Accenti tonici «sbagliati»

Spazio di discussione su questioni di fonetica, fonologia e ortoepia

Moderatore: Cruscanti

Avatara utente
Incarcato
Interventi: 900
Iscritto in data: lun, 08 nov 2004 13:29

Intervento di Incarcato » lun, 10 lug 2006 10:28

Solo la pronuncia regíme è corretta, come s'evince, per esempio, dal De Mauro.

Avatara utente
Federico
Interventi: 3008
Iscritto in data: mer, 19 ott 2005 16:04
Località: Milano

Intervento di Federico » lun, 10 lug 2006 10:31

Fabio48 ha scritto:Cosa mi dite di "règime" (che mi sembra preferito dai tecnici) o "regìme" come mi sembra preferito dalla maggioranza?
Sempre la storia della lectio difficilior: in ambito tecnico sembra piú corretto pronunciarlo sdrucciolo: nella formula uno, ad esempio, mi pare sia comunissimo sentir dire dai commentatori "a pieno régime".

Avatara utente
Marco1971
Moderatore
Interventi: 9555
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 13:37

Intervento di Marco1971 » lun, 10 lug 2006 12:30

Règime (con e aperta, Federico ;)) è la pronuncia etimologica, ancora preferita, nell’Ottocento, dal Tommaseo, che però avversava la voce stessa. Ormai si dice regíme, ma naturalmente non erra chi pronunzia alla latina.

Avatara utente
Federico
Interventi: 3008
Iscritto in data: mer, 19 ott 2005 16:04
Località: Milano

Intervento di Federico » lun, 10 lug 2006 13:18

So che la e è aperta: però quei commentatori che stavo citando la pronunciano chiusa. :wink:

Avatara utente
Marco1971
Moderatore
Interventi: 9555
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 13:37

Intervento di Marco1971 » lun, 10 lug 2006 13:45

E fanno malissimo... :roll:

Avatara utente
Federico
Interventi: 3008
Iscritto in data: mer, 19 ott 2005 16:04
Località: Milano

Intervento di Federico » lun, 10 lug 2006 14:31

E cosí siamo tornati al punto di partenza. :)

Avatara utente
Marco1971
Moderatore
Interventi: 9555
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 13:37

Intervento di Marco1971 » lun, 10 lug 2006 15:40

In buon italiano: Back to square one. 8)

Avatara utente
Fabio48
Interventi: 199
Iscritto in data: mer, 30 nov 2005 9:38
Località: Lucca

Intervento di Fabio48 » lun, 10 lug 2006 16:01

Grazie, caro Marco, come al solito.

Avendo sempre lavorato in aziende di produzione, ho continuamente avuto a che fare con Direttori (di produzione appunto), in buona maggioranza ingegneri, che parlavano di motori a "basso règime" o di pompe ad "alto règime".

Uno di loro, secondo me molto valido e non solo tecnicamente, mi disse che un suo famoso professore, usava règime per tutto quello che riguardava la tecnica, e regìme per tutto il resto (politico, alimentare,ecc.).

A quello che ho capito però, non è una distinzione giusta, anche se a mio figlio, che si è laureato due anni fa in Ingegneria delle Telecomunicazioni,
è stato insegnato ad usare "règime" quando deve parlare di cose attinenti alla sua professione... Sembra quasi voler essere un segno di distinzione tra "addetti ai lavori" e "non".

Cordialmente.
...un pellegrino dagli occhi grifagni
il qual sorride a non so che Gentucca.

Avatara utente
Incarcato
Interventi: 900
Iscritto in data: lun, 08 nov 2004 13:29

Intervento di Incarcato » lun, 10 lug 2006 16:10

Ma credo che Serianni, nella sua grammatica, sconsigli di usare la forma sdrucciola. (Come al solito, non l'ho qui.)


P.S.
Se posso permettermi, caro Fabio48, l'avverbio olofrastico negativo in italiano è solo no.

Avatara utente
Marco1971
Moderatore
Interventi: 9555
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 13:37

Intervento di Marco1971 » lun, 10 lug 2006 16:52

Non ho trovato nulla nel Serianni, ma è per regíme anche il Gabrielli:
Tuttavia, allo stato attuale della lingua, mi pare senz’altro da preferirsi regíme, con l’accento sulla i. E cosí in ogni caso, anche estensivamente parlando per esempio del motore di un’automobile. (Il museo degli errori, Milano, Mondadori, 1977, p. 35)

Avatara utente
Fabio48
Interventi: 199
Iscritto in data: mer, 30 nov 2005 9:38
Località: Lucca

Intervento di Fabio48 » lun, 10 lug 2006 17:02

Incarcato ha scritto:P.S.
Se posso permettermi, caro Fabio48, l'avverbio olofrastico negativo in italiano è solo no.
Non è che può permettersi, caro Incarcato: deve!
Sono io che ho pensato di abbreviare, scrivendo solo "non" e pensando di sottintendere "addetti ai lavori".
Ma credo che sia una scusa che regge ben poco vero? :wink:

Cordialmente.
...un pellegrino dagli occhi grifagni
il qual sorride a non so che Gentucca.

Avatara utente
Infarinato
Amministratore
Interventi: 3613
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 11:40
Info contatto:

Intervento di Infarinato » lun, 10 lug 2006 17:15

Fabio48 ha scritto:Non è che può permettersi, caro Incarcato: deve!
Sono io che ho pensato di abbreviare, scrivendo solo "non" e pensando di sottintendere "addetti ai lavori".
E pensava giusto: si tratta infatti d’un’ellissi… che personalmente trovo completamente inaccettabile solo quando l’elemento sottinteso è un sintagma verbale.

Avatara utente
Fabio48
Interventi: 199
Iscritto in data: mer, 30 nov 2005 9:38
Località: Lucca

Intervento di Fabio48 » lun, 10 lug 2006 17:39

Caro Infarinato,
La ringrazio per la Sua cortesia e disponibilità.

Le porgo i miei più cordiali saluti.
...un pellegrino dagli occhi grifagni
il qual sorride a non so che Gentucca.

Avatara utente
Incarcato
Interventi: 900
Iscritto in data: lun, 08 nov 2004 13:29

Intervento di Incarcato » mar, 11 lug 2006 8:52

Sempre, però, rifacendosi alla scheda dell'Accademia citata da Infarinato, si legge:
Lo stesso si dica di altri costrutti omologhi: e no (si pensi al romanzo di Vittorini Uomini e no), perché no, come no, se no oltre all'ormai raro anziché no. [...] Giustificare storicamente la genesi di un costrutto non significa necessariamente giustificarlo dal punto di vista normativo. Nonostante la sua attuale diffusione, il costrutto infastidisce ancora orecchie particolarmente sensibili.
Orsú Infarinato, non vorrà farmi dubitare delle sue orecchie? Se lo sapesse Luciano... :lol:

Avatara utente
Infarinato
Amministratore
Interventi: 3613
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 11:40
Info contatto:

Intervento di Infarinato » mar, 11 lug 2006 10:44

Incarcato ha scritto:Sempre, però, rifacendosi alla scheda dell'Accademia citata da Infarinato, si legge:
Lo stesso si dica di altri costrutti omologhi: e no…
Orsú Infarinato, non vorrà farmi dubitare delle sue orecchie?
Lo so bene: non per nulla ho parlato di percezione «personale»… che però credo abbia una sua giustificazione: l’ellissi di un sintagma nominale, aggettivale, avverbiale o preposizionale è propria [anche] del linguaggio tecnico-scientifico (calco?), cioè anche di una prosa in qualche modo «alta» :roll:, per cui «uno» finisce per farci l’orecchio; quella d’un sintagma verbale (e.g., il citato «ti piaccia o non» Immagine), oltre a essere piú «sostanziosa», è invece —per ovvie ragioni— tipica d’un parlare sciatto (segnatamente settentrionale)…

Intervieni

Chi c’è in linea

Utenti presenti in questa sezione: Nessuno e 2 ospiti