Dittongazione di «e» nelle traslitterazioni dal greco

Spazio di discussione su questioni di fonetica, fonologia e ortoepia

Moderatore: Cruscanti

Intervieni
Dario Brancato
Interventi: 71
Iscritto in data: mar, 25 set 2007 1:45

Dittongazione di «e» nelle traslitterazioni dal greco

Intervento di Dario Brancato »

Ho a lungo esitato su quale filone scegliere per il mio quesito, che in realtà comprende diversi problemi in uno, e mi scuso per il tema, che solo in parte ha attinenza con la lingua italiana.
La questione della traslitterazione dei grecismi nell’italiano medievale e rinascimentale è stata trattata, fra gli altri, da Migliorini, Maraschio e, da ultimo, R. Tesi. In generale, le traslitterazioni, per così dire, «fonetiche», risentono di modalità antecedenti a Erasmo e a Reuchlin. Negli scritti cinquecenteschi, per esempio, troviamo varie parole o espressioni greche traslitterate nell’alfabeto latino, nelle quali si trova η a volte reso con i, a volte con e (agapiton e agapeton), υ a volte con i, a volte con y (tipo o typo per τύπῳ).
In due di questi testi, di area fiorentina, però mi sono imbattuto rispettivamente in un eni chiè mono (ἐνὶ καὶ μόνῳ) e in un euchieste per εὔχεσθαι (ma euchos per εὖχος) che non riesco proprio a spiegare. Se la monottongazione αι = e non mi crea problemi, non capisco affatto come la vocale palatale si dittonghi in ie. Si tratta di un’idiosincrasia fiorentina (per es., può capitare di trovare che la pronuncia antica del latino genus era ghienus), oppure è un fenomeno molto più diffuso all’epoca?

Avatara utente
Infarinato
Amministratore
Interventi: 3731
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 10:40
Info contatto:

Re: Dittongazione di «e» nelle traslitterazioni dal greco

Intervento di Infarinato »

Dario Brancato ha scritto:
gio, 16 lug 2020 1:33
In due di questi testi, di area fiorentina, però mi sono imbattuto rispettivamente in un eni chiè mono (ἐνὶ καὶ μόνῳ) e in un euchieste per εὔχεσθαι (ma euchos per εὖχος) che non riesco proprio a spiegare. Se la monottongazione αι = e non mi crea problemi, non capisco affatto come la vocale palatale si dittonghi in ie. Si tratta di un’idiosincrasia fiorentina (per es., può capitare di trovare che la pronuncia antica del latino genus era ghienus), oppure è un fenomeno molto più diffuso all’epoca?
Ma no, caro Dario, qui il fiorentino non c’entra nulla: si tratta di una caratteristica della fonologia del neogreco, in cui le occlusive velari (piú /n/ e /l/) si palatalizzano davanti a vocale palatale. Tipico il caso della congiunzione καί (-ὶ) /(ˈ)cᴇ/ (e), che davanti a vocale si elide [anche graficamente] in κι. ;)

P.S. Siamo «fuori fòro».

Dario Brancato
Interventi: 71
Iscritto in data: mar, 25 set 2007 1:45

Re: Dittongazione di «e» nelle traslitterazioni dal greco

Intervento di Dario Brancato »

Infarinato ha scritto:
gio, 16 lug 2020 9:45
P.S. Siamo «fuori fòro».
E infatti avevo il forte sospetto che lo fossimo :P . Avevo pensato al neogreco, ma quella descrizione della pronuncia di genus come ghienus mi ha messo fuori strada. La ringrazio per la delucidazione, caro Infarinato, e alla prossima!

Intervieni

Chi c’è in linea

Utenti presenti in questa sezione: Nessuno e 1 ospite