Pronuncia del cognome «Da Ponte»

Spazio di discussione su questioni di fonetica, fonologia e ortoepia

Moderatore: Cruscanti

Avatara utente
Infarinato
Amministratore
Interventi: 3615
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 11:40
Info contatto:

Pronuncia del cognome «Da Ponte»

Intervento di Infarinato » gio, 19 giu 2014 15:24

Continua da qui
Cembalaro (grassetto mio) ha scritto:Cercherò un'edizione dapontiana seria…
So bene che codesta scrizione è, ahimè, ormai invalsa, ma non resisto: dovrebbe essere dappontiana. :evil:

Cembalaro
Interventi: 75
Iscritto in data: sab, 02 nov 2013 15:46

Re: [FT] «Da(p)pontiano»

Intervento di Cembalaro » gio, 19 giu 2014 19:32

Infarinato ha scritto:
Cembalaro (grassetto mio) ha scritto:Cercherò un'edizione dapontiana seria…
So bene che codesta scrizione è, ahimè, ormai invalsa, ma non resisto: dovrebbe essere dappontiana. :evil:
Pardon, non lo sapevo :oops:
Ma mi spiegherebbe perché? Credevo che con da non si creasse geminazione. Quindi anche la frase vengo da Napoli si pronuncia vengodannapoli?

Carnby
Interventi: 3526
Iscritto in data: ven, 25 nov 2005 19:53
Località: Empolese-Valdelsa

Re: [FT] «Da(p)pontiano»

Intervento di Carnby » gio, 19 giu 2014 19:43

Cembalaro ha scritto:Quindi anche la frase vengo da Napoli si pronuncia vengodannapoli?
In italiano corretto (di base toscana) sì. :)

Cembalaro
Interventi: 75
Iscritto in data: sab, 02 nov 2013 15:46

Re: [FT] «Da(p)pontiano»

Intervento di Cembalaro » gio, 19 giu 2014 19:55

Carnby ha scritto:
Cembalaro ha scritto:Quindi anche la frase vengo da Napoli si pronuncia vengodannapoli?
In italiano corretto (di base toscana) sì. :)
Non sarà facile emendarmi, suona strano a me e suonerà ancora più strano a chi mi ascolta :) Ma ci proverò.

C'è una spiegazione? cioè, so bene perché vado a Napoli si pronuncia vadoannapoli, ma non capisco il motivo di vengodannapoli (se c'è un motivo).

Avatara utente
Ferdinand Bardamu
Moderatore
Interventi: 4111
Iscritto in data: mer, 21 ott 2009 14:25
Località: Legnago (Verona)

Re: [FT] «Da(p)pontiano»

Intervento di Ferdinand Bardamu » gio, 19 giu 2014 20:02

Cembalaro ha scritto:Non sarà facile emendarmi, suona strano a me e suonerà ancora più strano a chi mi ascolta :) Ma ci proverò.
A lei risulterà sicuramente piú facile che a me: qui pure le consonanti geminate segnate dalla grafia hanno vita dura nella pronuncia. :)
Cembalaro ha scritto:C'è una spiegazione? cioè, so bene perché vado a Napoli si pronuncia vadoannapoli, ma non capisco il motivo di vengodannapoli (se c'è un motivo).
Se n’era discusso qui.

Cembalaro
Interventi: 75
Iscritto in data: sab, 02 nov 2013 15:46

Intervento di Cembalaro » ven, 20 giu 2014 1:41

Grazie mille. Le chiedo un'ultima conferma, poi smetto d'inquinare il filone: detto dell'aggettivo, dunque il poeta si chiama Lorenzo Dapponte?

In napoletano, dialetto ricco di geminazioni, la preposizione nelle sue forme da, de, 'a (che io scriverei â perché contrazione di da la) non genera mai geminazione: sto venenno da Napule. Ma se è un articolo determinativo a seguire la preposizione, allora gemina: da la si scrive anche dalla e indipendentemente dalla grafia si pronuncia geminata. Curioso.

Carnby
Interventi: 3526
Iscritto in data: ven, 25 nov 2005 19:53
Località: Empolese-Valdelsa

Intervento di Carnby » ven, 20 giu 2014 11:03

Forse perché l'articolo in napoletano è autocogeminante, ovvero provoca raddoppiamento fonosintattico anche con parole (terminanti in vocale) che non lo prevedono?

Avatara utente
Infarinato
Amministratore
Interventi: 3615
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 11:40
Info contatto:

Intervento di Infarinato » ven, 20 giu 2014 11:56

Non penso. Direi semplicemente perché, come del resto in toscano/italiano, le preposizioni articolate sono combinazioni già tardolatine, in cui si conserva la geminata del pronome ILLE. ;)
Cembalaro ha scritto:[D]unque il poeta si chiama Lorenzo Dapponte?
Si dovrebbe pronunciare cosí in «italiano normale» (o «italiano neutro tradizionale», per dirla col Canepàri). Penso, però, che il cognome del librettista in questione si scriva Da Ponte.

Avatara utente
Ferdinand Bardamu
Moderatore
Interventi: 4111
Iscritto in data: mer, 21 ott 2009 14:25
Località: Legnago (Verona)

Intervento di Ferdinand Bardamu » ven, 20 giu 2014 12:24

Infarinato ha scritto:
Cembalaro ha scritto:[D]unque il poeta si chiama Lorenzo Dapponte?
Si dovrebbe pronunciare cosí in «italiano normale» (o «italiano neutro tradizionale», per dirla col Canepàri). Penso, però, che il cognome del librettista in questione si scriva Da Ponte.
Ti chiedo però: trattandosi però d’un cognome presumibilmente veneto, non sarebbe lecita in questo caso la degeminazione?

Carnby
Interventi: 3526
Iscritto in data: ven, 25 nov 2005 19:53
Località: Empolese-Valdelsa

Intervento di Carnby » ven, 20 giu 2014 12:28

Ferdinand Bardamu ha scritto:trattandosi però d’un cognome presumibilmente veneto, non sarebbe lecita in questo caso la degeminazione?
Parlando in veneto ; in italiano no. :wink:

Avatara utente
Infarinato
Amministratore
Interventi: 3615
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 11:40
Info contatto:

Intervento di Infarinato » ven, 20 giu 2014 12:31

Concordo. :D

Avatara utente
Ferdinand Bardamu
Moderatore
Interventi: 4111
Iscritto in data: mer, 21 ott 2009 14:25
Località: Legnago (Verona)

Intervento di Ferdinand Bardamu » ven, 20 giu 2014 12:39

Grazie a entrambi. Quindi in questo caso il criterio etimologico cui si rifà il DOP per Benetton non vale, anche per la perfetta identità grafica tra italiano e veneto?

Avatara utente
Infarinato
Amministratore
Interventi: 3615
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 11:40
Info contatto:

Intervento di Infarinato » ven, 20 giu 2014 12:54

Sí, direi che è cosí, e poi in cognomi quali Benetton, Biasion (per non parlare di Baron o Bussolon) deve giocare un ruolo anche la riconoscibilità del suffisso [accrescitivo] -one

Avatara utente
Zabob
Interventi: 911
Iscritto in data: sab, 28 lug 2012 19:22

Intervento di Zabob » ven, 20 giu 2014 14:58

E quando il cognome si trova scritto attaccato? Per esempio a Genova è diffuso il cognome Damonte. Si dovrebbe pronunciare Dammonte?
Oggi com'oggi non si sente dire dieci parole, cinque delle quali non sieno o d'oltremonte o nuove, dando un calcio alle proprie e native. (Fanfani-Arlìa, 1877)

Avatara utente
Infarinato
Amministratore
Interventi: 3615
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 11:40
Info contatto:

Intervento di Infarinato » ven, 20 giu 2014 15:15

No, se si trova già univerbato [in italiano], si legge com’è scritto… con qualche [facoltativa] eccezione: e.g., Graziadio.

Intervieni

Chi c’è in linea

Utenti presenti in questa sezione: Nessuno e 1 ospite