«Liquore»

Spazio di discussione su questioni di fonetica, fonologia e ortoepia

Moderatore: Cruscanti

Intervieni
Ivan92
Interventi: 1416
Iscritto in data: gio, 28 nov 2013 20:59
Località: Castelfidardo (AN)

«Liquore»

Intervento di Ivan92 » sab, 05 nov 2016 14:33

Forse è uno sciocco quesito per gli esperti, ma mi sono sempre chiesto: come mai liquore non si pronuncia con /-wɔ-/?

Avatara utente
Infarinato
Amministratore
Interventi: 3602
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 11:40
Info contatto:

Intervento di Infarinato » sab, 05 nov 2016 15:26

Le risponde il DOP. ;)

Avatara utente
Animo Grato
Interventi: 1376
Iscritto in data: ven, 01 feb 2013 16:11

Re: «Liquore»

Intervento di Animo Grato » sab, 05 nov 2016 18:07

Ivan92 ha scritto:Forse è uno sciocco quesito per gli esperti, ma mi sono sempre chiesto: come mai liquore non si pronuncia con /-wɔ-/?
Non sono un esperto, ma è un dubbio che non m'è mai venuto: liquore appartiene alla stessa "serie" di umore, odore, calore, colore, rumore... no? Caso mai, l'eccezione è cuore.
«Ed elli avea del cool fatto trombetta». Anonimo del Trecento su Miles Davis
«E non piegherò certo il mio italiano a mere (e francamente discutibili) convenienze sociali». Infarinato
«Prima l'italiano!»

Carnby
Interventi: 3519
Iscritto in data: ven, 25 nov 2005 19:53
Località: Empolese-Valdelsa

Intervento di Carnby » sab, 05 nov 2016 19:25

Allora, liquore deriva dal latino liquōre(m). Liquòre non è possibile in buon italiano (la pronuncia è comunque attestata nell’italiano regionale): se fosse voce di tradizione ininterrotta (e non lo è), la o lunga avrebbe dato /o/; essendo voce dotta si potrebbe pensare a un’apertura della vocale, ma questo è impedito dall’associazione ai nomi che hanno il suffisso -óre. In quanto a cuore, esso deriva da cor dove la o è breve e quindi ha dato in italiano l’esito atteso /-wɔ-/.

Ivan92
Interventi: 1416
Iscritto in data: gio, 28 nov 2013 20:59
Località: Castelfidardo (AN)

Intervento di Ivan92 » lun, 07 nov 2016 2:24

Vi ringrazio. :) Trovo un po' superficiale la risposta del DOP: non però quando la o faccia parte d'un suffisso che abbia un o chiuso. Cioè, considerano l'ore di liquore un suffisso, senza però spiegare come mai con cuore non accada la stessa cosa.

Avatara utente
Infarinato
Amministratore
Interventi: 3602
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 11:40
Info contatto:

Intervento di Infarinato » lun, 07 nov 2016 18:11

Ivan92 ha scritto:Trovo un po' superficiale la risposta del DOP: non però quando la o faccia parte d'un suffisso che abbia un o chiuso.
Superficiale, semmai, è ritenere che la sequenza uo (benché accentata sul secondo elemento, e col primo elemento [semi]consonantico) debba per forza pronunciarsi /wɔ/! :P

Nel passo citato il DOP si limita semplicemente a fornire una serie di regole empiriche per la pronuncia della o, visto che dopotutto è un dizionario ortoepico. Basta andare alla pagina precedente per rendersi immediatamente conto che i nostri accademici della Crusca hanno ben chiara la situazione diacronica. ;)

Ivan92
Interventi: 1416
Iscritto in data: gio, 28 nov 2013 20:59
Località: Castelfidardo (AN)

Intervento di Ivan92 » mar, 15 nov 2016 23:16

La ringrazio, caro Infarinato. :)

Intervieni

Chi c’è in linea

Utenti presenti in questa sezione: Nessuno e 1 ospite