«Lunauta»

Spazio di discussione su questioni di lessico e semantica

Moderatore: Cruscanti

Avatara utente
Millermann
Interventi: 770
Iscritto in data: ven, 26 giu 2015 19:21
Località: Riviera dei Cedri

Intervento di Millermann » lun, 05 nov 2018 15:55

Maestro Italiano ha scritto:La frittata, cioè la parola ormai è fatta e quindi la usi pure chi vuole, compreso me stesso.

Soltanto sulle ultime due righe sopra gradirei un suo parere. Ci tengo molto.
Beh, cosa posso dirle? Sí, ormai che la parola attestata è quella, non avrebbe piú tanto senso usare luninauta con la motivazione che è piú corretta. Suonerebbe come quando qualcuno sceglie d'usare, che so, mineralilogia al posto di mineralogia o idololatria al posto di idolatria.
Semmai, c'è davvero bisogno di una simile parola nel linguaggio comune? Io non la conoscevo affatto, eppure sono certo d'aver potuto parlare, in diverse occasioni, di astronauti e viaggi lunari, a cominciare dalle volte in cui ho raccontato di quando, bambino, ho assistito anch'io (in parte dormicchiando ;)) alla diretta televisiva di quella storica notte, fino alle cinque del mattino. :)
In Italia, dotta, Foro fatto dai latini

Carnby
Interventi: 3521
Iscritto in data: ven, 25 nov 2005 19:53
Località: Empolese-Valdelsa

Intervento di Carnby » lun, 05 nov 2018 16:04

Infarinato ha scritto:Ma in un composto greco (e latino) il tema dello specificatore è quello del genitivo, non dell’accusativo: si pensi a dermatologia (da δέρμα, gen. δέρματος, acc. δέρμα).
Che figura. :oops: Allora correggo: il genitivo Ζηνός invece del più comune Διός, per evitare fraintendimenti.

Maestro Italiano
Interventi: 100
Iscritto in data: mar, 07 ago 2018 12:37

Intervento di Maestro Italiano » lun, 05 nov 2018 16:06

Sa, ho una vespa GT, e non sono magniloquente nei miei discorsi, ma ho la tendenza a dare pane al pane e vino al vino. Nome proprio o nome comune io ci rimasi male lo stesso.
La vespa che c'incastra? Ecco, riguardo alla vespa mi sono levato la soddisfazione di grattare via dal tachimetro le iniziali delle scritte in inglese di hot e cold dal termometro, e di full e empty dal livello del serbatoio, e la parola code. Le ho sostituite con le rispettive lettere e parole italiane. Ora, secondo lei mi spaventerò ad usare nei discorsi lunauta?

Ho chiesto il perché dell'assenza di questa parola in alcuni prestigiosi dizionari, e sono giunte le risposte con tanto di spiegazioni. Ne è sorta anche una carrellata di nuove formazioni che mettono in evidenza la preparazione dei partecipanti. Ringrazio tutti.
Ultima modifica di Maestro Italiano in data lun, 05 nov 2018 16:44, modificato 3 volte in totale.
Arriveremo al giorno in cui, per chiamare "pietre" le pietre bisognerà sguainare la spada. La mia mano stringe l'impugnatura.

Carnby
Interventi: 3521
Iscritto in data: ven, 25 nov 2005 19:53
Località: Empolese-Valdelsa

Intervento di Carnby » lun, 05 nov 2018 16:09

Mi aspetto di conseguenza che si sieda comodamente a tavola davanti a una costata alla fiorentina.

Maestro Italiano
Interventi: 100
Iscritto in data: mar, 07 ago 2018 12:37

Intervento di Maestro Italiano » lun, 05 nov 2018 16:37

Millermann ha scritto:Semmai, c'è davvero bisogno di una simile parola nel linguaggio comune? Io non la conoscevo affatto, eppure sono certo d'aver potuto parlare, in diverse occasioni, di astronauti e viaggi lunari, a cominciare dalle volte in cui ho raccontato di quando, bambino, ho assistito anch'io (in parte dormicchiando ;)) alla diretta televisiva di quella storica notte, fino alle cinque del mattino. :)
Allora siamo coetanei o quasi. Grazie della risposta.
Arriveremo al giorno in cui, per chiamare "pietre" le pietre bisognerà sguainare la spada. La mia mano stringe l'impugnatura.

Intervieni

Chi c’è in linea

Utenti presenti in questa sezione: Nessuno e 2 ospiti