Raddoppiamento fonosintattico con la preposizione "di&q

Spazio di discussione su questioni di fonetica, fonologia e ortoepia

Moderatore: Cruscanti

Intervieni
Avatara utente
Animo Grato
Interventi: 1376
Iscritto in data: ven, 01 feb 2013 16:11

Raddoppiamento fonosintattico con la preposizione "di&q

Intervento di Animo Grato » sab, 26 ott 2013 10:10

Ho provato a guardare se questo caso particolare fosse già stato trattato in un altro filone ma, come potete immaginare, il motore di ricerca non è facilitato nel suo lavoro quando una delle parole chiave è "di".
Questo caso di raddoppiamento l'ho riscontrato in una pronuncia locale ma, vista l'eccezionalità del luogo in questione (Firenze), m'è sembrato opportuno portarlo alla vostra attenzione. Il collegamento in calce rimanda alla puntata di ieri di "Otto e mezzo", dove l'intervistato Matteo Renzi ne fa ampio sfoggio (1:20 "punto desiderio di [-p]parlare"; 1:58 "smetterà di [-p]parlare; 5:54 "posso permettermi di [-d]dire; 10:40 "avere il coraggio di [-d]dire"; 11:03 tartaglia un po', ma poi sputa "di [-f]farcela"; a 11:14, addirittura, c'è quasi una geminazione all'interno di una parola, con un triplice "dipende" che suona quasi "di[p]pende"; 11:30 "di [-c]correre", abbastanza lieve). Io mi sono fermato qui; se volete trovarne altri nel seguito dell'intervista, accomodatevi! Ma il raddoppiamento non è sistematico. A 3:28 dice "... abbia al proprio interno un percorso di primarie", senza raddoppiamento (ma forse c'è una minima pausa enfatica prima di "primarie" che inibisce il processo); a 7:03 "parlare di lui" (normale); a 9:04 "dal mio punto di vista" (normale).
Qualche illuminato glottologo può darmi spiegazioni sulle origini di questo raddoppiamento poco ortodosso, sulla sua diffusione geografica e sulla sua applicazione intermittente da parte dello stesso parlante?

https://www.youtube.com/watch?v=-EueUaL7XlQ
«Ed elli avea del cool fatto trombetta». Anonimo del Trecento su Miles Davis
«E non piegherò certo il mio italiano a mere (e francamente discutibili) convenienze sociali». Infarinato
«Prima l'italiano!»

Avatara utente
Infarinato
Amministratore
Interventi: 3615
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 11:40
Info contatto:

Re: Raddoppiamento fonosintattico con la preposizione "

Intervento di Infarinato » sab, 26 ott 2013 10:45

Si tratta semplicemente di un’indebita estensione analogica molto diffusa fra i parlanti fiorentini: da d’i’ ffare («del fare»), dove il raddoppiamento è giustificato dalla l dell’articolo il, che non cade, ma si assimila alla consonante successiva, a un incongruo *di ffare («di fare»).

Avatara utente
Animo Grato
Interventi: 1376
Iscritto in data: ven, 01 feb 2013 16:11

Intervento di Animo Grato » sab, 26 ott 2013 11:52

Grazie mille!
Mi aveva insospettito la ricorrenza sistematica del raddoppiamento prima degli infiniti! Quindi possiamo dire che questo fenomeno è solo il sintomo di un'altra "anomalia fiorentina", cioè l'uso di sostantivare (sempre? spesso?) gli infiniti attraverso l'articolo? Infatti non abbiamo *punto di [-v]vista perché in questo caso è impensabile il coinvolgimento di il (*i' [-v]vista). Stesso discorso per primarie e lui.
E, in base alla sua viva esperienza, un'espressione come voglia di cambiamento come suonerebbe? Lì, volendo, un articolo ci si può infilare.
«Ed elli avea del cool fatto trombetta». Anonimo del Trecento su Miles Davis
«E non piegherò certo il mio italiano a mere (e francamente discutibili) convenienze sociali». Infarinato
«Prima l'italiano!»

Avatara utente
Infarinato
Amministratore
Interventi: 3615
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 11:40
Info contatto:

Intervento di Infarinato » sab, 26 ott 2013 19:11

Animo Grato ha scritto:E, in base alla sua viva esperienza, un'espressione come voglia di cambiamento come suonerebbe? Lì, volendo, un articolo ci si può infilare.
Sí, ma direi che il raddoppiamento anomalo in fiorentino si ha sistematicamente solo cogl’infiniti —i fiorentini mi correggano pure senza timore.

P.S. Su *dippende (mi scusi, ma m’era sfuggito): premetto che non ho ascoltato l’intervista di Renzi, ma direi che (molto presumibilmente) si tratta d’un caso d’ipercorrettismo. In fiorentino lí si avrebbe un’approssimante e, nel tentativo di rendere una [p] ortoepica, il Nostro ha finito col pronunciare una doppia —un po’ come certi attori d’origine settentrionale quando, nel tentativo di pronunciare l’ortoepico di/s/egno (quando si degnano di farlo, ovviamente!) invece del nativo di/z/egno, finiscono per produrre un «bel» *di/ss/egno (…per i meno bravi gioca un ruolo anche una diversa scansione sillabica).

Avatara utente
Animo Grato
Interventi: 1376
Iscritto in data: ven, 01 feb 2013 16:11

Intervento di Animo Grato » sab, 26 ott 2013 21:33

Infarinato ha scritto:Su *dippende (mi scusi, ma m’era sfuggito):…
Si figuri! In ogni caso, è un accenno minimo: quasi non parlerei di geminazione (se questo presuppone almeno una coppia di gemelli), ma di un singolo neonato molto grasso. :wink:
«Ed elli avea del cool fatto trombetta». Anonimo del Trecento su Miles Davis
«E non piegherò certo il mio italiano a mere (e francamente discutibili) convenienze sociali». Infarinato
«Prima l'italiano!»

valerio_vanni
Interventi: 916
Iscritto in data: ven, 19 ott 2012 20:40
Località: Marradi (FI)

Intervento di valerio_vanni » lun, 28 ott 2013 17:17

Infarinato ha scritto:
Animo Grato ha scritto:E, in base alla sua viva esperienza, un'espressione come voglia di cambiamento come suonerebbe? Lì, volendo, un articolo ci si può infilare.
Sí, ma direi che il raddoppiamento anomalo in fiorentino si ha sistematicamente solo cogl’infiniti —i fiorentini mi correggano pure senza timore.
Io l'ho sentito anche in altri casi.

Avatara utente
Infarinato
Amministratore
Interventi: 3615
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 11:40
Info contatto:

Intervento di Infarinato » lun, 28 ott 2013 18:31

Quali, di grazia?

valerio_vanni
Interventi: 916
Iscritto in data: ven, 19 ott 2012 20:40
Località: Marradi (FI)

Intervento di valerio_vanni » lun, 28 ott 2013 18:35

Quello che ricordo per certo è "di chiaro".
La frase completa era "La stampante ha iniziato a fare un po' di chiaro" (nel senso di aree sbiadite).

Avatara utente
Animo Grato
Interventi: 1376
Iscritto in data: ven, 01 feb 2013 16:11

Intervento di Animo Grato » lun, 28 ott 2013 20:18

Potrebbe essere un ipercorrettismo della gorgia? Ho indovinato? :D
«Ed elli avea del cool fatto trombetta». Anonimo del Trecento su Miles Davis
«E non piegherò certo il mio italiano a mere (e francamente discutibili) convenienze sociali». Infarinato
«Prima l'italiano!»

Avatara utente
Souchou-sama
Interventi: 414
Iscritto in data: ven, 22 giu 2012 23:01
Località: Persico Dosimo

Intervento di Souchou-sama » lun, 28 ott 2013 21:13

Caro Animo Grato, sono io a esserLe «grato», perché se non l’avesse fatto Lei l’avrei aperto io, prima o poi, questo filone. :D Anche se, in verità, avevo già ipotizzato la stessa risposta data da Infarinato. Comunque è sempre meglio averne la certezza.

Avatara utente
Scilens
Interventi: 1097
Iscritto in data: dom, 28 ott 2012 16:31

Intervento di Scilens » lun, 28 ott 2013 23:24

Ce n'è qualche traccia anche a Massarosa, Viareggio e zone limitrofe, testimoniate anche iin cognomi come Fappani (panettiere)

Avatara utente
Infarinato
Amministratore
Interventi: 3615
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 11:40
Info contatto:

Intervento di Infarinato » lun, 28 ott 2013 23:35

valerio_vanni ha scritto:Quello che ricordo per certo è "di chiaro".
La frase completa era "La stampante ha iniziato a fare un po' di chiaro" (nel senso di aree sbiadite).
Mah? :? Potrebbe anche semplicemente trattarsi d’un d’i’ (= «del»), cioè «del chiaro», «di quel chiaro» etc.

Comunque, tornando agl’infiniti, noto ora che Giannelli, rimandando a uno storico articolo del Fiorelli (P. Fiorelli, Senso e premesse di una fonetica fiorentina, «Lingua Nostra», 13 [1952]: 57–64, p. 63), addirittura sentenzia: «[d]a notare che [nel dialetto fiorentino] l’infinito non può essere preceduto dalla preposizione /di/ ma dalla corrispondente preposizione articolata: /di mˈmettere/ ’di mettere’, ecc.» (L. Giannelli, Toscana, Pisa: «Pacini», 2000² [1976¹], p. 45, grassetto mio).

P.S. Fappani sarà o «fa pani» con regolare raddoppiamento [in fiorentino/toscano/italiano] (sia che si tratti d’una 3ª sing. del presente indicativo sia che ci si trovi difronte all’antica 2ª sing. [raddoppiante] dell’imperativo) o «fa i ppani» (con regolare raddoppiamento [in lucchese] dell’articolo plurale i).

Intervieni

Chi c’è in linea

Utenti presenti in questa sezione: Bing [Bot] e 1 ospite