L’italiano non è piú una lingua

Spazio di discussione su questioni che non rientrano nelle altre categorie, o che ne coinvolgono piú d’una

Moderatore: Cruscanti

Avatara utente
GianDeiBrughi
Interventi: 108
Iscritto in data: mar, 07 feb 2012 21:28
Località: Mantova

Intervento di GianDeiBrughi »

Son più giovincello però anch'io l'ho sentita già durante l'infanzia.
È un'espressione particolarmente cara a mio padre.

Carnby
Interventi: 3585
Iscritto in data: ven, 25 nov 2005 18:53
Località: Empolese-Valdelsa

Re: «vincere a mani basse»

Intervento di Carnby »

bubu7 ha scritto:Mi piace come espressione: è mutuata dal linguaggio dell'ippica: 'giungere al traguardo senza fatica e senza aver imposto sforzi al cavallo' (GRADIT).
Qui c'è fare man bassa, nel senso di «fare pulito di tutto»; vincere a mani basse invece non fa parte della mia competenza nativa.

Avatara utente
Ferdinand Bardamu
Moderatore
Interventi: 4214
Iscritto in data: mer, 21 ott 2009 14:25
Località: Legnago (Verona)

Intervento di Ferdinand Bardamu »

Immagine

Andrea Russo
Interventi: 763
Iscritto in data: dom, 23 ott 2011 22:37

Intervento di Andrea Russo »

Grazie Ferdinand per l'articolo. Magari ci fosse una qualche resistenza nei confronti dei forestierismi.

Ieri sera al telegiornale locale si parlava del countdown per l'apertura di uno store. :roll:
Stamattina mentre aspettavo il mio turno dal parrucchiere (ovviamente hair stylist sull'insegna, non vi preoccupate :wink:), mi sono voluto male e ho preso una rivista a caso. Alcune chicche (poche, per fortuna poi mi hanno chiamato): «da parte del top management aziendale», «lusso riservato a un ristretto circolo di happy few ( :shock: :shock: :shock: :shock: :shock:), «non è l'unica [auto] a far parte delle car list nelle aziende», «un atout che non sembra...» (questo non lo conoscevo).
Ovviamente nessun corsivo.

Ho appena cercato happy few: si trova in ben due dizionario di «italiano», qui e qui, dove addirittura sembrerebbe risalire al 1867! :shock:

Avatara utente
Ferdinand Bardamu
Moderatore
Interventi: 4214
Iscritto in data: mer, 21 ott 2009 14:25
Località: Legnago (Verona)

Intervento di Ferdinand Bardamu »

Andrea Russo ha scritto:Grazie Ferdinand per l'articolo.
Di nulla. Per restare in tema, anche una brava pubblicitaria come Annamaria Testa prende posizione contro l’abuso di anglicismi.

Carnby
Interventi: 3585
Iscritto in data: ven, 25 nov 2005 18:53
Località: Empolese-Valdelsa

Intervento di Carnby »

Una sola osservazione. Nicoletta Maraschio afferma che l'italiano è la quarta lingua straniera più studiata al mondo; secondo me è una statistica molto ottimistica, dato che le prime tre sono sicuramente inglese, spagnolo e francese e ho qualche dubbio che il tedesco sia meno studiato nel mondo dell'italiano. A meno che non si escluda l'inglese...

valerio_vanni
Interventi: 956
Iscritto in data: ven, 19 ott 2012 20:40
Località: Marradi (FI)

Intervento di valerio_vanni »

Andrea Russo ha scritto:Grazie Ferdinand per l'articolo. Magari ci fosse una qualche resistenza nei confronti dei forestierismi.

Ieri sera al telegiornale locale si parlava del countdown per l'apertura di uno store. :roll:
Stamattina mentre aspettavo il mio turno dal parrucchiere (ovviamente hair stylist sull'insegna, non vi preoccupate :wink:), mi sono voluto male e ho preso una rivista a caso. Alcune chicche (poche, per fortuna poi mi hanno chiamato): «da parte del top management aziendale»
Questa mi ricorda sempre Sergio Vastano al Drive In ;-)
Ultima modifica di valerio_vanni in data mar, 04 mar 2014 12:56, modificato 1 volta in totale.

PersOnLine
Interventi: 1303
Iscritto in data: sab, 06 set 2008 15:30

Intervento di PersOnLine »

Ferdinand Bardamu ha scritto:
Andrea Russo ha scritto:Grazie Ferdinand per l'articolo.
Di nulla. Per restare in tema, anche una brava pubblicitaria come Annamaria Testa prende posizione contro l’abuso di anglicismi.
I pubblicitari però dovrebbero essere i primi a usare meno l'inglese nelle pubblicità.
Forse mi ripeto, ma penso l'italiano non si salverà mai finché pubblicitari, giornalisti, e personaggi televisivi non si daranno un codice di autoregolamentazione per la salvaguardia della lingua italiana (salvaguardia non solo grammaticale, ma anche proprio sul minor uso delle parole straniere).

Avatara utente
Ferdinand Bardamu
Moderatore
Interventi: 4214
Iscritto in data: mer, 21 ott 2009 14:25
Località: Legnago (Verona)

Intervento di Ferdinand Bardamu »

PersOnLine ha scritto:Forse mi ripeto, ma penso l'italiano non si salverà mai finché pubblicitari, giornalisti, e personaggi televisivi non si daranno un codice di autoregolamentazione per la salvaguardia della lingua italiana (salvaguardia non solo grammaticale, ma anche proprio sul minor uso delle parole straniere).
Su questo sono pienamente d’accordo.

Andrea Russo
Interventi: 763
Iscritto in data: dom, 23 ott 2011 22:37

Intervento di Andrea Russo »

Ferdinand Bardamu ha scritto:
Andrea Russo ha scritto:Grazie Ferdinand per l'articolo.
Di nulla. Per restare in tema, anche una brava pubblicitaria come Annamaria Testa prende posizione contro l’abuso di anglicismi.
Grazie anche per quest'intervento. :D
Nell'articolo però leggo: «non ce l’ho su con l’inglese, né con alcuna altra lingua straniera. [...] Non ce l’ho su nemmeno con chi non parla inglese alla perfezione [...] Infine, non ce l’ho su neanche coi molti termini inglesi [...]».
Io ho sempre detto e sentito dire avercela con qualcuno/qualcosa, senza su. La forma sopra riportata è semplicemente una variante regionale o c'è qualcos'altro che mi sfugge?

Avatara utente
Animo Grato
Interventi: 1379
Iscritto in data: ven, 01 feb 2013 15:11

Intervento di Animo Grato »

Andrea Russo ha scritto:Nell'articolo però leggo: «non ce l’ho su con l’inglese, né con alcuna altra lingua straniera. [...] Non ce l’ho su nemmeno con chi non parla inglese alla perfezione [...] Infine, non ce l’ho su neanche coi molti termini inglesi [...]».
Io ho sempre detto e sentito dire avercela con qualcuno/qualcosa, senza su. La forma sopra riportata è semplicemente una variante regionale o c'è qualcos'altro che mi sfugge?
Anch'io dico solo avercela, senza su. Credo che sia una variante regionale di area lombarda: a Bergamo e dintorni questo su salta fuori quando meno te l'aspetti, ad esempio in far su al posto del semplice fare. Ricordo che una volta, in un'officina, dopo che un pezzo di ricambio originale si era fatto attendere troppo a lungo, mi proposero una soluzione dicendo: "Caso mai te lo facciamo su noi". Al mio roteare gli occhi verso il soffitto, in cerca della possibile provvidenziale fucina, mi spiegarono: "È una bergamascata".
«Ed elli avea del cool fatto trombetta». Anonimo del Trecento su Miles Davis
«E non piegherò certo il mio italiano a mere (e francamente discutibili) convenienze sociali». Infarinato
«Prima l'italiano!»

Avatara utente
Ferdinand Bardamu
Moderatore
Interventi: 4214
Iscritto in data: mer, 21 ott 2009 14:25
Località: Legnago (Verona)

Intervento di Ferdinand Bardamu »

Oggi i giornali riportano purtroppo la notizia dell’incidente aereo in Malesia. La Repubblica e il Corriere però la chiamano Malaysia e usano l’etnico malaysiano (perché non direttamente Malaysian a sto punto?).

Andrea Russo
Interventi: 763
Iscritto in data: dom, 23 ott 2011 22:37

Intervento di Andrea Russo »

Molti giornalisti non sembrano essere dei fenomeni in geografia: quando parlano dei Marò (pronunciato spesso come se fosse Maró, ma lasciamo perdere) molte volte sento New Delhi, quando è d'uso comune Nuova Delhi. Che senso ha usare il nome inglese? Che usino il nome hindi a questo punto. :)
Comunque se continuano ad alternare inizierò a credere che ritengano Nuova Delhi e New Delhi due città diverse! :lol:

Avatara utente
Luca86
Interventi: 587
Iscritto in data: gio, 25 mar 2010 15:26
Località: Brindisi

Intervento di Luca86 »

Andrea Russo ha scritto:...quando parlano dei Marò...
A me, più che altro, è capitato di sentire e leggere marines (italiani). :(

domna charola
Interventi: 1081
Iscritto in data: ven, 13 apr 2012 9:09

Intervento di domna charola »

...aiuto... vi prego, una parola di conforto...

Parlo al telefono con un amico informatico che fa rievocazione storica (cioè si veste da medievale la domenica e racconta al pubblico com'era il medioevo...) e finiamo a discutere di castelli.
E mi fa l'esempio: "no, al massimo si tratta di motte-and-bailey , non di edifici come lo Sforzesco".
... ho dovuto chiedergli "cosa sono"... :shock: non avevo mai sentito il termine, eppure ho una laurea in storia medievale e una vasta biblioteca storica letta e spremuta...
In cui anche dei termini francesi (la storia medievale è campo francese, non certo inglese, come studi) si conosce e si dà la traduzione italica... ah, questi obsoleti letterati umanisti!!!...

Perché fare la fatica mentale di tradurre, dal *uorgheim di turno un termine, e passare per "antiquato"?...

p.s. controllato su uichipidia: noi li chiamiamo fortificazione su una motta.

Chiuso

Chi c’è in linea

Utenti presenti in questa sezione: Google [Bot] e 1 ospite