Interpretare o interpetrare?

Spazio di discussione su questioni di lessico e semantica

Moderatore: Cruscanti

Intervieni
sabiuf
Interventi: 6
Iscritto in data: ven, 16 nov 2012 16:02

Interpretare o interpetrare?

Intervento di sabiuf »

Un saluto a tutti.
Apro questo filone per chiedere a qualcuno più esperto di me in lessico italiano quale sia la parola più corretta tra la più comune "interpretare" e "interpetrare", ammesso che quest'ultima rientri nelle parole riconosciute dalla lingua italiana!
Grazie

P.S. Proprio mentre scrivo, lo SCOPRITORE (il browser, scusate ma non trovo traduzione più appropriata) segnala il vocabolo "interpetrare" errato.
Andrea Russo
Interventi: 763
Iscritto in data: dom, 23 ott 2011 22:37

Intervento di Andrea Russo »

Guardi qui. :wink:
Avatara utente
Infarinato
Amministratore
Interventi: 4046
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 10:40
Info contatto:

[FT] «Browser»

Intervento di Infarinato »

sabiuf ha scritto:P.S. Proprio mentre scrivo, lo SCOPRITORE (il browser, scusate ma non trovo traduzione più appropriata)…
Navigatore!!
sabiuf
Interventi: 6
Iscritto in data: ven, 16 nov 2012 16:02

Intervento di sabiuf »

Andrea Russo ha scritto:Guardi qui. :wink:
Tante grazie, "Varianti tosc. o letter.": che significa di preciso? È comunque un vocabolo che fa parte della lingua italiana pur essendo una variante?
Infarinato ha scritto:
sabiuf ha scritto:P.S. Proprio mentre scrivo, lo SCOPRITORE (il browser, scusate ma non trovo traduzione più appropriata)…
Navigatore!!
La ringrazio! Studiando proprio informatica tendo ad utilizzare i termini nativi inglesi, trascurando la loro traduzione letterale in italiano!
Avatara utente
Marco1971
Moderatore
Interventi: 10380
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 12:37

Intervento di Marco1971 »

sabiuf ha scritto:È comunque un vocabolo che fa parte della lingua italiana pur essendo una variante?
Fa parte, oggi, di un italiano di registro basso, ed è considerato scorretto nella lingua normale, cioè non appartiene alla norma italiana attuale. La forma corretta è solo interpretare.
Ma quella lingua si chiama d’una patria, la quale convertisce i vocaboli ch’ella ha accattati da altri nell’uso suo, et è sí potente che i vocaboli accattati non la disordinano, ma ella disordina loro.
PersOnLine
Interventi: 1303
Iscritto in data: sab, 06 set 2008 15:30

Intervento di PersOnLine »

Marco1971 ha scritto:Fa parte, oggi, di un italiano di registro basso
Ma allora perché il Treccani lo mette come letterario?
Avatara utente
Marco1971
Moderatore
Interventi: 10380
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 12:37

Intervento di Marco1971 »

Infatti penso che l’indicazione sia forviante. Bisognava mettere ant. lett.
Ma quella lingua si chiama d’una patria, la quale convertisce i vocaboli ch’ella ha accattati da altri nell’uso suo, et è sí potente che i vocaboli accattati non la disordinano, ma ella disordina loro.
Fausto Raso
Interventi: 1700
Iscritto in data: mar, 19 set 2006 15:25

Intervento di Fausto Raso »

Anche il DOP marca il termine di uso letterario.

PS. Non sarebbe "piú preciso" mettere questo filone nella sezione grafematica?
«Nostra lingua, un giorno tanto in pregio, è ridotta ormai un bastardume» (Carlo Gozzi)
«Musa, tu che sei grande e potente, dall'alto della tua magniloquenza non ci indurre in marronate ma liberaci dalle parole errate»
Avatara utente
Carnby
Interventi: 3816
Iscritto in data: ven, 25 nov 2005 18:53
Località: Empolese-Valdelsa

Re: [FT] «Browser»

Intervento di Carnby »

Infarinato ha scritto:Navigatore!
Le prime versioni di Netscape infatti si chiamavano proprio «Netscape Navigator». Browser, diffusosi principalmente «grazie» a Internet Explorer, letteralmente vuol dire «sfogliatore, osservatore»: infatti anche tra gli animali ci sono i grazers («pascolatori») e i browsers («sfogliatori») e una persona può «fare browsing» (ovvero curiosare) anche tra le bancarelle del mercato.
Avatara utente
Marco1971
Moderatore
Interventi: 10380
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 12:37

Intervento di Marco1971 »

Dunque, il tipo interpetr- è attestato ampiamente fino al Settecento nel corpus della BIZ[a]. L’ultimo esempio significativo è di Cesare Beccaria:

Le azioni morali, come le fisiche, hanno la loro sfera limitata di attività e sono diversamente circonscritte, come tutti i movimenti di natura, dal tempo e dallo spazio; e però la sola cavillosa interpetrazione, che è per l’ordinario la filosofia della schiavitù, può confondere ciò che dall’eterna verità fu con immutabili rapporti distinto. (Dei delitti e delle pene, 1764)

L’ultimissimo esempio, di Giovanni Meli, e datato 1815, non conta perché poesia dialettale.

Chi dicesse o scrivesse oggi interpetrare sarebbe semplicemente considerato un ignorante.
Ma quella lingua si chiama d’una patria, la quale convertisce i vocaboli ch’ella ha accattati da altri nell’uso suo, et è sí potente che i vocaboli accattati non la disordinano, ma ella disordina loro.
Avatara utente
Carnby
Interventi: 3816
Iscritto in data: ven, 25 nov 2005 18:53
Località: Empolese-Valdelsa

Intervento di Carnby »

Marco1971 ha scritto:Chi dicesse o scrivesse oggi interpetrare sarebbe semplicemente considerato un ignorante.
È curioso come la proscrizione di certe semplificazioni fonetiche popolari segua criterî differenti da caso a caso: mi viene a mente propio che nello spagnolo è diventato forma normativa, mentre nell'italiano corrente è considerato erroneo o dialettale.
Cembalaro
Interventi: 86
Iscritto in data: sab, 02 nov 2013 14:46

Re: Interpretare o interpetrare?

Intervento di Cembalaro »

Chiedo scusa se riporto su questo filone ormai vecchio. C'è un esempio molto tardo, rispetto alla periodizzazione proposta da Marco, di un uso colto della forma interpetrare.
L'ho infatti incontrata in Benedetto Croce, Riduzione della filosofia del diritto alla filosofia dell'economia. Si tratta di una memoria letta all'Accademia Pontaniana di Napoli in due parti tra l'aprile e il maggio del 1907 e pubblicata negli «Atti dell'Accademia Pontaniana», XXXVII, n. 8 (1907) alle pagine 3-53.
Con la stessa forma compare nell'edizione del 1926, curata da Adelchi Attisani ma certamente supervisionata dall'autore: Napoli, Ricciardi Editore.
L'edizione critica della Riduzione, a cura di Carlo Nitsch, la conserva.
Si trova nella parte prima al paragrafo 13 (pag. 29 dell’ed. Nitsch) e nella second parte al paragrafo 8 (pag. 51 dell'ed. Nitsch).

Non so se sia un vezzo linguistico di Croce o testimoni un certo uso dell'epoca.
Intervieni

Chi c’è in linea

Utenti presenti in questa sezione: Nessuno e 1 ospite