Elenco delle regole fantasma

Spazio di discussione su questioni che non rientrano nelle altre categorie, o che ne coinvolgono piú d’una

Moderatore: Cruscanti

Avatara utente
Animo Grato
Interventi: 1376
Iscritto in data: ven, 01 feb 2013 16:11

Intervento di Animo Grato » gio, 07 feb 2013 15:31

Quindi, in conclusione, la variante "sia... che...", che oggi mi sembra nettamente la più diffusa, è quella meno giustificabile storicamente (ancorché, come si è già detto, non condannabile come errore).

Avatara utente
Ferdinand Bardamu
Moderatore
Interventi: 4072
Iscritto in data: mer, 21 ott 2009 14:25
Località: Legnago (Verona)

Intervento di Ferdinand Bardamu » gio, 07 feb 2013 15:45

Sí, e non solo: sia… che può ingenerare equivoci e non essere immediatamente trasparente. Es. in sia quelli che sono iscritti al foro, che quelli che non sono iscritti sono appassionati di linguistica quel che, sulle prime, potrebb’essere interpretato, nella sequenza di parole, come un pronome relativo.

Don Lisander
Interventi: 59
Iscritto in data: sab, 16 mar 2013 16:43
Località: Roma

Intervento di Don Lisander » dom, 17 mar 2013 20:15

Una volta un mio compagno di scuola mi disse, dopo che gli avevo fatto leggere un mio scritto, che non si dovrebbero iniziare le frasi con la congiunzione E, sulla scorta forse dell'autorità di qualche professoressa di italiano. In seguito non ho trovato nessuna conferma a questa regola; anzi, ho trovato soltanto moltissimi casi di autori anche della nostra tradizione più alta che ne facevano uso qua e là all'inizio di frase.

Avatara utente
Ferdinand Bardamu
Moderatore
Interventi: 4072
Iscritto in data: mer, 21 ott 2009 14:25
Località: Legnago (Verona)

Intervento di Ferdinand Bardamu » dom, 17 mar 2013 21:28


Avatara utente
Zabob
Interventi: 911
Iscritto in data: sab, 28 lug 2012 19:22

Intervento di Zabob » gio, 21 mar 2013 15:37

Ricordo una prof. d'italiano che raccomandava di non dire/scrivere "un piccolo lettino", "un grande stanzone" ecc. poiché "lettino" vuol già dire "piccolo letto", "stanzone=stanza grande" ecc.
Oggi com'oggi non si sente dire dieci parole, cinque delle quali non sieno o d'oltremonte o nuove, dando un calcio alle proprie e native. (Fanfani-Arlìa, 1877)

Fausto Raso
Interventi: 1658
Iscritto in data: mar, 19 set 2006 15:25

Intervento di Fausto Raso » gio, 21 mar 2013 19:30

Zabob ha scritto:Ricordo una prof. d'italiano che raccomandava di non dire/scrivere "un piccolo lettino", "un grande stanzone" ecc. poiché "lettino" vuol già dire "piccolo letto", "stanzone=stanza grande" ecc.
A costo di attirarmi gli strali di qualche (pseudo)linguista, concordo totalmente con "quel" professore.
«Nostra lingua, un giorno tanto in pregio, è ridotta ormai un bastardume» (Carlo Gozzi)
«Musa, tu che sei grande e potente, dall'alto della tua magniloquenza non ci indurre in marronate ma liberaci dalle parole errate»

Avatara utente
Animo Grato
Interventi: 1376
Iscritto in data: ven, 01 feb 2013 16:11

Intervento di Animo Grato » gio, 21 mar 2013 20:32

Fausto Raso ha scritto:
Zabob ha scritto:Ricordo una prof. d'italiano che raccomandava di non dire/scrivere "un piccolo lettino", "un grande stanzone" ecc. poiché "lettino" vuol già dire "piccolo letto", "stanzone=stanza grande" ecc.
A costo di attirarmi gli strali di qualche (pseudo)linguista, concordo totalmente con "quel" professore.
Forse "piccolo lettino" e "grande stanzone" sono sconsigliabili perché "piccolo" e "grande" sono aggettivi così blandi che in effetti non aggiungono nulla a "-ino" e "-one". Ma se dicessi "lettino minuscolo" e "stanzone enorme" non mi sembrerebbe un'inutile ridondanza.

Allle
Interventi: 9
Iscritto in data: ven, 01 feb 2013 17:07

Intervento di Allle » ven, 17 mag 2013 17:33

Non si dice giubbotto in pelle ma giubbotto di pelle, tavolo in marmo ma di marmo, e così via.

Carnby
Interventi: 3519
Iscritto in data: ven, 25 nov 2005 19:53
Località: Empolese-Valdelsa

Intervento di Carnby » ven, 17 mag 2013 17:53

Allle ha scritto:Non si dice giubbotto in pelle ma giubbotto di pelle, tavolo in marmo ma di marmo, e così via.
Però si dice (o si può dire) macchina da scrivere e pappardelle sulla lepre. :)

Fausto Raso
Interventi: 1658
Iscritto in data: mar, 19 set 2006 15:25

Intervento di Fausto Raso » sab, 18 mag 2013 0:39

Un'altra regola fantasma: errata la locuzione "essendo che...".
È, invece, perfettamente corretta.
«Nostra lingua, un giorno tanto in pregio, è ridotta ormai un bastardume» (Carlo Gozzi)
«Musa, tu che sei grande e potente, dall'alto della tua magniloquenza non ci indurre in marronate ma liberaci dalle parole errate»

edoram
Interventi: 122
Iscritto in data: lun, 27 mar 2006 11:37
Località: Biella
Info contatto:

Intervento di edoram » sab, 18 mag 2013 1:27

Scusate, forse vista l'ora tarda mi sono perso qualcosa, ma non manca ancora nella lista la tanto discussa regola... "Non è permesso il condizionale dopo il se?"
Non voglio essere capito, voglio essere; capito?

Avatara utente
Ferdinand Bardamu
Moderatore
Interventi: 4072
Iscritto in data: mer, 21 ott 2009 14:25
Località: Legnago (Verona)

Intervento di Ferdinand Bardamu » lun, 27 mag 2013 14:52

Ho redatto la scheda su a me mi piace. Fatemi pure avere le vostre eventuali osservazioni. :)

Avatara utente
Zabob
Interventi: 911
Iscritto in data: sab, 28 lug 2012 19:22

Intervento di Zabob » mer, 02 lug 2014 9:52

Credo si possa ascrivere alle regole fantasma anche questa che mi è stata insegnata al liceo: si deve evitare (o quanto meno è inelegante) "non è che". Ad es.:
«Non è che ti puoi spostare?» → «Ti puoi spostare?»
«Non è che abbia letto molto, ultimamente» → «Non ho letto molto ultimamente.»
A me sembra che in certi costrutti sia problematico farne a meno, per es. quando i "non" sono due: «Non è che non avessi voglia, è solo che mi sembrava inutile ricordarglielo».

E quanti "dove" ci sono stati corretti con "in cui"! Per es. «nel V canto dell'Inferno, dove Dante incontra Paolo e Francesca» (è uno stato in luogo figurato, se non erro).
Oggi com'oggi non si sente dire dieci parole, cinque delle quali non sieno o d'oltremonte o nuove, dando un calcio alle proprie e native. (Fanfani-Arlìa, 1877)

Avatara utente
Animo Grato
Interventi: 1376
Iscritto in data: ven, 01 feb 2013 16:11

Intervento di Animo Grato » sab, 06 set 2014 14:38

♪ ♫ Who ya gonna call?
Ghostbusters!
♪ ♫

Vorrei richiamare la vostra attenzione su questa regoletta che ho appreso da piccolo (quindi, per me, è comunque troppo tardi per sbarazzarmene) e che mi puzza molto di ectoplasma: il plurale di "osso" è "ossa" se si parla di esseri umani e "ossi" se si tratta di animali. Anche a voi è stato inculcato qualcosa del genere? Nei dizionari non trovo traccia di questa norma, e l'alternativa tra "ossa" e "ossi" dipende solo dal fatto che "ossa" enfatizza il senso collettivo e non può essere usato in certe espressioni metaforiche ("quei tipi sono degli ossi duri", non "ossa dure").
Mi appoggiate nel ritenere infondata questa regola?
«Ed elli avea del cool fatto trombetta». Anonimo del Trecento su Miles Davis
«E non piegherò certo il mio italiano a mere (e francamente discutibili) convenienze sociali». Infarinato
«Prima l'italiano!»

Novizio
Interventi: 49
Iscritto in data: mar, 14 mag 2013 18:47

Intervento di Novizio » sab, 06 set 2014 15:12

Riporto dalla prima edizione del Sabatini-Coletti: «([P]l.f. ossa nelle accez. 1.,2. e 4.; pl.m. ossi nelle accez. 3. e 5.)»

Accezioni:

1. Ossa umane e dei vertebrati.
2. Vitalità essenziale, corpo.
3. Ciò che ha funzione di osso in animali non vertebrati: ossi di seppia.
4. Spogli, resti mortali.
5. Nocciolo di frutta.

La differenza, secondo loro, c’è.

AGGIUNTA

Da questa scheda della Crusca: «L'osso --> gli ossi / le ossa. Come per i diti, il maschile sta per vari ossi presi separatamente; le ossa indica l'insieme dell'ossatura umana.»

Intervieni

Chi c’è in linea

Utenti presenti in questa sezione: Nessuno e 1 ospite