Pongo (sostantivo, nome)

Spazio di discussione su questioni di fonetica, fonologia e ortoepia

Moderatore: Cruscanti

Intervieni
Ivan92
Interventi: 1416
Iscritto in data: gio, 28 nov 2013 19:59
Località: Castelfidardo (AN)

Pongo (sostantivo, nome)

Intervento di Ivan92 » mer, 12 ott 2016 20:16

Il DiPI consiglia la pronuncia con vocale aperta, mentre ho notato che i dizionari propongono la variante con la vocale chiusa. Il DOP, invece, neanche prende in considerazione la parola. Mi confermate che la pronuncia corretta è pòngo? :)

valerio_vanni
Interventi: 932
Iscritto in data: ven, 19 ott 2012 20:40
Località: Marradi (FI)

Intervento di valerio_vanni » mer, 12 ott 2016 22:57

Si tratta della scimmia o la pasta da modellare?

Carnby
Interventi: 3569
Iscritto in data: ven, 25 nov 2005 18:53
Località: Empolese-Valdelsa

Intervento di Carnby » gio, 13 ott 2016 13:37

Per l'orango, sicuramente pòngo, dato che la voce è latina (per la precisione latino scientifico, ma questo non ha importanza).
Per la pasta... ho qualche dubbio. A differenza di -en-, per -on- interno il toscano ha generalizzato /-on-/ anche dove avrebbe dovuto esserci /-ɔn-/; se fosse una voce latina di tradizione ininterrotta si dovrebbe dire /-on-/ ([-oŋ-] in questo caso dato che segue un'occlusiva velare), ma non lo è, quindi il dubbio resta. Ci si può comunque appellare al detto: «vocale incerta, vocale aperta». :)

Ivan92
Interventi: 1416
Iscritto in data: gio, 28 nov 2013 19:59
Località: Castelfidardo (AN)

Intervento di Ivan92 » gio, 13 ott 2016 14:03

Sì, mi riferisco alla pasta da modellare (e anche al nome del simpatico cagnolino). :) Anch'io ho notato una certa incertezza. Gli è che i dizionari non propongono neanche un'alternativa, ma danno solo la variante con la vocale chiusa. Sarebbe stato importante il contributo del DOP. :roll:

valerio_vanni
Interventi: 932
Iscritto in data: ven, 19 ott 2012 20:40
Località: Marradi (FI)

Intervento di valerio_vanni » gio, 13 ott 2016 14:29

A me sembra che l'ambito fonetico non sia incerto, per il motivo che ha esposto Carnby: l'esito naturale è /on/.

Secondo me ci vorrebbe un motivo forte per scegliere l'aperta.

Carnby
Interventi: 3569
Iscritto in data: ven, 25 nov 2005 18:53
Località: Empolese-Valdelsa

Intervento di Carnby » gio, 13 ott 2016 14:34

valerio_vanni ha scritto:Secondo me ci vorrebbe un motivo forte per scegliere l'aperta.
Il fatto che non è una parola di tradizione ininterrotta è un motivo forte.

Avatara utente
Millermann
Interventi: 811
Iscritto in data: ven, 26 giu 2015 19:21
Località: Riviera dei Cedri

Intervento di Millermann » gio, 13 ott 2016 14:44

A quanto pare, il Treccani preferisce fare una distinzione tra pòngo (zool.) e Póngo (prodotto).

Invece il DiPI sembra voler distinguere principalmente la voce verbale dalle altre.
Il DiPI ha scritto:pongo (io) ˈponɡo
◆ (il, P-) ˈpɔnɡo, -o-
◆ (un, scimmia)ˈpɔnɡo; -o-
P. ˈpɔnɡo, -o-
Cosí per il Pongo (plastilina) e per il nome del cagnolino sono accettabili entrambe le pronunce (del resto si tratta d'un marchio commerciale e un nome proprio).
La preferenza per la o aperta è forse :? dovuta solo alla "regola" citata da Carnby, al quale vorrei chiedere: dato che il prodotto Pongo è "nato" a Firenze (Lastra a Signa), com'è piú probabile che venisse pronunciato, dalle sue parti? :D

E ora, secondo il mio solito, qualche curiosità. ;)
Il pongo è uno dei prodotti "speciali" della mia infanzia, e ricordo che a quei tempi non era ancora percepito come un nome comune: da bambini dicevamo «la cera Pongo», perché c'erano anche i colori Pongo, che erano dei pastelli a cera della stessa marca.
Per i nostalgici, eccouna scatolina base di "cera Pongo" di quei tempi. Chi se la ricorda? :)
In Italia, dotta, Foro fatto dai latini

Carnby
Interventi: 3569
Iscritto in data: ven, 25 nov 2005 18:53
Località: Empolese-Valdelsa

Intervento di Carnby » gio, 13 ott 2016 14:48

Millermann ha scritto:La preferenza per la o aperta è forse :? dovuta solo alla "regola" citata da Carnby, al quale vorrei chiedere: dato che il prodotto Pongo è "nato" a Firenze (Lastra a Signa), com'è piú probabile che venisse pronunciato, dalle sue parti?
Io ho sempre detto pòngo, ma da qualcuno ho sentito dire anche póngo. Direi che prevalga la pronuncia con la -ò-, perlomeno in Toscana.

valerio_vanni
Interventi: 932
Iscritto in data: ven, 19 ott 2012 20:40
Località: Marradi (FI)

Intervento di valerio_vanni » gio, 13 ott 2016 15:29

Carnby ha scritto:
valerio_vanni ha scritto:Secondo me ci vorrebbe un motivo forte per scegliere l'aperta.
Il fatto che non è una parola di tradizione ininterrotta è un motivo forte.
Ma non è nemmeno un termine scientifico: quelli sì che tendono a prendere le vocali aperte a prescindere dall'etimo.

Prendiamo per esempio l'omografa scimmia: c'è stata una coniazione moderna in latino che ha preso la vocale aperta a dispetto del congolese "mpungu".

Per la pasta da modellare non penso che abbia senso ipotizzare un passaggio intermedio in latino.

Personalmente, ricordo di aver sempre detto e sentito P­óngo.

Carnby
Interventi: 3569
Iscritto in data: ven, 25 nov 2005 18:53
Località: Empolese-Valdelsa

Intervento di Carnby » gio, 13 ott 2016 22:39

valerio_vanni ha scritto:Ma non è nemmeno un termine scientifico
Non ha importanza: è un neologismo e i neologismi tendono ad avere la vocale aperta.
valerio_vanni ha scritto:Prendiamo per esempio l'omografa scimmia: c'è stata una coniazione moderna in latino che ha preso la vocale aperta a dispetto del congolese "mpungu".
Qui c'è scritto mpongi.
valerio_vanni ha scritto:Per la pasta da modellare non penso che abbia senso ipotizzare un passaggio intermedio in latino.
Forse mi sono spiegato male, ma non volevo dire questo.

valerio_vanni
Interventi: 932
Iscritto in data: ven, 19 ott 2012 20:40
Località: Marradi (FI)

Intervento di valerio_vanni » gio, 13 ott 2016 23:51

Carnby ha scritto:
valerio_vanni ha scritto:Ma non è nemmeno un termine scientifico
Non ha importanza: è un neologismo e i neologismi tendono ad avere la vocale aperta.
Non passerei così facilmente dal tendono al devono.

Il principio «vocale incerta, vocale aperta» è una tendenza che si può osservare a giochi conclusi.
In questo caso non mi pare che ci si trovi nella totale incertezza: considero lo sviluppo naturale della sequenza "o"+/n/ un fattore che tira in una direzione.
valerio_vanni ha scritto:Prendiamo per esempio l'omografa scimmia: c'è stata una coniazione moderna in latino che ha preso la vocale aperta a dispetto del congolese "mpungu".
Qui c'è scritto mpongi.
Io il mio l'ho trovato qui:
http://www.garzantilinguistica.it/ricerca/?q=pongo%201
valerio_vanni ha scritto:Per la pasta da modellare non penso che abbia senso ipotizzare un passaggio intermedio in latino.
Forse mi sono spiegato male, ma non volevo dire questo.
Ne ho parlato perché tale passaggio mi pare un motivo sensato per chiamare pòngo la scimmia.

Per la pasta l'etimo mi pare totalmente sconosciuto.
Ah: potrebbe essere "compongo"? (nel senso di "costruisco un oggetto")

Ivan92
Interventi: 1416
Iscritto in data: gio, 28 nov 2013 19:59
Località: Castelfidardo (AN)

Intervento di Ivan92 » ven, 14 ott 2016 0:50

Carnby ha scritto: A differenza di -en-, per -on- interno il toscano ha generalizzato /-on-/ anche dove avrebbe dovuto esserci /-ɔn-/
Non credo d'aver capito bene. Si riferisce a un esito tutto moderno? Per esempio, invece di dire Còngo, dittòngo, i toscani di oggi dicono [-oŋ-]?

Fausto Raso
Interventi: 1664
Iscritto in data: mar, 19 set 2006 15:25

Intervento di Fausto Raso » ven, 14 ott 2016 0:57

«Nostra lingua, un giorno tanto in pregio, è ridotta ormai un bastardume» (Carlo Gozzi)
«Musa, tu che sei grande e potente, dall'alto della tua magniloquenza non ci indurre in marronate ma liberaci dalle parole errate»

valerio_vanni
Interventi: 932
Iscritto in data: ven, 19 ott 2012 20:40
Località: Marradi (FI)

Intervento di valerio_vanni » ven, 14 ott 2016 3:00

Ivan92 ha scritto:Non credo d'aver capito bene. Si riferisce a un esito tutto moderno? Per esempio, invece di dire Còngo, dittòngo, i toscani di oggi dicono [-oŋ-]?
No, è l'esito della lingua che si è sviluppata per via orale (popolare) nei secoli.

Un esito che entra in conflitto con quello delle parole trasmesse per via dotta, ovvero reimportate da un latino postumo che prevedeva sempre le aperte in sillaba tonica.

Per "postumo" intendo un latino che non ha alcuna continuità di pronuncia con la lingua parlata nell'antichità. Una lingua scoilastica e letteraria, fondamentalmente un testo scritto che è stato letto, nello specifico sempre con <è> e <ò>.

Ivan92
Interventi: 1416
Iscritto in data: gio, 28 nov 2013 19:59
Località: Castelfidardo (AN)

Intervento di Ivan92 » dom, 16 ott 2016 21:35

Grazie Valerio. :)

Intervieni

Chi c’è in linea

Utenti presenti in questa sezione: Nessuno e 1 ospite