Z

Spazio di discussione su questioni di fonetica, fonologia e ortoepia

Moderatore: Cruscanti

ippogrifo
Interventi: 191
Iscritto in data: ven, 15 feb 2013 11:16

Saluti

Intervento di ippogrifo » gio, 25 lug 2013 16:45

Manutio ha scritto:Ippogrifo, che saluto

Ricambio cordialmente e condivido gli auspici

ippogrifo
Interventi: 191
Iscritto in data: ven, 15 feb 2013 11:16

ALBERTO & I MULINI

Intervento di ippogrifo » gio, 25 lug 2013 17:16

Carnby ha scritto:Piero e Alberto Angela, altrove criticati per il dino/z/auro, nello speciale sulla storia russa pronunciarono correttamente car' e carevič (con /ʦ-/).
Non molte sere fa stavo guardando una trasmissione di Alberto Angela sui Paesi bassi - Olanda - , la gestione del territorio e la difesa dal mare. Ovviamente, dati i temi, si parlava dei mulini a vento. Nella stanza c'erano degli adolescenti. Alberto Angela si riferiva al mugnaio definendolo "molinaro". Fui sorpreso dall'uso di un termine che ho difficoltà a ritenere davvero "neutro", ma, abituato come sono alle vecchie tradizioni popolari e alle parlate settentrionali, non posso certo dire di aver avuto problemi di comprensione.
Che, invece, notai chiaramente negli adolescenti, ormai abituati solo alle voci "neutre" - mugnaio - e un po' in difficoltà ad avvalersi degl'indizi contestuali. A voler proprio essere a tutti i costi "pedagogici", si potrebbe anche richiedere un po' più di flessibilità agli adolescenti, ma ritengo che in trasmissioni a intento principalmente divulgativo sia opportuno avvalersi di un livello di linguaggio il più "neutro" possibile, "filtrando" voci popolari o "popolaresche" che - in quel contesto - non possono risultare giustificate.

domna charola
Interventi: 1060
Iscritto in data: ven, 13 apr 2012 9:09

Intervento di domna charola » gio, 25 lug 2013 17:37

Più che popolaresco lo vedo arcaico, medievaleggiante. In sè, posto che alcuni adolescenti non sanno nemmeno cos'è il mugnaio (esperienza personale... incredibile ma vero), molinaro dovrebbe persino essere più decifrabile, collegandosi direttamente a mulino.

Avatara utente
u merlu rucà
Moderatore «Dialetti»
Interventi: 1302
Iscritto in data: mar, 26 apr 2005 8:41

Intervento di u merlu rucà » gio, 25 lug 2013 19:46

La denominazione del paese dei casachi oscilla paurosamente anche in testi più che ufficiali. Si va da Kazakistan a Kazakhistan, da Kazachistan a Kazakhstan e la nazionalità è kazaka, kazakha o, addirittura, kazakistana...
Largu de farina e strentu de brenu.

Avatara utente
Manutio
Interventi: 113
Iscritto in data: mar, 12 mar 2013 10:48

Intervento di Manutio » ven, 26 lug 2013 8:54

Carnby ha scritto:
è noto che, in cirillico, х e ч sono tra i grafemi più «ostici» da traslitterare.
Vero, ma peggio di tutti mi sembra proprio lo щa di Хрущёв. Ricorrendo ai ‘caratteri speciali’, con due ce la caviamo, altrimenti la cosa diventa ardua. I Tedeschi, che hanno scelto di trascrivere tutto secondo la loro ortografia, devono ricorrere a una soluzione un po’ mostruosa: schtsch. (Chruschtschow, facilmente controllabile in rete.) Sette caratteri latini per uno cirillico: probabilmente un primato!

Quanto alle trascrizioni del nome di quel discusso paese, credo che quella ufficiale sia Qazaqstan.

Avatara utente
Animo Grato
Interventi: 1376
Iscritto in data: ven, 01 feb 2013 16:11

Intervento di Animo Grato » ven, 26 lug 2013 11:19

domna charola ha scritto:posto che alcuni adolescenti non sanno nemmeno cos'è il mugnaio
Non esageriamo... Certo che lo sanno: è Banderas! :wink:
«Ed elli avea del cool fatto trombetta». Anonimo del Trecento su Miles Davis
«E non piegherò certo il mio italiano a mere (e francamente discutibili) convenienze sociali». Infarinato
«Prima l'italiano!»

domna charola
Interventi: 1060
Iscritto in data: ven, 13 apr 2012 9:09

Intervento di domna charola » ven, 26 lug 2013 12:57

eheheh...

comunque, parole che studenti di primo anno di università non conoscevano: mugnaio, opificio, segheria, laterizio, vallecola, guado... vado avanti?

Carnby
Interventi: 3524
Iscritto in data: ven, 25 nov 2005 19:53
Località: Empolese-Valdelsa

Intervento di Carnby » ven, 26 lug 2013 17:31

Manutio ha scritto: Sette caratteri latini per uno cirillico: probabilmente un primato!
In italiano «giornalistico» la cosa varia: v. Iushenko per l'ucraino Ющенко.
Manutio ha scritto:Quanto alle trascrizioni del nome di quel discusso paese, credo che quella ufficiale sia Qazaqstan.
Parlerei di traslitterazione invece che di trascrizione in questo caso.
domna charola ha scritto:[...] opificio, segheria [...] guado... vado avanti?
Qui in Toscana c'è l'Opificio delle pietre dure, si spera che almeno gli studenti interessati all'arte sappiano che cos'è.
Ai «nostri tempi» segheria non era solo il posto dove si segava il legno ed era molto popolare... :wink:
Guado è piuttosto comune nei giochi di ruolo.

Avatara utente
u merlu rucà
Moderatore «Dialetti»
Interventi: 1302
Iscritto in data: mar, 26 apr 2005 8:41

Intervento di u merlu rucà » ven, 26 lug 2013 19:40

domna charola ha scritto:eheheh...

comunque, parole che studenti di primo anno di università non conoscevano: mugnaio, opificio, segheria, laterizio, vallecola, guado... vado avanti?
Mi sembra impossibile che non sia conosciuto segheria. per gli altri termini qualche giustificazione si può trovare (mugnaio è di fatto toscano, opificio e laterizio sono termini molto tecnici, chi abita in città difficilmente vede un guado o una vallecola).
Largu de farina e strentu de brenu.

Avatara utente
Manutio
Interventi: 113
Iscritto in data: mar, 12 mar 2013 10:48

Intervento di Manutio » sab, 27 lug 2013 10:11

Carnby ha scritto:
Parlerei di traslitterazione invece che di trascrizione in questo caso.
Ringrazio della precisazione. Il k di Қазақ, detto qaf, non ka, è modificato da una cediglia, cui non avevo badato, e nota una particolare consonante (‘occlusiva uvulare sorda’) la cui resa con la q latina deve effettivamente chiamarsi traslitterazione.

domna charola
Interventi: 1060
Iscritto in data: ven, 13 apr 2012 9:09

Intervento di domna charola » mer, 31 lug 2013 13:11

Se però ci si iscrive ad una laurea perché "permette di lavorare nella natura", si dovrebbe ameno aver girato un po' in montagna (cosa infatti non vera, perché di persone che non sapevano da che parte cominciare ne ho incontrate tante...).
Comunque, indovinavano cos'è un guado citando John Wayne, gli indiani e la mandria che attraversa... tutte immagini alla portata del cittadino :wink:
Circa la segheria, alla domanda "cos'è una segheria? cosa si fa in una segheria" la risposta è stata appunto quella a cui credo alluda Carnby... solo che lei lo intendeva nel senso proprio, oggetto del falegname. Una fabbrica di laterizi invece, ovviamente, produce formaggi...
Ultima modifica di domna charola in data gio, 01 ago 2013 17:22, modificato 1 volta in totale.

Avatara utente
u merlu rucà
Moderatore «Dialetti»
Interventi: 1302
Iscritto in data: mar, 26 apr 2005 8:41

Intervento di u merlu rucà » mer, 31 lug 2013 17:39

Laurea in cosa?
Largu de farina e strentu de brenu.

domna charola
Interventi: 1060
Iscritto in data: ven, 13 apr 2012 9:09

Intervento di domna charola » gio, 01 ago 2013 17:20

Un po' di pietà... si dice il peccato ma non le capre che lo hanno commesso...

Intervieni

Chi c’è in linea

Utenti presenti in questa sezione: Nessuno e 1 ospite