/-f-/ estraneo all’italiano?

Spazio di discussione su questioni di fonetica, fonologia e ortoepia

Moderatore: Cruscanti

Avatara utente
Ferdinand Bardamu
Moderatore
Interventi: 4062
Iscritto in data: mer, 21 ott 2009 14:25
Località: Legnago (Verona)

/-f-/ estraneo all’italiano?

Intervento di Ferdinand Bardamu » mar, 28 ott 2014 20:02

In quest’articolo redatto dal professor Alberto Nocentini si legge: «La presenza di una -f- in posizione interna [nella parola mafia], estranea alla tradizione latina…». E piú avanti: «Vale invece la pena d’insistere sull’origine del nome proprio Maffeo per almeno tre buone ragioni: fornisce una base lessicale accertata maf(f)-, altrimenti estranea al lessico italiano…».

I brani riportati, e i passi che ho sottolineato in particolare, mi lasciano perplesso. Innanzitutto, il suono /-f-/ sarebbe estraneo alla tradizione latina (?) oppure solo al lessico italiano? Nell’uno e nell’altro caso, non riesco a capire bene: soffiare e graffiare sarebbero eccezioni? E il latino sufflare?

Poi ho pensato: forse il professore intende che, nelle parole schiettamente italiane, il suono [f] tra vocali, o tra vocale e approssimante, o tra vocale e sonorante, è sempre geminato: es. baffo, graffio, Affrica.

L’unica parola che mi viene in mente con [f] semplice tra vocali è sbafare. Ma sospetto che si tratti d’una voce settentrionale, ciò che confermerebbe la regola esposta sopra.

(Spero di aver azzeccato la notazione nel titolo e nel testo dell’intervento.)

Avatara utente
Zabob
Interventi: 911
Iscritto in data: sab, 28 lug 2012 19:22

Intervento di Zabob » mar, 28 ott 2014 20:58

A parte le parole formate con prefissi (+ -FĔRO, -FĬCĬO o come PROFĀNUS) mi viene in mente solo būfo (da cui secondo alcuni deriva l'ital. "gufo"), scrōfa e tōphus o tōfus (da cui l'ital. "tufo"). Pescando dal greco (direttamente o attraverso il latino) i vocaboli sono molti di più (elefante, sifone, sofisma, stufare, trofeo...).
Ultima modifica di Zabob in data mar, 28 ott 2014 22:09, modificato 2 volte in totale.
Oggi com'oggi non si sente dire dieci parole, cinque delle quali non sieno o d'oltremonte o nuove, dando un calcio alle proprie e native. (Fanfani-Arlìa, 1877)

Avatara utente
Animo Grato
Interventi: 1376
Iscritto in data: ven, 01 feb 2013 16:11

Re: /-f-/ estraneo all’italiano?

Intervento di Animo Grato » mar, 28 ott 2014 21:26

Ferdinand Bardamu ha scritto:L’unica parola che mi viene in mente con [f] semplice tra vocali è sbafare. Ma sospetto che si tratti d’una voce settentrionale, ciò che confermerebbe la regola esposta sopra.
Oltre al gufo citato qui sopra, a me vengono in mente cafone (di etimo incerto, ma sicuramente voce meridionale, quindi valgono le considerazioni già fatte) e tufo, che - leggo sul Treccani - deriva dal latino tardo tūphus o tūfus, a sua volta variante del classico tōphus o tōfus, d'origine incerta. Quindi la "non latinità" della -f- scempia intervocalica sembra reggere.

Ops... Vedo che Zabob mi ha preceduto su tufo. Vabbè, lo lascio lo stesso. :wink:
«Ed elli avea del cool fatto trombetta». Anonimo del Trecento su Miles Davis
«E non piegherò certo il mio italiano a mere (e francamente discutibili) convenienze sociali». Infarinato
«Prima l'italiano!»

Avatara utente
Infarinato
Amministratore
Interventi: 3599
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 11:40
Info contatto:

Intervento di Infarinato » mar, 28 ott 2014 21:28

Sí, in latino la /f/ scempia intervocalica si trova solo nei prestiti, e la geminata solo come risultato di assimilazione regressiva nei composti in cui il secondo elemento cominci con /f/.

Avatara utente
Animo Grato
Interventi: 1376
Iscritto in data: ven, 01 feb 2013 16:11

Intervento di Animo Grato » mar, 28 ott 2014 21:32

Il che porta a concludere che originariamente, in latino, il suono f fosse ammesso solo ad inizio di parola, giusto?
Interessante...
«Ed elli avea del cool fatto trombetta». Anonimo del Trecento su Miles Davis
«E non piegherò certo il mio italiano a mere (e francamente discutibili) convenienze sociali». Infarinato
«Prima l'italiano!»

valerio_vanni
Interventi: 895
Iscritto in data: ven, 19 ott 2012 20:40
Località: Marradi (FI)

Intervento di valerio_vanni » mar, 28 ott 2014 22:45

Aggiungo (in Italiano): afa, scrofa, tafano, Stefano, grafia, grafico.

Avatara utente
Zabob
Interventi: 911
Iscritto in data: sab, 28 lug 2012 19:22

Intervento di Zabob » mar, 28 ott 2014 22:53

valerio_vanni ha scritto:Aggiungo (in Italiano): afa, scrofa, tafano, Stefano, grafia, grafico.
Scrofa l'ho già citata io ;), le ultime tre (e forse anche "afa") vengono dal greco, per "tafano" c'è un passaggio b>f come per "bufalo" e "zufolare" (risp. da tăbānus, būbălus e sībĭlāre).
Oggi com'oggi non si sente dire dieci parole, cinque delle quali non sieno o d'oltremonte o nuove, dando un calcio alle proprie e native. (Fanfani-Arlìa, 1877)

Avatara utente
Infarinato
Amministratore
Interventi: 3599
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 11:40
Info contatto:

Intervento di Infarinato » mer, 29 ott 2014 0:56

Animo Grato ha scritto:Il che porta a concludere che originariamente, in latino, il suono f fosse ammesso solo ad inizio di parola, giusto?
L’f latina è l’esito di bh e dh protoindoeuropee in posizione iniziale (altrove b, e b [dopo u, r e prima di r, l] o d, rispettivamente).

Carnby
Interventi: 3519
Iscritto in data: ven, 25 nov 2005 19:53
Località: Empolese-Valdelsa

Intervento di Carnby » mer, 29 ott 2014 14:53

Zabob ha scritto:scrōfa
Voce rustica, come molte parole latine riguardanti animali, quindi di forma non genuinamente latina.
valerio_vanni ha scritto:afa
Secondo Battisti e Alessio va ricondotta a una voce latina (non attestata) *bafa (da cui anche port. bafo e sp. baho); Devoto l'associa a una voce romanesca bafa o afa di probabile origine onomatopeica.

Avatara utente
Infarinato
Amministratore
Interventi: 3599
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 11:40
Info contatto:

Intervento di Infarinato » mer, 29 ott 2014 15:13

Zabob ha scritto:Scrofa l'ho già citata io ;), le ultime tre (e forse anche "afa") vengono dal greco, per "tafano" c'è un passaggio b>f come per "bufalo" e "zufolare" (risp. da tăbānus, būbălus e sībĭlāre).
No, non c’è alcun «passaggio /b > f/»: si tratta semplicemente di voci dialettali d’origine italica (osca etc.) che coesistevano con le voci autoctone («classiche») con /-b-/, e che hanno poi finito col prevalere… ma siamo ampiamente «fuori fòro»! ;)

Avatara utente
Ferdinand Bardamu
Moderatore
Interventi: 4062
Iscritto in data: mer, 21 ott 2009 14:25
Località: Legnago (Verona)

Intervento di Ferdinand Bardamu » sab, 08 nov 2014 11:51

Con tutto il rispetto per il professor Nocentini, la sua spiegazione non è allora chiarissima: /f/ intervocalica è estranea alla tradizione latina, non al lessico italiano.

Per completezza, ricopio qui il paragrafo sull’-f- intervocalica del Rohlfs (Gerhard Rohlfs, Grammatica storica della lingua italiana e dei suoi dialetti, Torino, «Einaudi», 1966, § 219):

Nelle parole indigene la -f- intervocalica era sconosciuta nella lingua latina (prescindendo dalle parole composte come reformare, refundere, profanus), viceversa essa si incontrava nelle parole straniere che venivano prese in prestito dal greco (raphanus, typhus, Stephanus) ovvero che erano giunte a Roma dai dialetti osco-umbri (per esempio scrofa, bufalus). Tale f rimane conservata nella lingua nazionale: cfr. Stefano, scrofa, befanaepiphania, ràfano, búfalo, tafano, scarafaggio, profenda, bifolco.

L’origine di profenda è tardolatina (‹ PRAEBENDA) attraverso una variante latina medievale PROVENDA. Ma forse si tratta di un’eccezione altrimenti spiegabile. Parole come graffio (germanismo), baffo (probabile grecismo) e sbafare (onomatopea) confermano l’estraneità di /-f-/ allo strato lessicale latino di tradizione ininterrotta.

Avatara utente
Zabob
Interventi: 911
Iscritto in data: sab, 28 lug 2012 19:22

Intervento di Zabob » sab, 08 nov 2014 13:28

A me è parso solo che Nocentini volesse addurre una prova per sostenere l'impossibilità che "mafia" derivi dal latino; al lessico italiano, poi, sarebbero estranee solo le parole che iniziano con maf-.
Ferdinand Bardamu ha scritto:sbafare (onomatopea)
La butto lì: un incrocio con sbavare è un'ipotesi peregrina?
Ultima modifica di Zabob in data sab, 08 nov 2014 17:12, modificato 1 volta in totale.
Oggi com'oggi non si sente dire dieci parole, cinque delle quali non sieno o d'oltremonte o nuove, dando un calcio alle proprie e native. (Fanfani-Arlìa, 1877)

Avatara utente
Scilens
Interventi: 1097
Iscritto in data: dom, 28 ott 2012 16:31

Intervento di Scilens » sab, 08 nov 2014 17:10

Ex-vaporare basterebbe?
Saluto gli amici, mi sono dimesso. Non posso tollerare le contraffazioni.

Avatara utente
Ferdinand Bardamu
Moderatore
Interventi: 4062
Iscritto in data: mer, 21 ott 2009 14:25
Località: Legnago (Verona)

Intervento di Ferdinand Bardamu » mer, 21 mar 2018 18:53

Vorrei tornare sulla questione per porre una domanda: l’italiano piú genuino vorrebbe la geminazione del suono /f/ in posizione interna? Mi spiego meglio: buffalo e Affrica sono «piú italiani» (ossia «piú toscani») di bufalo e Africa?

Avatara utente
Infarinato
Amministratore
Interventi: 3599
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 11:40
Info contatto:

Intervento di Infarinato » mer, 21 mar 2018 19:51

Ferdinand Bardamu ha scritto:[B]uffalo e Affrica sono «piú italiani» (ossia «piú toscani») di bufalo e Africa?
In teoria sí, ma per una diversa ragione.

In generale, però, non è che tutte le /f/ posvocaliche si dovrebbero mutare in /ff/: è che non ci dovrebbero proprio essere arrivate. ;) (Quindi, sí, le poche che sono passate in latino o direttamente in italiano risultano inevitabilmente un po’ [e]strane[e] e sono [state] quindi suscettibili di raddoppiamento.)

Intervieni

Chi c’è in linea

Utenti presenti in questa sezione: Nessuno e 2 ospiti