Dal 2014 lauree magistrali in inglese a Milano

Spazio di discussione su questioni che non rientrano nelle altre categorie, o che ne coinvolgono piú d’una

Moderatore: Cruscanti

Avatara utente
Marco1971
Moderatore
Interventi: 10116
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 12:37

Dal 2014 lauree magistrali in inglese a Milano

Intervento di Marco1971 »

Già è successo a Torino, ora anche a Milano. Non commento, aspetto le vostre reazioni.
Ma quella lingua si chiama d’una patria, la quale convertisce i vocaboli ch’ella ha accattati da altri nell’uso suo, et è sí potente che i vocaboli accattati non la disordinano, ma ella disordina loro.
Avatara utente
.Silvia.
Interventi: 224
Iscritto in data: lun, 11 gen 2010 0:37
Località: Milano

Aiuto!

Intervento di .Silvia. »

Che dire... non sapranno bene né l'inglese né l'italiano.

Speriamo solo che riescano a scrivere meglio di un traduttore automatico.

Controbatto con questo interessante bando del Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca: http://bandi.miur.it/bandi.php/public/f ... ellow/8503
E cito:
The project represents the implementation of a study at the local level already achieved by an individual dairy producers and confer, is developed through the use of components for the detection and recording of events, apply a methodology that uses hardware and software between their integrated.
Each collection rounds is uniquely identified through the development of a communication protocol based on GPS technology, with the possibility of recognition of the coolant tank manufacturers, tank truck and tank at the dairy.
A te ricorro; e prego ché mi porghi mano
A trarmi fuor del pelago, onde uscire,
S'io tentassi da me, sarebbe vano.
PersOnLine
Interventi: 1303
Iscritto in data: sab, 06 set 2008 15:30

Intervento di PersOnLine »

Ai miei tempi - che poi non è così tanto tempo fa - ho fatto la specialistica, ma ora apprendo che sono state sostituite con le magistrali, il che significa che per giungere a un titolo di laurea legalmente paragonabile a quello pre-riforma Moratti al Politecnico di Milano si dovrà conoscere l'inglese quasi come un madrelingua a prescindere dalla facoltà: nessuno ci trovate qualcosa di lievemente incostituzionale?
Avatara utente
Sandro1991
Interventi: 251
Iscritto in data: lun, 28 nov 2011 19:07

Intervento di Sandro1991 »

Ma se la maggioranza degli studenti −me compreso− non conosce nemmeno l’italiano! Prima imparo quello, poi, se voglio, vado a studiare in Inghilterra per approfondire bene l’inglese. Ho letto delle tesi in italiano che fanno arrizzari li carni −come si dice da noi−, vorrei vedere in inglese...
Ultima modifica di Sandro1991 in data dom, 19 feb 2012 23:58, modificato 1 volta in totale.
Avatara utente
Marco1971
Moderatore
Interventi: 10116
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 12:37

Intervento di Marco1971 »

Forse se scrivete alla redazione della Crusca in molti, per lamentare questa situazione, non sarebbe male. Se scrivo io, non ha nessun effetto, perché mi conoscono; ma se scrivete voi a vostro nome, la cosa avrebbe secondo me maggior impatto.
Ma quella lingua si chiama d’una patria, la quale convertisce i vocaboli ch’ella ha accattati da altri nell’uso suo, et è sí potente che i vocaboli accattati non la disordinano, ma ella disordina loro.
PersOnLine
Interventi: 1303
Iscritto in data: sab, 06 set 2008 15:30

Intervento di PersOnLine »

Marco1971 ha scritto:Forse se scrivete alla redazione della Crusca in molti, per lamentare questa situazione, non sarebbe male. Se scrivo io, non ha nessun effetto, perché mi conoscono; ma se scrivete voi a vostro nome, la cosa avrebbe secondo me maggior impatto.
Ma non ha letto i commenti entusiasti per l'iniziativa degli stessi studenti (mi riferisco al caso di Torino)? se non si lamentano loro, che peso mai potrebbero avere le nostre lamentale? Piuttosto ritengo che si debba puntare per l'istituzione, finalmente, del CSLI: con un organo così queste situazioni sarebbero più facili da evitare per la loro assurdità.
Avatara utente
Ferdinand Bardamu
Moderatore
Interventi: 4394
Iscritto in data: mer, 21 ott 2009 14:25
Località: Legnago (Verona)

Intervento di Ferdinand Bardamu »

Svolta "english" per il Politecnico di Milano. L'università in Bovisa, infatti, dal 2014 offrirà le lauree magistrali "solo in inglese".
Semplicemente vergognoso. Classista e pure incostituzionale, come ha detto PersOnLine, perché discrimina fra chi conosce l'inglese alla perfezione e chi non ha avuto il tempo e i mezzi economici necessari per impararlo al livello d'un madrelingua. Sprezzante nei confronti dell'italiano, ufficialmente retrocesso a dialetto parlato dal «popolino» ignorante d'inglese. Sandro dice benissimo: prima la lingua madre, che, insomma, non è proprio una lingua da nulla; qualche bravo poeta e scrittore l'abbiamo sfornato anche noi italofoni. E pure qualche discreto scienziato.

Ha molto piú senso, a mio avviso, l'operazione della Libera Università di Bolzano, che tiene corsi in tre lingue (italiano, inglese e tedesco), anche se, pure in questo caso, non è da tutti padroneggiarle perfettamente tutt'e tre. Ma almeno l'italiano c'è.
Carnby
Interventi: 3637
Iscritto in data: ven, 25 nov 2005 18:53
Località: Empolese-Valdelsa

Intervento di Carnby »

Ferdinand Bardamu ha scritto:Semplicemente vergognoso. Classista e pure incostituzionale…
Ne è sicuro? Non mi sembra che la Costituzione italiana specifichi che la lingua ufficiale dello Stato è l'italiano, e certamente non per i corsi universitari. Insomma, qualche appiglio legalistico lo trovano di sicuro.
Ferdinand Bardamu ha scritto:Ha molto piú senso, a mio avviso, l'operazione della Libera Università di Bolzano, che tiene corsi in tre lingue (italiano, inglese e tedesco), anche se, pure in questo caso, non è da tutti padroneggiarle perfettamente tutt'e tre.
Concordo con quanto ha scritto.
Avatara utente
Ferdinand Bardamu
Moderatore
Interventi: 4394
Iscritto in data: mer, 21 ott 2009 14:25
Località: Legnago (Verona)

Intervento di Ferdinand Bardamu »

Carnby ha scritto:
Ferdinand Bardamu ha scritto:Semplicemente vergognoso. Classista e pure incostituzionale…
Ne è sicuro? Non mi sembra che la Costituzione italiana specifichi che la lingua ufficiale dello Stato è l'italiano, e certamente non per i corsi universitari. Insomma, qualche appiglio legalistico lo trovano di sicuro.
Piú che d'un ipotetico articolo che sancisca la lingua ufficiale, parlavo dell'articolo 3: secondo lei è rispettato qui il diritto alla «pari dignità sociale» e all'eguaglianza «davanti alla legge, senza distinzione […] di lingua»? L'articolo citato sopra dice che le lauree magistrali saranno «solo in inglese», senza alternativa. Ma anche qui sono stato troppo categorico, non essendo affatto un esperto di diritto e ha fatto bene a richiamarmi alla «sobrietà» d'opinioni :) .
Avatara utente
u merlu rucà
Moderatore «Dialetti»
Interventi: 1310
Iscritto in data: mar, 26 apr 2005 8:41

Intervento di u merlu rucà »

Mi vien da pensare che tra qualche anno un gruppo di eminenti antropologi verrà in questa piazza, per studiare un arcaico gruppo di irriducibili italofoni.
Avatara utente
GianDeiBrughi
Interventi: 108
Iscritto in data: mar, 07 feb 2012 21:28
Località: Mantova

Intervento di GianDeiBrughi »

D'altra parte, poiché tali laureandi probabilmente potranno lavorare solo all'estero, tanto vale che si abituino fin da subito. :lol:

Chissà cosa ne penserebbero Galileo e Torricelli. Quanta amarezza. :(

Questo non è certo un caso isolato comunque. Una volta lessi che nella penisola arabica molte persone sono alquanto contrarie al fatto che in diverse università i corsi di medicina siano in inglese.
Come se il primo a disegnare le suture delle ossa craniche non fosse stato un arabo, e uno dei testi fondanti della storia della medicina non fosse il Canone di Avicenna :/

[Il collegamento è al sito dell'American University of Beirut, altra prestigiosa università araba che offre i corsi in inglese...]
CarloB
Interventi: 444
Iscritto in data: mar, 01 feb 2005 18:23

Intervento di CarloB »

Non ho avuto tempo di controllare sul sito dell'ateneo milanese. Ma, a naso, forse si intende che tutti i corsi saranno svolti anche in inglese. Vale a dire che una parte dei docenti sono disponibili a tenere lezioni ed esami in quella lingua, mentre altri docenti li terranno normalmente in italiano. Poiché nella magistrale ci sono meno esami da sostenere, il numero di docenti coinvolto è più limitato che non nella laurea triennale.
Già adesso, del resto, mi risulta che in più d'un ateneo venga chiesto ai docenti di dichiarare se sono in grado di tenere lezioni in inglese.
Ho anche l'impressione che in più d'uno statuto di ateneo sia previsto esplicitamente che la tesi di laurea, fatta forse eccezione per alcune della facoltà di Lingue e letterature straniere, debba essere in lingua italiana.
Avatara utente
Marco1971
Moderatore
Interventi: 10116
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 12:37

Intervento di Marco1971 »

Ma quella lingua si chiama d’una patria, la quale convertisce i vocaboli ch’ella ha accattati da altri nell’uso suo, et è sí potente che i vocaboli accattati non la disordinano, ma ella disordina loro.
Carnby
Interventi: 3637
Iscritto in data: ven, 25 nov 2005 18:53
Località: Empolese-Valdelsa

Intervento di Carnby »

Tutto fermo, a quanto ne so io. In ogni caso, ci tengo a precisare che secondo me queste iniziative lasciano il tempo che trovano, se con «italiano» s'intende quello strano miscuglio anglomane che ci ritroviamo oggi. Insomma, o si crea un istituto di sorveglianza sulla lingua (che sia la Crusca o no, poco importa), o altrimenti è del tutto inutiile fare iniziative a sostegno dell'«italiano».
Fausto Raso
Interventi: 1683
Iscritto in data: mar, 19 set 2006 15:25

Intervento di Fausto Raso »

Carnby ha scritto:Tutto fermo, a quanto ne so io. In ogni caso, ci tengo a precisare che secondo me queste iniziative lasciano il tempo che trovano, se con «italiano» s'intende quello strano miscuglio anglomane che ci ritroviamo oggi. Insomma, o si crea un istituto di sorveglianza sulla lingua (che sia la Crusca o no, poco importa), o altrimenti è del tutto inutiile fare iniziative a sostegno dell'«italiano».
Concordo con Carnby e aggiungo che è da tempo immemorabile che la Crusca non tutela piú la lingua. Anzi... Il suo sito è infarcito di anglismi. Che cosa possiamo aspettarci, dunque?
«Nostra lingua, un giorno tanto in pregio, è ridotta ormai un bastardume» (Carlo Gozzi)
«Musa, tu che sei grande e potente, dall'alto della tua magniloquenza non ci indurre in marronate ma liberaci dalle parole errate»
Intervieni

Chi c’è in linea

Utenti presenti in questa sezione: Majestic-12 [Bot] e 1 ospite