Avviso ai lettori in «parole nuove» sul sito della Crusca

Spazio di discussione su questioni che non rientrano nelle altre categorie, o che ne coinvolgono piú d’una

Moderatore: Cruscanti

Intervieni
Avatara utente
G.B.
Interventi: 392
Iscritto in data: gio, 15 ago 2019 11:13

Avviso ai lettori in «parole nuove» sul sito della Crusca

Intervento di G.B. »

Nella sezione del sito della Crusca dedicata alle parole nuove, in alto:
Avviso ai lettori:
Se la redazione dedica una scheda di approfondimento a una parola non significa che ne sta promuovendo l’uso. Le schede sono pensate come strumenti di comprensione e approfondimento di una lingua, la nostra, che è in continua evoluzione. Le parole che fanno parte dell’italiano, come di qualsiasi lingua naturale, non possono essere “decise” o “scelte” dall’alto, ma sono quelle che spontaneamente si attestano negli usi dei parlanti, sulla base delle normali dinamiche di funzionamento delle lingue.
Discutibile, ma almeno che se ne lavano le mani è finalmente nero su bianco. Sarà loro arrivata qualche lamentela?
«[...] o italici segni / rivendicarvi io seppi / nella vostra vergine gloria!» (G. D'Annunzio, Laus Vitae, vv. 7979-81).
Avatara utente
Ferdinand Bardamu
Moderatore
Interventi: 4465
Iscritto in data: mer, 21 ott 2009 14:25
Località: Legnago (Verona)

Re: Avviso ai lettori in «parole nuove» sul sito della Crusca

Intervento di Ferdinand Bardamu »

Hanno pure ragione, ma non possono ignorare che il loro statuto di autorità in materia fa sí che, a torto o a ragione, ogni cosa che scrivono abbia il crisma dell’ufficialità, per cosí dire. Noto poi che fra tutte le parole possibili nella lista in questione figurano molti, agghiaccianti occasionalismi, mentre gli anglicismi non sono mai corredati da una proposta di traduzione. Anzi, spesso se ne loda pure l’«efficacia», come accade per lockdown che «[s]i mostra particolarmente efficace come parola chiave per indicare il peculiare stato del paese a seguito dei provvedimenti presi per contenere l’emergenza della pandemia da Sars-Cov-2».
Carlo_Porta04
Interventi: 96
Iscritto in data: dom, 27 dic 2020 2:50

Re: Avviso ai lettori in «parole nuove» sul sito della Crusca

Intervento di Carlo_Porta04 »

Ferdinand Bardamu ha scritto: lun, 22 feb 2021 13:42 [F]igurano molti, agghiaccianti occasionalismi
Meglio non parlare di cose come bufu, di cui già non se ne sente piú parlare. :oops:
Avatara utente
G.B.
Interventi: 392
Iscritto in data: gio, 15 ago 2019 11:13

Re: Avviso ai lettori in «parole nuove» sul sito della Crusca

Intervento di G.B. »

L'Accademia della Crusca ha scritto: Le parole che fanno parte dell’italiano, come di qualsiasi lingua naturale, non possono essere “decise” o “scelte” dall’alto...
Ferdinand Bardamu ha scritto: lun, 22 feb 2021 13:42 Hanno pure ragione...
Però, se avessero ragione su questo punto, parole come regista, autista, lockdown (alcuni, col potere di farlo, in origine avranno scelto di non tradurlo) e altre non potrebbero attestarsi nell'uso... Che poi quello da loro repulso si ritenga (a torto o a ragione) un metodo anacronistico e poco debito è un altro discorso (e per coerenza andrebbe osteggiato anche nel caso degl'inglesismi propagati forzosamente dall'alto dei media). Cioè, voglio dire, l'«alto» esiste, benché non vogliano aggiudicarselo loro.
«[...] o italici segni / rivendicarvi io seppi / nella vostra vergine gloria!» (G. D'Annunzio, Laus Vitae, vv. 7979-81).
Avatara utente
Ferdinand Bardamu
Moderatore
Interventi: 4465
Iscritto in data: mer, 21 ott 2009 14:25
Località: Legnago (Verona)

Re: Avviso ai lettori in «parole nuove» sul sito della Crusca

Intervento di Ferdinand Bardamu »

A ben vedere ha ragione lei: questa loro discolpa non riconosce il fatto che, semplicemente pubblicando un approfondimento su un certo anglicismo senza fornire alternative italiane, ne promuovono in effetti l’uso, sebbene non in maniera esplicita.
Intervieni

Chi c’è in linea

Utenti presenti in questa sezione: Nessuno e 2 ospiti