Il filone dello sfogo: quali pronunce non sopportate punto?

Spazio di discussione su questioni di fonetica, fonologia e ortoepia

Moderatore: Cruscanti

Avatara utente
Souchou-sama
Interventi: 414
Iscritto in data: ven, 22 giu 2012 23:01
Località: Persico Dosimo

Intervento di Souchou-sama » mar, 23 ott 2012 14:36

SinoItaliano ha scritto:Approssimativamente soocioo sama /soːtɕoː sama/.
Sí, o meglio: [ˈsooʨj̊oo sɐˈmɐ] — in canIPA, [ˈsσσʨj̊σσ sɐˈmɐ]. :wink: Tralasciando l’akusento (= pitch accent = accento tonale), ovviamente.
Inoltre, Le faccio notare che [ʨ] non è un fonema, in giapponese: una trascrizione fonemica sarebbe /sootjoo sama/. Sempre tralasciando l’akusento, che —questo sí— ha valore distintivo.
(La pronuncia italianizzata sarebbe, probabilmente, /ˈsɔʧo saˈma/.)
Non andrebbe però scritto Sōchō-sama in Hepburn?
La grafia ō non è meno arbitraria di ou: in giapponese cosí come in molte altre lingue —l’inglese, quelle scandinàve &c— ciò che tradizionalmente viene considerato una vocale lunga —/oː/— è in realtà un vero e proprio dittongo: /oo/. Per questo il Canepàri scriverebbe Soochoo-sama, ma essendo una grafia molto rara ho preferito adottare quella che solitamente usano i giapponesi stessi, quando scrivono 「そちょ」. :)

Bue
Interventi: 863
Iscritto in data: lun, 08 nov 2004 12:20

Intervento di Bue » mar, 23 ott 2012 14:57

Souchou-sama ha scritto:…arrivando a produrre il famigerato stasera *[staˈzeːɾa]. :)
Un paio di giorni fa ho sentito alla radio /bebi'zitter/. :shock: :shock:

Avatara utente
GianDeiBrughi
Interventi: 108
Iscritto in data: mar, 07 feb 2012 22:28
Località: Mantova

Intervento di GianDeiBrughi » mer, 24 ott 2012 14:58

SinoItaliano ha scritto:Ho sentito che perfino in Toscana (non so se anche a Firenze) distinzioni tradizionali come fuso /'fuso~'fuzo/ e chiese /'kjɛse~'kjɛze/ si stanno perdendo.
Per quanto riguarda Lucca ho sempre e solo sentito dire /'fuzo/ in ogni occasione come nell'espressione dritto come un fuso. Invece in merito a /'kjɛse~'kjɛze/ la distinzione è ancora ben conservata.
Pur abitando al nord ed avendo una dizione un po' spuria in entrambi gli accenti che utilizzo quotidianamente su queste due sono abbastanza sicuro. La prima è un'espressione che in famiglia usavamo spesso mentre riguardo alla seconda chiesi (:)) per l'appunto ragguagli al nonno qualche tempo fa, poiché mi era venuto il dubbio in merito.

A Marina di Massa ed in Versilia lì vicino invece quest'estate ho sentito molto chiaramente che la maggior parte dei parlanti tratta le "s" intervocaliche né più né meno come lassù da noi. Quindi così viene pronunciato /koˈzi/, casa la pronunciano /'kaza/, cosa /'kɔza/, imprese /im'preze/ e così via.

Per quanto mi riguarda nella dizione classica sono abbastanza insofferente alla mancata osservanza della distinzione tra s intervocaliche sorde e sonore. Per rendere l'idea quando sento recitare "Ahi quanto a dir qual era è cosa dura" con la "s" sonora nella parola "cosa" il mio primo istinto ahimè è quello di cambiare canale o di spegnere il lettore multimediale. :(

Avatara utente
Souchou-sama
Interventi: 414
Iscritto in data: ven, 22 giu 2012 23:01
Località: Persico Dosimo

Intervento di Souchou-sama » mer, 24 ott 2012 15:52

GianDeiBrughi ha scritto:Per rendere l'idea quando sento recitare "Ahi quanto a dir qual era è cosa dura" con la "s" sonora nella parola "cosa" il mio primo istinto ahimè è quello di cambiare canale o di spegnere il lettore multimediale. :(
Son d’accordo. Recitare Dante usando una pronuncia troppo «moderna» è quasi ridicolo come leggere i classici latini usando la pronuncia «ecclesiastica».

Avatara utente
SinoItaliano
Interventi: 384
Iscritto in data: mer, 04 gen 2012 9:27
Località: Pechino

Intervento di SinoItaliano » mer, 24 ott 2012 16:50

Allora purtroppo il 99% dei professori liceali d'italiano e latino sono ridicoli...
Questo di sette è il piú gradito giorno, pien di speme e di gioia: diman tristezza e noia recheran l'ore, ed al travaglio usato ciascuno in suo pensier farà ritorno.

Avatara utente
Souchou-sama
Interventi: 414
Iscritto in data: ven, 22 giu 2012 23:01
Località: Persico Dosimo

Intervento di Souchou-sama » mer, 24 ott 2012 17:13

Di certo non sono molto professionali (in questo come in molte altre cose). :)

Carnby
Interventi: 3520
Iscritto in data: ven, 25 nov 2005 19:53
Località: Empolese-Valdelsa

Intervento di Carnby » mer, 24 ott 2012 17:28

GianDeiBrughi ha scritto:Per rendere l'idea quando sento recitare "Ahi quanto a dir qual era è cosa dura" con la "s" sonora nella parola "cosa" il mio primo istinto ahimè è quello di cambiare canale o di spegnere il lettore multimediale.
Vabbè, non esageriamo: della pronuncia di tutte le s intervocaliche sonore ne parla già il senese Tolomei nel XVI secolo.

Avatara utente
Souchou-sama
Interventi: 414
Iscritto in data: ven, 22 giu 2012 23:01
Località: Persico Dosimo

Intervento di Souchou-sama » mer, 24 ott 2012 17:43

Epperò Dante non è del XVI secolo; dunque sarebbe auspicabile rispettare le relativamente poche differenze tra il suo italiano e il nostro. (E nel caso delle /s/ non dobbiamo neanche far appello alla pronuncia dugentesca, ma semplicemente a quella «tradizionale».) In una frase simile, poi, una co/s/a dura è decisamente piú «coerente» d’una co/z/a dura:D

Avatara utente
Infarinato
Amministratore
Interventi: 3604
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 11:40
Info contatto:

Intervento di Infarinato » mer, 24 ott 2012 17:57

E che dire di tutte le altre peculiarità della pronuncia fiorentina dugentesca? ;)

Avatara utente
Souchou-sama
Interventi: 414
Iscritto in data: ven, 22 giu 2012 23:01
Località: Persico Dosimo

Intervento di Souchou-sama » mer, 24 ott 2012 19:16

Non si preoccupi: avevo già letto il capitolo, e con vivissimo interesse. :) E mi pare che, tutto sommato, le differenze siano, appunto, «relativamente poche» — dal punto di vista d’uno ch’è abituato a pronunciar una mezza dozzina di lingue diverse, s’intende… :D

Avatara utente
SinoItaliano
Interventi: 384
Iscritto in data: mer, 04 gen 2012 9:27
Località: Pechino

Intervento di SinoItaliano » gio, 25 ott 2012 17:26

Però devo dire che la Divina Commedia recitata con l'accento fiorentino “moderno” è molto gradevole all'orecchio. :D
Questo di sette è il piú gradito giorno, pien di speme e di gioia: diman tristezza e noia recheran l'ore, ed al travaglio usato ciascuno in suo pensier farà ritorno.

Avatara utente
Souchou-sama
Interventi: 414
Iscritto in data: ven, 22 giu 2012 23:01
Località: Persico Dosimo

Intervento di Souchou-sama » gio, 25 ott 2012 23:38

Non vorrei suonare blasfemo, ma io trovo che l’accento fiorentino —ma, sinceramente, anche toscano tout court— sia piú «bello» dell’italiano neutro, Commedia o no. :D (Un po’ come preferirò sempre l’accento [neutro] britannico a qualsiasi inglese «internazionale» —come quello descritto dal Canepàri— che cerchi di mediare tra [neutro] britannico e americano.)

valerio_vanni
Interventi: 896
Iscritto in data: ven, 19 ott 2012 20:40
Località: Marradi (FI)

Intervento di valerio_vanni » ven, 26 ott 2012 1:19

Ho appena letto, nel testo di Infarinato, che tradizionalmente le rime sono legate alla grafia "e" "o" e non ai fonemi [e] [ɛ] [o][ɔ].
E' una cosa che non sapevo, non ci avevo mai fatto caso.

Sono poco pratico di poesia e relative tradizioni, però nelle canzoni noto rime e assonanze e personalmente il fonema differente mi fa un effetto di "imperfezione" [1].
E questo si collega alla questione "italiani regionali" perché, appunto, pronunce differenti portano a risultati differenti e quindi penso, di volta in volta, che quella determinata canzone farebbe rima meglio in quella particolare pronuncia rispetto a un'altra.

Se devo cantarla io uso i fonemi della mia parlata naturale, se questo porta a una rima perfetta bene, in caso contrario facco la stessa cosa ma... con un piccolo rimpianto.

Esempio pratico tratto da una canzone di De Andrè:
"Sorella morte datemi il tempo
di terminare il mio testamento"

Se la canta la mia ragazza usa la stessa "e", se la canto io ne uso due differenti (non ho controllato cosa facesse l'autore, ma ai fini del discorso non è rilevante).
In sintesi uso le due vocali differenti che fanno parte della mia parlata, ma non posso fare a meno di notare che "come la canta lei l'assonanza è migliore".

A voi che effetto fanno queste differenze?

[1] Fa eccezione "cuore" - "amore", forse è una rima così diffusa (al punto da essere spesso marcata come banale) che mi ci sono inconsapevolmente abituato.

Jonathan
Interventi: 228
Iscritto in data: sab, 10 ott 2009 22:43
Località: Almaty

Intervento di Jonathan » ven, 26 ott 2012 6:14

valerio_vanni ha scritto:non ho controllato cosa facesse l'autore, ma ai fini del discorso non è rilevante
Ho controllato io, De André fa la rima con due [ɛ]. :D

Avatara utente
Souchou-sama
Interventi: 414
Iscritto in data: ven, 22 giu 2012 23:01
Località: Persico Dosimo

Intervento di Souchou-sama » ven, 26 ott 2012 22:57

Considerando che dice */testaˈmɛnto/ anche laddove non è in rima, è molto probabile che si tratti d’un ipercorrettismo (per sfuggire alla /eNC/ del Nord Italia).

Comunque, anche a me le rime, per cosí dire, grafemiche anziché fonemiche danno un po’ fastidio. Però non oso certo «raddrizzarle» arbitrariamente: tuttalpiú, sceglierò tra /e, ɛ; o, ɔ/ nei limiti della pronuncia «accettabile». Un paio d’esempi, tratti dallo splendido eppure sconosciuto libro Scappa scappa galantuomo:

1)

Esiste un pòsto
dove allevano i tacchini
con il petto dei bambini
cotti arròsto.


2)

Verso Betlemme vanno i tre re magi
cólla mirra e coll’oro:
ma alla mèta
non giungeranno.

Dai predoni malvagi
impareranno
a non fidarsi piú della comèta
e a farsi i cazzi loro.


…Ma non dirò addirittura l’òro – lòro. :D

Intervieni

Chi c’è in linea

Utenti presenti in questa sezione: Nessuno e 1 ospite