Zeta sonora tradizionale e zeta sorda moderna?

Spazio di discussione su questioni di fonetica, fonologia e ortoepia

Moderatore: Cruscanti

Avatara utente
bubu7
Interventi: 1454
Iscritto in data: gio, 01 dic 2005 14:53
Località: Roma
Info contatto:

Intervento di bubu7 »

Marco1971 ha scritto:
bubu7 ha scritto:Un dizionario dell'uso che riporta solo la pronuncia tradizionale non fa il suo dovere. :)
È il caso della maggior parte dei dizionari dell’uso, GRADIT compreso. ;)
Infatti; ne abbiamo parlato già altre volte.
I nostri dizionari, anche i migliori, sono piuttosto carenti dal lato pronuncia. Meglio far riferimento a un dizionario di pronuncia come il DiPI. :)
La lingua è un guado attraverso il fiume del tempo. Essa ci conduce alla dimora dei nostri antenati.
V. M. Illič-Svitič
Gianluca
Interventi: 128
Iscritto in data: sab, 25 ago 2007 18:34

Intervento di Gianluca »

Un piccolo problema: la mia grammatica (non di Serianni) annovera la parola frizzante tra quelle che vanno pronunciate con la zeta aspra, ma il mio dizionario Sàndron segnala la zeta sonora /friżżante/. Nel DOP la parola viene pronunciata con la zeta sonora. Qual è la pronuncia esatta? Posso tranquillamente «seguire» il DOP?
Ultima modifica di Gianluca in data dom, 21 ago 2011 16:01, modificato 1 volta in totale.
Avatara utente
Marco1971
Moderatore
Interventi: 9999
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 12:37

Intervento di Marco1971 »

Il DOP non vagella: la pronuncia corretta è /fridz'dzante/. Meglio guardare con sospetto alle indicazioni sulla pronuncia fornite dalle grammatiche (tranne quella, affidabilissima, di Serianni).
Ma quella lingua si chiama d’una patria, la quale convertisce i vocaboli ch’ella ha accattati da altri nell’uso suo, et è sí potente che i vocaboli accattati non la disordinano, ma ella disordina loro.
Avatara utente
Infarinato
Amministratore
Interventi: 3749
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 10:40
Info contatto:

Intervento di Infarinato »

Marco1971 ha scritto:Il DOP non vagella: la pronuncia corretta è /fridz'dzante/…
Ovviamente, caro Gianluca, qui stiamo parlando della pronuncia «tradizionale» (forentina/toscana). ;)
Gianluca
Interventi: 128
Iscritto in data: sab, 25 ago 2007 18:34

Intervento di Gianluca »

Grazie molte! :)
Gianluca
Interventi: 128
Iscritto in data: sab, 25 ago 2007 18:34

Intervento di Gianluca »

Gianluca ha scritto:Un piccolo problema: la mia grammatica (non di Serianni) annovera la parola frizzante tra quelle che vanno pronunciate con la zeta aspra, ma il mio dizionario Sàndron segnala la zeta sonora /friżżante/. Nel DOP la parola viene pronunciata con la zeta sonora. Qual è la pronuncia esatta? Posso tranquillamente "seguire" il DOP?
Lo Zingarelli (dodicesima edizione) ammette anche la pronuncia con la zeta sorda. Devo correggere?

La parola zar, invece, secondo il Sàndron ha la zeta sorda, secondo lo Zingarelli sonora; il DOP conferma la zeta sorda: devo correggere?

Grazie in anticipo!
Avatara utente
Marco1971
Moderatore
Interventi: 9999
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 12:37

Intervento di Marco1971 »

Se segue le indicazioni del DOP, è sicuro di non sbagliare. La pronuncia preferibile è /tsar/, ma è ammessa anche /dzar/.
Ma quella lingua si chiama d’una patria, la quale convertisce i vocaboli ch’ella ha accattati da altri nell’uso suo, et è sí potente che i vocaboli accattati non la disordinano, ma ella disordina loro.
Gianluca
Interventi: 128
Iscritto in data: sab, 25 ago 2007 18:34

Intervento di Gianluca »

Grazie!

Ha «obliato» di pronunciarsi su frizzante. Lo Zingarelli riconosce anche la pronuncia con la zeta sorda...
Ultima modifica di Gianluca in data dom, 21 ago 2011 16:01, modificato 1 volta in totale.
Avatara utente
Marco1971
Moderatore
Interventi: 9999
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 12:37

Intervento di Marco1971 »

Nelle ultime edizioni dello Zingarelli, la fonetica è stata curata da Luciano Canepàri, che promuove la «pronuncia moderna». È una questione di scelta: segua l’una o l’altra, ma in maniera coerente. Per me /fridz'dzante/ era e /fridz'dzante/ rimane. ;)
Ma quella lingua si chiama d’una patria, la quale convertisce i vocaboli ch’ella ha accattati da altri nell’uso suo, et è sí potente che i vocaboli accattati non la disordinano, ma ella disordina loro.
Brazilian dude
Moderatore «Dialetti»
Interventi: 726
Iscritto in data: sab, 14 mag 2005 23:03

Intervento di Brazilian dude »

La pronuncia preferibile è /tsar/, ma è ammessa anche /dzar/.
E questa ha anche il vantaggio di essere identica alla pronuncia originale russa царь, dove ц equivale a z sorda.
Avatara utente
bubu7
Interventi: 1454
Iscritto in data: gio, 01 dic 2005 14:53
Località: Roma
Info contatto:

Intervento di bubu7 »

Infarinato ha scritto:
Marco1971 ha scritto:Il DOP non vagella: la pronuncia corretta è /fridz'dzante/…
Ovviamente, caro Gianluca, qui stiamo parlando della pronuncia «tradizionale» (forentina/toscana). ;)
In questo caso la pronuncia moderna, secondo il DiPI, coincide con quella tradizionale. :wink:

Per quanto riguarda zar, la pronuncia moderna, consigliabile, è /'dzar/; non c'è quindi bisogno, caro Gianluca, che corregga la sua pronuncia: come diceva Marco può scegliere tra la pronuncia moderna e quella tradizionale.
La lingua è un guado attraverso il fiume del tempo. Essa ci conduce alla dimora dei nostri antenati.
V. M. Illič-Svitič
Avatara utente
Infarinato
Amministratore
Interventi: 3749
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 10:40
Info contatto:

Intervento di Infarinato »

bubu7 ha scritto:In questo caso la pronuncia moderna, secondo il DiPI, coincide con quella tradizionale. :wink:
Really??… How odd! :D
Avatara utente
bubu7
Interventi: 1454
Iscritto in data: gio, 01 dic 2005 14:53
Località: Roma
Info contatto:

Intervento di bubu7 »

Sì, è strano.
Sono quei casi al limite in cui la decisione del fonetista si fonda su ragioni imperscrutabili. :)

La distribuzione nelle regioni standardizzanti è la seguente: TU dz/ts; ML ts; R ts/dz.
La lingua è un guado attraverso il fiume del tempo. Essa ci conduce alla dimora dei nostri antenati.
V. M. Illič-Svitič
Avatara utente
Incarcato
Interventi: 900
Iscritto in data: lun, 08 nov 2004 12:29

Intervento di Incarcato »

In effetti anche a me, in alcuni casi, le ragioni delle distribuzioni rimangono oscure, sebbene veneri il DiPI come una santa reliquia. :roll:
I' ho tanti vocabuli nella mia lingua materna, ch'io m'ho piú tosto da doler del bene intendere le cose, che del mancamento delle parole colle quali io possa bene esprimere il concetto della mente mia.
Avatara utente
bubu7
Interventi: 1454
Iscritto in data: gio, 01 dic 2005 14:53
Località: Roma
Info contatto:

Intervento di bubu7 »

Incarcato ha scritto:In effetti anche a me, in alcuni casi, le ragioni delle distribuzioni rimangono oscure, sebbene veneri il DiPI come una santa reliquia. :roll:
Più che le ragioni delle distribuzioni quelle che sembrano oscure sono le ragioni della scelta di quale pronuncia eleggere a modello.
Ma più di una volta il buon Luciano ha risposto in maniera convincente alle mie puntuali obiezioni in merito. :)
La lingua è un guado attraverso il fiume del tempo. Essa ci conduce alla dimora dei nostri antenati.
V. M. Illič-Svitič
Intervieni

Chi c’è in linea

Utenti presenti in questa sezione: Nessuno e 2 ospiti