosto che a Napoli" non possiamo intendere in alcun modo che Roma, Napoli e Firenze rappresentano tre alternative a noi ugualmente gradite; al contrario, affermiamo di preferire decisamente Roma sia a Firenze sia a Napoli!
La lingua è un guado attraverso il fiume del tempo. Essa ci conduce alla dimora dei nostri antenati.
V. M. Illič-Svitič

Avatara utente
Ferdinand Bardamu
Moderatore
Interventi: 4041
Iscritto in data: mer, 21 ott 2009 14:25
Località: Legnago (Verona)

Intervento di Ferdinand Bardamu » ven, 14 nov 2014 13:52

Riesumo il filone per ricopiare un passo del Cappotto di Astrakan di Piero Chiara (1978), in cui compare il piuttosto che disgiuntivo che tutti odiamo:

«Se mi chiedi di un motore,» cominciò con calma Ferdinando «di un piano velico, d’un tipo di fasciame piuttosto che di un altro o di vernici, posso parlare per delle ore, ma in fatto di donne ho imparato a non dar consigli di nessun genere. […]»

Avatara utente
Animo Grato
Interventi: 1368
Iscritto in data: ven, 01 feb 2013 16:11

Intervento di Animo Grato » ven, 14 nov 2014 15:31

Voglio credere che, essendo inserito in un discorso diretto, sia solo la mimesi di un uso locale (e abominevole, ça va sans dire).
«Ed elli avea del cool fatto trombetta». Anonimo del Trecento su Miles Davis
«E non piegherò certo il mio italiano a mere (e francamente discutibili) convenienze sociali». Infarinato
«Prima l'italiano!»

Avatara utente
GFR
Interventi: 297
Iscritto in data: ven, 10 ott 2014 21:39

Intervento di GFR » ven, 14 nov 2014 16:22

Non ho letto il libro in questione, Chiara è però associato a Luino e alla parte settentrionale della provincia di Varese, ma da queste parti l'incriminato piuttosto che non credo sia nato; mi capita di dovermelo sorbire guardando la televisione, invece che chiacchierando al bar o al mercato. A me sembra un vezzo intellettualistico nato dall'ambizione di complicare una cosa semplice come una "o". Non credo provenga da un luogo, bensì da una mentalità.

Avatara utente
Zabob
Interventi: 911
Iscritto in data: sab, 28 lug 2012 19:22

Intervento di Zabob » ven, 14 nov 2014 16:23

L'esempio di Chiara non mi convince del tutto, per le seguenti ragioni:
  • 1) nel 1978 la moda del "piuttosto che" non aveva ancora fatto la sua comparsa; per quel che può valere la mia testimonianza, ho sentito un "piuttosto che" con valore disgiuntivo per la prima volta dalla bocca di una donzella milanese (di nome Chiara, ironia della sorte) intorno al 1998;
  • 2) mi stupirebbe che fosse inciampato nella famigerata locuzione uno scrittore;
  • 3) nella frase in esame quel "piuttosto che", non so perché, non mi disturba più di tanto.
Vorrei approfondire quel che ho appena scritto al punto 3).
Un "piuttosto che" veramente disgiuntivo si avrebbe nella frase:
«Se mi chiedi di un motore, (...) piuttosto che di un piano velico, piuttosto che d’un tipo di fasciame piuttosto che di un altro piuttosto che di vernici, posso parlare per delle ore. […]»
È chiaro che chi parla non vuole comunicare l'idea che è ferratissimo in fatto di motori, via via meno preparato sui piani velici, sui fasciami e sulle vernici.
Tuttavia l'espressione «di un tipo ... piuttosto che di un altro», come ho detto prima, mi suona molto più tollerabile, anche quando non venga comunicata l'idea di una prevalenza o di una preferenza. Riporto questi due esempi scovati su Google libri, il primo di Elio Vittorini (Il Politecnico, 30 giugno 1946), il secondo da un'interpellanza alla Camera dei Deputati dell'on. Felice Santini (seduta del 12 dicembre 1904) – sottolineature, ovviamente, mie:
Elio Vittorini ha scritto:Pensate a quello che accadrebbe se nelle arti dovesse dipendere da referendum popolari, il diritto alla vita di un tipo di pittura o di un tipo di poesia, di un tipo di musica, piuttosto che di un altro.
Felice Santini ha scritto:Se una torpedine viene sotto lo scafo di una nave, non si va certo a vedere se essa era di un tipo piuttosto che di un altro; purtroppo la nave salta in aria e via!
Oggi com'oggi non si sente dire dieci parole, cinque delle quali non sieno o d'oltremonte o nuove, dando un calcio alle proprie e native. (Fanfani-Arlìa, 1877)

Avatara utente
Animo Grato
Interventi: 1368
Iscritto in data: ven, 01 feb 2013 16:11

Intervento di Animo Grato » ven, 14 nov 2014 17:12

GFR ha scritto:Chiara è però associato a Luino e alla parte settentrionale della provincia di Varese, ma da queste parti l'incriminato piuttosto che non credo sia nato
Mi basavo su un vecchio intervento in cui si parlava, genericamente, di "eleganze ambrosiane". :wink:
Zabob ha scritto:
Elio Vittorini ha scritto:Pensate a quello che accadrebbe se nelle arti dovesse dipendere da referendum popolari, il diritto alla vita di un tipo di pittura o di un tipo di poesia, di un tipo di musica, piuttosto che di un altro.
Felice Santini ha scritto:Se una torpedine viene sotto lo scafo di una nave, non si va certo a vedere se essa era di un tipo piuttosto che di un altro; purtroppo la nave salta in aria e via!
Ignoro chi sia Felice Santini e, almeno temporaneamente, mi prendo la licenza di non considerarlo un autore canonico. L'esempio di Vittorini è più interessante: quel piuttosto che è legittimo, perché il significato della frase è compatibile con il senso di esclusione dell'autentico piuttosto che. Si può verificare con una semplice sostituzione: "pensate a quello che accadrebbe se nelle arti dovesse dipendere da referendum popolari, il diritto alla vita di un tipo di pittura o di un tipo di poesia, di un tipo di musica, a scapito di un altro". Il senso è quello.
Ci sono "tre gradi di separazione" che portano da un o (equivalente al latino vel, "inclusivo" e usato per esprimere indifferenza) a un altro o (lat. aut, "esclusivo" ma senza esprimere una preferenza) e infine a piuttosto che (esclusivo e con preferenza). Ma in molte frasi il contesto fa sì che i confini tra queste distinzioni tendano a farsi sfumati, ed è così - secondo me - che il piuttosto che ha potuto mettere un piede nell'uscio di aut, e da lì allargarsi fino a vel. Qualche tempo fa mi era venuta in mente una frase in cui i tre significati possono convivere senza comprometterne il senso generale, ma non ho voluto aprire un filone apposito e ora, ovviamente, non la ricordo più. :(
«Ed elli avea del cool fatto trombetta». Anonimo del Trecento su Miles Davis
«E non piegherò certo il mio italiano a mere (e francamente discutibili) convenienze sociali». Infarinato
«Prima l'italiano!»

Avatara utente
Ferdinand Bardamu
Moderatore
Interventi: 4041
Iscritto in data: mer, 21 ott 2009 14:25
Località: Legnago (Verona)

Intervento di Ferdinand Bardamu » sab, 15 nov 2014 14:14

Piero Chiara ha un modo narrare piacevolissimo, ma, leggendo l’opera, ho notato qua e là qualche difettuccio.

Non ho al momento cercato altre edizioni del Cappotto di astrakan (la copia del libro che ho tra le mani reca la data del 1978, e fu pubblicata per i tipi del Club degli Editori). Può darsi che l’autore, nelle ristampe successive, abbia rivisto il romanzo; tuttavia vi ho trovato un «nessun strumento», con una scelta molto «nordica» dell’allomorfo di nessuno, e una «aureola» riferito alla regione della mammella, malapropismo molto comune per «areola».

Nonostante abbia un’ottima opinione del Chiara romanziere e narratore, nutro qualche dubbio sulla sua possibilità di assurgere a modello stilistico.

Lizard
Interventi: 78
Iscritto in data: ven, 01 ago 2014 7:58

Intervento di Lizard » gio, 08 gen 2015 8:35

Trovato in rete questa mattina.

valerio_vanni
Interventi: 881
Iscritto in data: ven, 19 ott 2012 20:40
Località: Marradi (FI)

Intervento di valerio_vanni » mer, 06 gen 2016 15:40

Uno studio sul piuttosto che: «“Piuttosto che”: dalla preferenza all’esemplificazione di alternative».

Ne viene riportato un terzo uso, a fine di frase, che però non mi è mai capitato di sentire né di leggere.

Esempio riportato: «Spesso c'è il problema di dire “dove si va”, magari per un giro pomeridiano, piuttosto che».

Avatara utente
Lato
Interventi: 10
Iscritto in data: dom, 06 set 2009 9:01

Re: «Piuttosto che» al posto di «o»

Intervento di Lato » lun, 10 giu 2019 21:59

Ancora su piuttosto che.
Vorrei ringraziare Valerio Vanni per la segnalazione qui sopra e aggiungere un tassello.
Vi prego di osservare le seguenti frasi:

Allo stato attuale delle indagini, propendere per un’ipotesi piuttosto che per un’altra è prematuro.

Se erano neri piuttosto che asiatici piuttosto che ispanici non ha importanza.


In entrambe piuttosto che potrebbe essere sostituito in tre modi diversi senza che il senso della frase cambi in modo significativo: da una parte con invece che se si volesse indicare una preferenza per il primo termine, da un’altra parte con o piuttosto se si volesse indicare una preferenza per il secondo o terzo termine e da un’altra parte ancora con oppure volendo indicare un piano di parità tra i termini.
Credo che in frasi di questo tipo vada ricercata la genesi del suo uso disgiuntivo, tanto deprecato quanto dilagante.

Eh sì, è probabile che, come per ovvero e ancor più per affatto il cui significato originario è addirittura contrario a quello oggi inteso dai più, il nuovo sopravanzerà l’antico.

Intervieni

Chi c’è in linea

Utenti presenti in questa sezione: Nessuno e 2 ospiti