Parole che finiscono con «-ndo»

Spazio di discussione su questioni di lessico e semantica

Moderatore: Cruscanti

Intervieni
Olya
Interventi: 42
Iscritto in data: dom, 16 mar 2014 12:04
Località: Russia

Parole che finiscono con «-ndo»

Intervento di Olya » sab, 15 set 2018 17:21

Buongiorno a tutti!

Mi potreste per favore spiegare come funziona la desinenza "-ndo/a/i/e" nell'italiano di oggi?
Ho decine di esempi ma non so di certo se ci sia una regola per formare parole nuove utilizzando il suffisso -nd- oppure si tratti di pochi residui del gerundivo latino e qualsiasi parola nuova formata secondo lo stesso principio è grammaticamente errata.

Parlo di parole come maturando, diplomando, laureando, iniziando, operando, derivati dal gerundivo.
Ma anche di nomi come propaganda, locanda, leggenda, serranda, agenda, faccenda, merenda, mutande, che hanno in comune il suffisso "-nd-" e un tratto semantico (da fare / che deve essere fatto).
Cioè "operandi" – persone che devono subire un intervento chirurgico, "propaganda" – ciò che deve essere propagato, "serranda" – da serrare, ecc.

Ho ragione a pensare che quando uno costruisce una parola nuova seguendo lo stesso schema, creando magari un neologismo, ha in mente questo significato, "che deve essere fatto"?

Ecco degli esempi che ho trovato in varie fonti:

"Almeno tutti i festeggiandi di settembre devono eserci". Credo che significhi "quelli nati in settembre, cui compleanno dobbiamo festeggiare".
A differenza di "festeggianti" – che già festeggiano – i festeggiandi lo stanno per fare. E poi "festeggianti" include anche gli ospiti, mentre i festeggiandi sono esclusivamente quelli che devono essere sottoposti al festeggiamento. I semi comuni sono "il futuro", "necessità" e "diatesi passiva".

Un altro esempio: "Mi basta un colloquio di 10 minuti con gli sposandi e vi tiro giù un discorso da far lacrimare le pietre".
Gli sposandi – che devono essere sposati (il futuro, necessità e diatesi passiva).

"I premiandi, seduti a sinistra del padiglione, si conoscevano dal viso".
I premiandi – che devono essere premiati. E così via.

Si può formare le parole da altri verbi utilizzando questo schema?
Per esempio i medici potrebbero chiamare tra sé i loro pazienti "dimettendi" (quasi sani, possiamo dimetterli) e "ricoverandi" (che devono essere ricoverati in ospedale)"?

Così come "amicandi" potrebbe significare "quelli che aspettano una conferma di amicizia su Facebook".

Mentre "lavanda" (altro che la pianta) si potrebbe dire di "una donna che deve essere lavata", perché no? Immagino una fila di prigioniere, magari in un campo di concentramento, davanti alla camera delle docce.

I miei esempi sono un po' forzati, è vero.
Ma mi interessa, per quanto siano strambi, sarebbero comprensibili?
La proposizione "Le lavande aspettavano in fila per fare una doccia" ha il diritto di esistere?

Sarei grata per ogni risposta!

Avatara utente
Animo Grato
Interventi: 1379
Iscritto in data: ven, 01 feb 2013 15:11

Intervento di Animo Grato » sab, 15 set 2018 20:58

Buona sera (ma forse da Lei è ancora "buon giorno"), Olya!
Come ha giustamente osservato, i sostantivi italiani che terminano in quel modo derivano spesso da un gerundio o un gerundivo latino. È un metodo di formazione non più produttivo nell'italiano di oggi, se si eccettuano gli estremi - opposti ma imparentati - del linguaggio burocratico (a cui si possono ricondurre dimettendi e ricoverandi) e delle formazioni occasionali informali (amicandi), che è scherzosa proprio perché è una parodia del "burocratese".
Il Suo lavanda presenterebbe un problema in più, perché oltre alla pianta (che non creerebbe confusione, vista la grande lontananza semantica), c'è un'altra lavanda che significa semplicemente lavaggio, limitata perlopiù a espressioni specifiche come lavanda dei piedi (nella liturgia) e lavanda gastrica (in medicina). Perciò mi pare una parola "evitanda". :wink:

P.S. Complimenti per il Suo italiano, in costante miglioramento.
«Ed elli avea del cool fatto trombetta». Anonimo del Trecento su Miles Davis
«E non piegherò certo il mio italiano a mere (e francamente discutibili) convenienze sociali». Infarinato
«Prima l'italiano!»

Olya
Interventi: 42
Iscritto in data: dom, 16 mar 2014 12:04
Località: Russia

Intervento di Olya » sab, 15 set 2018 21:46

Grazie, Animo Grato, per la risposta e per il complimento!

Ho completamente dimenticato quest'altro significato di "lavanda", anche se sono sicura di averlo sentito.
Forse per una povera parola ancora un senso e così bizzarro, per giunta, sarebbe troppo, ha ragione.

Tanto per dire, da noi è sicuramente sera, più avanzata che in Italia, quasi notte :)

Intervieni

Chi c’è in linea

Utenti presenti in questa sezione: Google [Bot] e 1 ospite