L’italiano non è piú una lingua

Spazio di discussione su questioni che non rientrano nelle altre categorie, o che ne coinvolgono piú d’una

Moderatore: Cruscanti

domna charola
Interventi: 1075
Iscritto in data: ven, 13 apr 2012 9:09

Intervento di domna charola »

A questo punto, la discussione si sposta su "ritratto": va riferito a qualsiasi rappresentazione di sé o si limita a tecniche particolari?
Ovvero, posso autoritrarmi solo col pennello o con martello e scalpello, o anche con la macchina fotografica tradizionale e in bianco e nero (tecnica sulla quale ormai siamo concordi che può produrre "opere d'arte")? O anche con altri mezzi (digitali, verbali, in lana lavorata a ferri etc.)?
Il punto è questo.

La qualità artistica non c'entra. Anche un bambino può, con i medesimi pennelli e colori di Michelangelo, abbozzare il suo autoritratto, e quindi lo sgorbietto che ne risulterebbe svilirebbe Michelangelo stesso?
Oppure riservo il termine "autoritratto" solo a opere di comprovata artisticità?

D'altra parte, uno dei grandi fotografi del passato, di quelli per intenderci riconosciuti come artisti, probabilmente saprebbe farsi un autoritratto artistico anche con un cellulare da quattro soldi.

Secondo me, è il nome dell'autore che si pone accanto all'oggetto (ovvero, la qualità artistica intrinseca, che è indipendente dalla tecnica usata) che ne determina piedistallo o polvere. Un selfie (oddddio, come detesto questo termine...) di Leonardo evoca un'idea molto diversa dal selfie di una velina qualsiasi...

Avatara utente
Roberto Crivello
Interventi: 1650
Iscritto in data: lun, 11 apr 2005 4:37
Località: Salt Lake City, Utah
Info contatto:

Intervento di Roberto Crivello »

domna charola ha scritto:La qualità artistica non c'entra. Anche un bambino può, con i medesimi pennelli e colori di Michelangelo, abbozzare il suo autoritratto, e quindi lo sgorbietto che ne risulterebbe svilirebbe Michelangelo stesso?
Non è che abbia molta voglia di impegnarmi in una discussione su un'entità così banale (secondo me) come il selfie, ma comunque:

Secondo me la qualità artistica c'entra e come. Mi pareva di averlo detto chiaramente: non è lo sgorbietto che svilisce Michelangelo; chiunque ha il diritto di fare uno sgorbietto. Svilisce Michelangelo chi chiama autoritratto lo sgorbietto (o lo confronta in qualunque modo a un autoritratto dell'artista).
domna charola ha scritto:Secondo me, è il nome dell'autore che si pone accanto all'oggetto (ovvero, la qualità artistica intrinseca, che è indipendente dalla tecnica usata) che ne determina piedistallo o polvere.
Questo mi fa venire in mente la battuta attribuita a Picasso, che aveva schizzato un disegno per una ragazza su una salvietta o qualcosa del genere, e quando la ragazza gli chiese di firmarglielo, rispose "Eh no, cara mia, un mio disegno non vale niente, ma la mia firma vale milioni".
domna charola ha scritto:"Un selfie (oddddio, come detesto questo termine...) di Leonardo evoca un'idea molto diversa dal selfie di una velina qualsiasi...
Leonardo non ha mai fatto un selfie; né una velina sarebbe in grado di fare un autoritratto. Ai miei occhi e per il mio gusto, nel corso dei secoli e grazie a quanto fatto da tutti gli artisti, la parola autoritratto si è caricata di tali connotazioni preziose, ci sono dietro storie di sofferenze e di tante altre vicissitudine degli artisti, che anche semplicemente menzionarla in relazione a questa nuova abitudine globale e omologante, significa far loro torto.

Le parole sono importanti, lo sappiamo tutti. Io ho detto semplicemente che non permuterei mai l'una per l'altra, in nessun senso. Poi naturalmente ognuno è libero di usare selfie e autoritratto come vuole.

Avatara utente
Zabob
Interventi: 912
Iscritto in data: sab, 28 lug 2012 19:22

Intervento di Zabob »

Due anglicismi, in mezzo e in coda a una frase, le danno equilibrio e armonia, non credete 8)?
Greenfunding: La prima piattaforma italiana di crowdfunding dedicata ai progetti della green economy
Oggi com'oggi non si sente dire dieci parole, cinque delle quali non sieno o d'oltremonte o nuove, dando un calcio alle proprie e native. (Fanfani-Arlìa, 1877)

Avatara utente
Animo Grato
Interventi: 1379
Iscritto in data: ven, 01 feb 2013 15:11

Intervento di Animo Grato »

Già, ma - anche in questo caso - il pesce puzza dalla testa... :roll:
«Ed elli avea del cool fatto trombetta». Anonimo del Trecento su Miles Davis
«E non piegherò certo il mio italiano a mere (e francamente discutibili) convenienze sociali». Infarinato
«Prima l'italiano!»

Carnby
Interventi: 3583
Iscritto in data: ven, 25 nov 2005 18:53
Località: Empolese-Valdelsa

Intervento di Carnby »

Un tempo c'era l'abbigliamento intimo, ora c'è l'underwear (non ci bastava la lingerie...).
Inoltre sulla stessa testata leggo «[Una scultura che] pesa più di 60 tons» (in questo caso può trattarsi di un'ambiguità del testo originale inglese: gli anglosassoni non sanno distinguere bene tra la short ton, la metric ton o tonne e la long ton, anche se, trattandosi presumibilmente di un articolo americano, dovrebbe essere la prima).

domna charola
Interventi: 1075
Iscritto in data: ven, 13 apr 2012 9:09

Intervento di domna charola »

Oggi ho lavorato con un collega informatico a una banca dati geologica, italiana.

Io detto i dati e lui li inserisce.
A un certo punto, detto "scisti neri, noti come Livello Selli" (si tratta di uno strato di roccia che prende il nome dal geologo italiano Raimondo Selli, dell'Università di Bologna).
Il collega (informatico) scrive "livello Sally"...

:shock:

...mi viene da piangere...

Carnby
Interventi: 3583
Iscritto in data: ven, 25 nov 2005 18:53
Località: Empolese-Valdelsa

Intervento di Carnby »

domna charola ha scritto:"livello Sally"
Avrà pensato a Harry ti presento Sally o alla canzone di Vasco Rossi... :wink:

valerio_vanni
Interventi: 941
Iscritto in data: ven, 19 ott 2012 20:40
Località: Marradi (FI)

Intervento di valerio_vanni »

domna charola ha scritto:Oggi ho lavorato con un collega informatico a una banca dati geologica, italiana.

A un certo punto, detto "scisti neri, noti come Livello Selli" (si tratta di uno strato di roccia che prende il nome dal geologo italiano Raimondo Selli,
Un collega informatico significa un geologo con anche competenze informatiche o un informatico generico?

Nel secondo caso è perdonabile che non conosca Raimondo Selli.

Avatara utente
GFR
Interventi: 307
Iscritto in data: ven, 10 ott 2014 21:39

Intervento di GFR »

L'informatica è forse il campo invaso con maggior forza dall'inglese. Resta comunque il fatto che per un italiano, in Italia, sentir selli e scriver sally sia normale.

domna charola
Interventi: 1075
Iscritto in data: ven, 13 apr 2012 9:09

Intervento di domna charola »

Il collega è un collega di ufficio, che fa solo l'informatico.
Il punto è che Selli è un cognome italiano, italianissimo, e non mi verrebbe mai per la mente, se sto parlando in italiano, che possa essere scritto in altro modo da quello in cui viene pronunciato.
A meno che non sia un informatico, per il quale è normale scrivere parole in modo diverso da come le dice... :roll:

Avatara utente
Animo Grato
Interventi: 1379
Iscritto in data: ven, 01 feb 2013 15:11

Intervento di Animo Grato »

domna charola ha scritto:Il punto è che Selli è un cognome italiano, italianissimo, e non mi verrebbe mai per la mente, se sto parlando in italiano, che possa essere scritto in altro modo da quello in cui viene pronunciato.
Se so che si sta parlando di un geologo italiano. :wink:
Ma se non lo so, e sento solo il suono "selli", andrò col pensiero al nome più comune (nella mia esperienza) che, pronunciato, dia quel risultato. Personalmente, grazie al cinema e alle canzoni, conosco molte più Sally che Selli (anzi, questo è il primo Selli che sento nominare).
Se avesse dettato al suo collega informatico un testo di paleontologia, è probabile che avrebbe scritto correttamente il nome della celebre Lucy, che però, in teoria, avrebbe anche potuto essere battezzata in onore di un ipotetico scienziato italiano chiamato Lusi (sì, lo so, la s è diversa, ma facciamo finta che Lei sia calabrese e le pronunci tutte sorde :wink:).
«Ed elli avea del cool fatto trombetta». Anonimo del Trecento su Miles Davis
«E non piegherò certo il mio italiano a mere (e francamente discutibili) convenienze sociali». Infarinato
«Prima l'italiano!»

Avatara utente
GFR
Interventi: 307
Iscritto in data: ven, 10 ott 2014 21:39

Intervento di GFR »

Vedo di parteggiare un po' per l'inglasiano che si incontra nell'informatica. In primo luogo questa scienza è nata inglese e parla meglio la sua lingua madre, nella programmazione, nei comandi, nei vari sistemi fisici.
Poi, un po' fantasticando, l'invasione dell'inglese, con storpiature, italianizzazioni e tutto quello che può capitarle, discende da una essenzialità della comunicazione, comune a tutto il settore. In fondo le macchine si dicono tutto usando serie di 0 e 1: solo due simboli. Gli operatori umani non fanno che adeguarsi, magari inconsciamente, a questa forma scarna, ma completa che consente loro di scambiare informazioni in una forma tanto povera quanto esaustiva.
Con l'esempio sotto, alla prima riga basta la metà delle parole per dire le stesse cose delle seconda frase. Certo che l'Italiano purtroppo scompare, resta solo l'informazione; e si mette anche sulla china (molto brutta, per me) che porta i giovani a scambiarsi messaggini del tipo ... xchè ... tvb.

Il pc crasha al boot con un loop di BSoD.
Il calcolatore si blocca all'avvio con una serie ininterrotta di schermate blu (d'errore).


Anche ardisk è più semplice che dire disco fisso o disco rigido. Non voglio affermare che ci si debba arrendere, anch'io preferisco l'Italiano, però volevo sottolineare che non è solo un vezzo o una moda o una semplice scimmiottatura; è una cosa più profonda e quindi anche più pericolosa per la nostra lingua.

Avatara utente
Ferdinand Bardamu
Moderatore
Interventi: 4196
Iscritto in data: mer, 21 ott 2009 14:25
Località: Legnago (Verona)

Intervento di Ferdinand Bardamu »

Son d’accordo, caro GFR. Ma, se l’inglese è piú economico dell’italiano, è solo perché è piú breve? Mi pare che anche l’assenza di alternative giochi un ruolo importante. Se ci fosse un istituto che diffondesse traducenti ufficiali — senza imporre niente a nessuno, per carità, sennò scatta automaticamente l’accusa di autarcía linguistica, cioè di fascismo —, forse i sostituti italiani parrebbero meno forzati e, allo stesso tempo, non ci si dovrebbe forzare a usarli.
GFR ha scritto:Il pc crasha al boot con un loop di BSoD.
Il calcolatore si blocca all'avvio con una serie ininterrotta di schermate blu (d'errore).
La frase in itanglese è comprensibile solo a un tecnico, o, per lo meno, a chi abbia un minimo di conoscenza del gergo informatico. A me la seconda sembra perfettamente trasparente, anche se — me ne rendo conto — a molti degli «addetti ai lavori» (molti, non tutti: lasciamoci un po’ di speranza) viene meno spontanea.

Avatara utente
Infarinato
Amministratore
Interventi: 3647
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 10:40
Info contatto:

[FT] Termini informatici e comunicazione di servizio

Intervento di Infarinato »

Vi prego di non divagare ulteriormente dal [già vago] tema di discussione. Sui termini informatici esiste già un filone di 19 pagine.

Anzi, vi pregherei, sia per il filone in oggetto sia per quello appena citato, di non allungarli ulteriormente, ma di aprire [nella sezione di volta in volta piú opportuna] un filone specifico per ogni nuovo argomento.

Quanto all’intrinseca maggior lunghezza delle parole e dei sintagmi italiani rispetto ai corrispettivi inglesi, se n’è già discusso ad nauseam. Qui aggiungo soltanto che questo non è poi un gran problema, visto che l’italiano è una lingua «a isocronia sillabica», anziché «accentuale» come l’inglese.

Avatara utente
Roberto Crivello
Interventi: 1650
Iscritto in data: lun, 11 apr 2005 4:37
Località: Salt Lake City, Utah
Info contatto:

Re: [FT] Termini informatici e comunicazione di servizio

Intervento di Roberto Crivello »

Infarinato ha scritto:Quanto all’intrinseca maggior lunghezza delle parole e dei sintagmi italiani rispetto ai corrispettivi inglesi, se n’è già discusso ad nauseam. Qui aggiungo soltanto che questo non è poi un gran problema, visto che l’italiano è una lingua «a isocronia sillabica», anziché «accentuale» come l’inglese.
Vorrei ringraziare pubblicamente il nostro caro Infarinato per due cose: anzitutto per avere dato un interessante riferimento (come fa spesso); in secondo luogo per avere (involontariamente?) sottolineato come, in un forum di qualità come questo, sarebbe bene che, ogniqualvolta possibile, si leggesse attentamente quanto i linguisti scrivono in merito invece di sproloquiare senza alcun riferimento a studi concreti, come fanno alcuni utenti (si dice il peccato ma non il peccatore).

Chiuso

Chi c’è in linea

Utenti presenti in questa sezione: Nessuno e 1 ospite