«Pleonastico»

Spazio di discussione su questioni di lessico e semantica

Moderatore: Cruscanti

Intervieni
rossosolodisera
Interventi: 183
Iscritto in data: lun, 30 dic 2013 17:30

«Pleonastico»

Intervento di rossosolodisera »

Leggo sui dizionari che significa superfluo. Tuttavia è termine non troppo pololare, che infatti ho sentito usare frequentemente a scuola.
La mia domanda qui è questa: indica soltanto una particella del discorso superflua, di troppo nell'economia della frase, od è lecito usarlo, anche se termine di nicchia, come sostituto di superfluo in qualunque contesto?
Ad esempio «portare in auto il certificato di proprietà è pleonastico», «è una misura pleonastica».
Avatara utente
Marco1971
Moderatore
Interventi: 10381
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 12:37

Re: «Pleonastico»

Intervento di Marco1971 »

Pleonastico è anzitutto un termine di grammatica e di retorica, e l’uso figurato che se ne fa, per estensione, è ammissibile se non diventa un automatismo e tutto diventa pleonastico a scapito dei tanti altri termini che abbiamo a disposizione per esprimere il concetto di superfluità. Io, per me, non lo userei all’infuori di espressione pleonastica e simili.
Ma quella lingua si chiama d’una patria, la quale convertisce i vocaboli ch’ella ha accattati da altri nell’uso suo, et è sí potente che i vocaboli accattati non la disordinano, ma ella disordina loro.
Intervieni

Chi c’è in linea

Utenti presenti in questa sezione: Nessuno e 1 ospite