Quale vocale nelle anaptissi?

Spazio di discussione su questioni di fonetica, fonologia e ortoepia

Moderatore: Cruscanti

Intervieni
Avatara utente
G. M.
Interventi: 568
Iscritto in data: mar, 22 nov 2016 15:54

Quale vocale nelle anaptissi?

Intervento di G. M. »

Una curiosità che ho da qualche tempo riguarda la vocale che si inserisce nelle anaptissi: ci sono delle preferenze, degli elementi che possono influenzare la scelta di una certa vocale a livello inconscio nei vari casi? La i in ègira (arabo hijra), lanzichenecco (tedesco Landsknecht) e tanica (anche tanca; inglese tank); la u in mussulmano (arabo-persiano muslimān); la a in stoccafisso (olandese antico stocvisch); eccetera.

Ho l'impressione che l'italiano abbia una maggiore tendenza a usare la i rispetto allo spagnolo, che mi sembra tendere più alla e; perlomeno ciò è vistoso nel fenomeno della nostra i- prostetica, oggi disusata a parte qualche caso cristallizzato (per iscritto; in ispirito), dove invece lo spagnolo ha e- che per obbligo fonotattico diventa parte integrante della parola sempre: escribir 'scrivere', esmeralda 'smeraldo'.

Conoscete qualche studio sul tema, magari con un confronto fra l'italiano e altre lingue?
Intervieni

Chi c’è in linea

Utenti presenti in questa sezione: Nessuno e 2 ospiti