La pronuncia dei linguisti

Spazio di discussione su questioni di fonetica, fonologia e ortoepia

Moderatore: Cruscanti

Avatara utente
Marco1971
Moderatore
Interventi: 9557
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 13:37

La pronuncia dei linguisti

Intervento di Marco1971 » ven, 20 feb 2009 17:09

Un interessante filmato del 1965, in cui si sentono le voci di Giacomo Devoto e di Bruno Migliorini. Non so cosa ne pensiate, ma io in quell’assemblea d’illustri linguisti non odo alcuna pronuncia modello, ma solo pronunce piú o meno fortemente regionali... :? Ha proprio ragione Luciano Canepàri a dire che lo studio della pronuncia è completamente trascurato. :( E se volete svenire del tutto, sentite qui... Sono troppo severo? :roll:
Ma quella lingua si chiama d’una patria, la quale convertisce i vocaboli ch’ella ha accattati da altri nell’uso suo, et è sí potente che i vocaboli accattati non la disordinano, ma ella disordina loro.

Avatara utente
Marco1971
Moderatore
Interventi: 9557
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 13:37

Re: La pronuncia dei linguisti

Intervento di Marco1971 » ven, 20 feb 2009 19:56

Marco1971 ha scritto:Sono troppo severo? :roll:
Non era una domanda retorica... Attendo pareri. :)

A proposito di zaffíro/zàffiro, è interessante il commento fatto sui gioiellieri di Ponte Vecchio (ma come mi garba il Migliorini normativo: zaffíro, súccubo/súccuba... :) Tra l’altro credo che azzecchi tutte le ‘e’ e ‘o’ aperte e chiuse, ma si sente il veneto sotto... ;)), che trova riscontro anche in quest’affermazione del DOP (s. v.):

ma freq. pure, non da ieri, una pn. sdrucciola (attestata già dal Baldinucci, 1681, per l’uso dei «Gioiellieri» in contrapposto ai «Poeti», poi da vari dizionari dialettali)...
Ma quella lingua si chiama d’una patria, la quale convertisce i vocaboli ch’ella ha accattati da altri nell’uso suo, et è sí potente che i vocaboli accattati non la disordinano, ma ella disordina loro.

Bue
Interventi: 863
Iscritto in data: lun, 08 nov 2004 12:20

Re: La pronuncia dei linguisti

Intervento di Bue » mar, 17 mar 2009 12:18

Marco1971 ha scritto:Sono troppo severo? :roll:
Sì.

Andrea Russo
Interventi: 763
Iscritto in data: dom, 23 ott 2011 22:37

Intervento di Andrea Russo » mer, 30 nov 2011 23:34

Gentile Marco, non avrebbe un collegamento alternativo per il filmato del '65? Ora m'ha incuriosito parecchio. Quello che ha inserito non è più valido.

Avatara utente
Marco1971
Moderatore
Interventi: 9557
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 13:37

Intervento di Marco1971 » mer, 30 nov 2011 23:39

Purtroppo chi l’aveva caricato su YouTube l’ha tolto, chissà perché. È un vero peccato! :(
Ma quella lingua si chiama d’una patria, la quale convertisce i vocaboli ch’ella ha accattati da altri nell’uso suo, et è sí potente che i vocaboli accattati non la disordinano, ma ella disordina loro.

Avatara utente
Marco1971
Moderatore
Interventi: 9557
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 13:37

Intervento di Marco1971 » mer, 30 nov 2011 23:58

Però, cercando, mi sono imbattuto in questo video: un ragazzo che dice esattamente quello che diciamo noi da tempo a proposito della Crusca e dello stato della lingua.
Ma quella lingua si chiama d’una patria, la quale convertisce i vocaboli ch’ella ha accattati da altri nell’uso suo, et è sí potente che i vocaboli accattati non la disordinano, ma ella disordina loro.

Andrea Russo
Interventi: 763
Iscritto in data: dom, 23 ott 2011 22:37

Intervento di Andrea Russo » gio, 01 dic 2011 0:15

Grazie Marco.
Per quanto riguarda il filmato, il ragazzo mi pare che semplifichi un po' troppo le cose. Dire frasi come «che ci vuole?», «è logico», «non ci vogliono i soldi, fate così, ve lo dico io come fare» ecc. è sempre facile quando non si è dentro la realtà che si sta criticando (oltre al fatto che è da presuntuosi).
Dice molte cose giuste, per carità, ma è troppo semplicistico: lo vorrei vedere presidente dell'Accademia della Crusca!

Avatara utente
Marco1971
Moderatore
Interventi: 9557
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 13:37

Intervento di Marco1971 » gio, 01 dic 2011 0:27

Forse, ma intanto mi ha fatto piacere perché evidentemente, per fare un video del genere, oltre al coraggio, ci vuole una forte consapevolezza e convinzione. Inoltre (a parte presidentessa) trovo che si esprima bene, ha anche una pronuncia poco marcata regionalmente, al mio orecchio.

Il problema di fondo dell’Accademia della Crusca è che, come ho già detto piú volte, non è un organo coeso, ma un cumulo di individui con visioni diverse della lingua e di eventuali politiche linguistiche.
Ma quella lingua si chiama d’una patria, la quale convertisce i vocaboli ch’ella ha accattati da altri nell’uso suo, et è sí potente che i vocaboli accattati non la disordinano, ma ella disordina loro.

Avatara utente
Fabio48
Interventi: 199
Iscritto in data: mer, 30 nov 2005 9:38
Località: Lucca

Intervento di Fabio48 » gio, 01 dic 2011 9:45

No, non è troppo severo Marco: "dopo" con la "o" aperta e "cosa" con la "s" sonora sono orribili.

Cordialità.
...un pellegrino dagli occhi grifagni
il qual sorride a non so che Gentucca.

Avatara utente
Sandro1991
Interventi: 251
Iscritto in data: lun, 28 nov 2011 20:07

Intervento di Sandro1991 » gio, 01 dic 2011 12:39

Cosa mi dite di questo? L'ortoepía mi pare impeccabile, tuttavia mi sembra che Canepàri non rispetti −in pochissimi casi, beninteso− i gruppi sintagmatici da lui stesso scritti :? . Mi sbaglio?

Carnby
Interventi: 3526
Iscritto in data: ven, 25 nov 2005 19:53
Località: Empolese-Valdelsa

Intervento di Carnby » gio, 01 dic 2011 18:21

Sandro1991 ha scritto:Cosa mi dite di questo? L'ortoepía mi pare impeccabile, tuttavia mi sembra che Canepàri non rispetti −in pochissimi casi, beninteso− i gruppi sintagmatici da lui stesso scritti :? . Mi sbaglio?
Ho notato uno stacco tra «e la»: nella pronuncia tradizionale di base toscana si dovrebbe usare una geminata, ma in questo caso la pronuncia «neutra moderna» di Canepari prevede la degeminazione. Altri punti? In ogni caso grazie per il nesso.:)

Avatara utente
Marco1971
Moderatore
Interventi: 9557
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 13:37

Intervento di Marco1971 » gio, 01 dic 2011 19:02

In maniera generale, mi pare che le geminate non rappresentate dall’ortografia ([L], [J], [S]) vengano realizzate di grado intermedio tra scempio e geminato. Ho notato anche una mancata cogeminazione tra e e piú.
Ma quella lingua si chiama d’una patria, la quale convertisce i vocaboli ch’ella ha accattati da altri nell’uso suo, et è sí potente che i vocaboli accattati non la disordinano, ma ella disordina loro.

Avatara utente
Marco1971
Moderatore
Interventi: 9557
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 13:37

Intervento di Marco1971 » ven, 02 dic 2011 1:48

Segnalo quest’altra intervista a Luca Serianni. Io dissento su forwardare per il principio secondo il quale quando esiste un termine già in uso, qui inoltrare, è da rifiutare una semiassimilazione inutile.
Ma quella lingua si chiama d’una patria, la quale convertisce i vocaboli ch’ella ha accattati da altri nell’uso suo, et è sí potente che i vocaboli accattati non la disordinano, ma ella disordina loro.

Avatara utente
Roberto Crivello
Interventi: 1632
Iscritto in data: lun, 11 apr 2005 4:37
Località: Salt Lake City, Utah
Info contatto:

Intervento di Roberto Crivello » ven, 02 dic 2011 7:58

Ha solo fatto un esempio di come i forestierismi diano luogo a parole italianissime. Avrebbe anche potuto usare chattare. Oppure filmare, stoppare, bluffare o altro, ma questi ultimi sono denominali ormai assimilati e nessuno ci fa più caso mentre forwardare ancora colpisce. Che esista non significa che lo si debba usare.

Andrea Russo
Interventi: 763
Iscritto in data: dom, 23 ott 2011 22:37

Intervento di Andrea Russo » ven, 02 dic 2011 12:13

Marco1971 ha scritto:Segnalo quest’altra intervista a Luca Serianni. Io dissento su forwardare per il principio secondo il quale quando esiste un termine già in uso, qui inoltrare, è da rifiutare una semiassimilazione inutile.
Il professore Serianni? :evil:
Il giornalista dev'essere meridionale (il professor Serianni nella sua Grammatica ci dice che la forma non apocopata è tipica del Mezzogiorno).

Intervieni

Chi c’è in linea

Utenti presenti in questa sezione: Nessuno e 1 ospite