«Ispiratorio»

Spazio di discussione su questioni di lessico e semantica

Moderatore: Cruscanti

Intervieni
Ivan92
Interventi: 1416
Iscritto in data: gio, 28 nov 2013 19:59
Località: Castelfidardo (AN)

«Ispiratorio»

Intervento di Ivan92 »

Un quesito molto semplice: esiste l'aggettivo ispiratòrio? In rete trovo soltanto inspiratorio, che concerne l'i(n)spirazione.
Fausto Raso
Interventi: 1702
Iscritto in data: mar, 19 set 2006 15:25

Re: «Ispiratorio»

Intervento di Fausto Raso »

Ivan92 ha scritto:Un quesito molto semplice: esiste l'aggettivo ispiratòrio? In rete trovo soltanto inspiratorio, che concerne l'i(n)spirazione.
Veda qui.
«Nostra lingua, un giorno tanto in pregio, è ridotta ormai un bastardume» (Carlo Gozzi)
«Musa, tu che sei grande e potente, dall'alto della tua magniloquenza non ci indurre in marronate ma liberaci dalle parole errate»
Ivan92
Interventi: 1416
Iscritto in data: gio, 28 nov 2013 19:59
Località: Castelfidardo (AN)

Intervento di Ivan92 »

La ringrazio, caro Fausto. Scorrendo la pagina ho però notato che ispiratorio vale inspiratorio. Mi sembra che ci si riferisca sempre all'atto della respirazione. Insomma, siamo punto e a capo. Io invece vorrei sapere se esiste un aggettivo —ispiratorio, per l'appunto— che abbia che fare con l'ispirazione, nel senso di trovata, illuminazione, influenza, ecc. Per esempio, si può dire che il disco di Tizio è ispiratorio per Caio?
sempervirens
Interventi: 599
Iscritto in data: gio, 23 apr 2015 15:14

Intervento di sempervirens »

In rete vedo l'aggettivo ispirazionale.
Io nella mia lingua ci credo.
Ivan92
Interventi: 1416
Iscritto in data: gio, 28 nov 2013 19:59
Località: Castelfidardo (AN)

Intervento di Ivan92 »

Noto che il Treccani considera ispiratore sia un sostantivo sia un aggettivo: motivo ispiratore d'un'opera d'arte. Sembrerebbe dunque che manchi un ipotetico aggettivo in -òrio. Come mai questa «casella vuota»?
Avatara utente
marcocurreli
Interventi: 599
Iscritto in data: ven, 25 set 2009 22:36
Località: Cagliari

Intervento di marcocurreli »

Ivan92 ha scritto:Come mai questa «casella vuota»?
Molto probabilmente perché non si è mai manifestata l'utilità di tale aggettivo.
Si può dire che il disco di Tizio è ispiratorio per Caio?
Sinceramente -- perdoni l'ignoranza -- non ne afferro il significato.
valerio_vanni
Interventi: 1088
Iscritto in data: ven, 19 ott 2012 20:40
Località: Marradi (FI)

Intervento di valerio_vanni »

Ivan92 ha scritto:Come mai questa «casella vuota»?
C'è una casella vuota di qua e una di là.
La versione con la "n" ha preso il significato fisiologico, quella senza il significato figurato.
Manca "inspiratore" così come manca "ispiratorio".
marcocurreli ha scritto:
Si può dire che il disco di Tizio è ispiratorio per Caio?
Sinceramente -- perdoni l'ignoranza -- non ne afferro il significato.
Vorrebbe dire che Caio ha fatto un disco successivamente, ispirandosi al disco di tizio.
Avatara utente
marcocurreli
Interventi: 599
Iscritto in data: ven, 25 set 2009 22:36
Località: Cagliari

Intervento di marcocurreli »

valerio_vanni ha scritto:Vorrebbe dire che Caio ha fatto un disco successivamente, ispirandosi al disco di tizio.
Molto più semplicemente, come si suol dire, "è fonte di ispirazione", quindi.

Molto probabilmente la gente comune troverebbe ispiratorio troppo simile a inspiratorio, e quindi soggetto a fraintendimenti. Lo stesso discorso, al contrario, per ispiratore/inspiratore.
Fausto Raso
Interventi: 1702
Iscritto in data: mar, 19 set 2006 15:25

Re: «Ispiratorio»

Intervento di Fausto Raso »

Rispolvero questo filone perché - a mio avviso - "ispiratorio", anche se non lemmatizzato nei vocabolari, si può far derivare dal verbo "ispirare" (si veda Treccani al punto 2. a. e c.) con l'aggiunta del suffisso "-orio". Sarebbe, quindi, un aggettivo deverbale.
«Nostra lingua, un giorno tanto in pregio, è ridotta ormai un bastardume» (Carlo Gozzi)
«Musa, tu che sei grande e potente, dall'alto della tua magniloquenza non ci indurre in marronate ma liberaci dalle parole errate»
Avatara utente
Marco1971
Moderatore
Interventi: 10414
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 12:37

Re: «Ispiratorio»

Intervento di Marco1971 »

Mi sembra che basti ispiratore, ampiamente attestato.
Ma quella lingua si chiama d’una patria, la quale convertisce i vocaboli ch’ella ha accattati da altri nell’uso suo, et è sí potente che i vocaboli accattati non la disordinano, ma ella disordina loro.
Avatara utente
G.B.
Interventi: 563
Iscritto in data: gio, 15 ago 2019 11:13

Re: «Ispiratorio»

Intervento di G.B. »

Segnalo questa scheda della Crusca. Certo, se musica ispiratrice ricorda troppo la Musa da non poter tradurre inspirational music, si potrà ripiegare su ispirativo (musica ispirativa). Sempre meglio di ispirazionale.
G.B.
Intervieni

Chi c’è in linea

Utenti presenti in questa sezione: Bing [Bot] e 2 ospiti