Dizionari della lingua italiana

Spazio di discussione su questioni che non rientrano nelle altre categorie, o che ne coinvolgono piú d’una

Moderatore: Cruscanti

Avatara utente
Federico
Interventi: 3008
Iscritto in data: mer, 19 ott 2005 16:04
Località: Milano

Intervento di Federico » sab, 14 ott 2006 15:32

Marco1971 ha scritto:Raccomando il De Agostini. :)
Non so però che edizione sia: mi sembrava molto ristretta.

Avatara utente
Marco1971
Moderatore
Interventi: 9547
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 13:37

Intervento di Marco1971 » sab, 14 ott 2006 16:47

Ma per 13 euro, vale la pena anche se è un’edizione minore. ;)

Avatara utente
Federico
Interventi: 3008
Iscritto in data: mer, 19 ott 2005 16:04
Località: Milano

Intervento di Federico » sab, 14 ott 2006 20:39

Marco1971 ha scritto:Ma per 13 euro, vale la pena anche se è un’edizione minore. ;)
Verissimo, ma il fatto è che seguendo questa logica dovrei dopo poco affittare un altro appartamento solo per i libri. :)

Avatara utente
cuci
Interventi: 109
Iscritto in data: lun, 19 set 2005 3:29
Località: Varese

Intervento di cuci » mar, 17 ott 2006 10:35

Federico ha scritto:Per chi abita a Milano, poi, segnalo che nella libreria di via Dante è possibile acquistare (fra l'altro):
il Gabrielli monovolume a 15€;
il Devoto-Oli 2002-2003 con CD a 25€;
il Garzanti 2004 a 30€;
il De Agostini a 13€.
Ed io, pirla, proprio ieri ero a Milano in vena d'acquisti linguistici; s'avessi letto prima questo intervento, mi ci sarei fiondato in quel di Via Dante. Tornerò domani sperando di trovar ancora qualcosa.
«Duva vidi moju zzappa fundu»

·Dum·Doceo·Disco·

Avatara utente
Federico
Interventi: 3008
Iscritto in data: mer, 19 ott 2005 16:04
Località: Milano

Intervento di Federico » gio, 19 ott 2006 0:00

cuci ha scritto:Tornerò domani sperando di trovar ancora qualcosa.
Be', le scorte mi parevano abbondanti, specialmente di Gabrielli e (ancora di piú) Devoto-Oli.

Avatara utente
Marco1971
Moderatore
Interventi: 9547
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 13:37

Intervento di Marco1971 » gio, 19 ott 2006 0:16

Strano però che l’edizione originale del Gabrielli, in due volumi (il Gabrielli monovolume è un rifacimento postumo, con aggiunte e detrazioni), sembri ormai non piú in commercio... :roll:

zac
Interventi: 12
Iscritto in data: lun, 04 dic 2006 20:52

Re: Dizionari della lingua italiana

Intervento di zac » lun, 04 dic 2006 21:10

Marco1971 ha scritto:
[ Gabrielli (1989, edizione in due volumi; diversa quella, postuma, monovolume)
L’ho detto e ridetto: l’ultimo dizionario normativo, purtroppo ora difficilmente reperibile sul mercato. Preziose le informazioni sulle reggenze, e assolutamente straordinaria per dovizia l’esemplificazione, quasi sempre d’autore. Il dizionario per chi vuole risposte certe.
L'edizione monovolume ( la sola che si trova) è consigliabile? Mantiene le stesse caratteristiche di quella in due volumi ad esempio per quanto riguarda la "normatività" ?
Il Sabatini-Coletti può essere considerato un dizionario normativo ?

grazie

Avatara utente
Marco1971
Moderatore
Interventi: 9547
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 13:37

Intervento di Marco1971 » lun, 04 dic 2006 21:31

Benvenuto, Zac! :)

L’edizione monovolume del dizionario del Gabrielli manca di quei consigli presenti in quella bivolume, però direi che mantiene l’impostazione generale e la maggior parte dell’esemplificazione.

Il Sabatini-Coletti è, come ho detto, un ottimo dizionario, forse il migliore in un volume, insieme al Devoto-Oli. Oggi tuttavia non credo che si possa piú parlare di vocabolari normativi: la maggior parte dei lessicografi tende, mi sembra, a seguire l’uso che della lingua viene fatto, senza molti vagli. È una posizione che non condivido e auspicherei minor lassismo e maggiore fermezza nel consigliare l’utente. Il paradosso è che molti italiani vorrebbero proprio un dizionario normativo...

zac
Interventi: 12
Iscritto in data: lun, 04 dic 2006 20:52

Intervento di zac » mar, 05 dic 2006 23:25

Marco1971 ha scritto:Benvenuto, Zac! :)

L’edizione monovolume del dizionario del Gabrielli manca di quei consigli presenti in quella bivolume, però direi che mantiene l’impostazione generale e la maggior parte dell’esemplificazione.
Consigli di che tipo ? Comunque me lo raccomandi come unico e ultimo dizionario normativo presente sul mercato ? ( si trova a metà prezzo l'edizione del 2000)
Marco1971 ha scritto: Il Sabatini-Coletti è, come ho detto, un ottimo dizionario, forse il migliore in un volume, insieme al Devoto-Oli. Oggi tuttavia non credo che si possa piú parlare di vocabolari normativi: la maggior parte dei lessicografi tende, mi sembra, a seguire l’uso che della lingua viene fatto, senza molti vagli. È una posizione che non condivido e auspicherei minor lassismo e maggiore fermezza nel consigliare l’utente. Il paradosso è che molti italiani vorrebbero proprio un dizionario normativo...
si è quello che vorrei anch'io :( anzi fino a poco tempo fa credevo ingenuamente che tutti i dizionari fossero normativi e consideravo certe aperture, ad esempio quelle dello Zingarelli, come delle "svolte legislative" della lingua italiana e non come semplice registrazione dell'uso ....
Credo che l'assenza di vocabolari normativi possa costituire un problema abbastanza importante in varie situazioni come ad esempio in un esame universitario o in un concorso dove un professore di italiano potrebbe considerare esiziale, per la valutazione, un errore considerato invece non tale da qualche dizionario (consultato dallo sfortunato studente).
Comunque ho trovato anche il Sabatini-Coletti a metà prezzo, però l'edizione del 2003...è consigliabile? Mi viene da pensare che abbia ben poche differenze con quella successiva.

Grazie ancora per la risposta.

Avatara utente
Federico
Interventi: 3008
Iscritto in data: mer, 19 ott 2005 16:04
Località: Milano

Intervento di Federico » mar, 05 dic 2006 23:50

zac ha scritto:si è quello che vorrei anch'io :( anzi fino a poco tempo fa credevo ingenuamente che tutti i dizionari fossero normativi e consideravo certe aperture, ad esempio quelle dello Zingarelli, come delle "svolte legislative" della lingua italiana e non come semplice registrazione dell'uso ....
E infatti generalmente non si vuole un vocabolario normalitivo, bensí si è convinti che il vocabolario (come istituzione) sia normativo.

Avatara utente
Marco1971
Moderatore
Interventi: 9547
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 13:37

Intervento di Marco1971 » mar, 05 dic 2006 23:56

zac ha scritto:Consigli di che tipo ? Comunque me lo raccomandi come unico e ultimo dizionario normativo presente sul mercato ? ( si trova a metà prezzo l'edizione del 2000)
Consigli sul buon uso, del tipo è preferibile questo o questa forma è errata, ecc. Per le questioni ortografiche e ortoepiche c’è sempre il DOP (Dizionario d’Ortografia e di Pronunzia).
zac ha scritto:Credo che l'assenza di vocabolari normativi possa costituire un problema abbastanza importante in varie situazioni come ad esempio in un esame universitario o in un concorso dove un professore di italiano potrebbe considerare esiziale, per la valutazione, un errore considerato invece non tale da qualche dizionario (consultato dallo sfortunato studente).
La maggior parte della gente, compresi molti professori, considerano i vocabolari l’autorità ultima.
zac ha scritto:Comunque ho trovato anche il Sabatini-Coletti a metà prezzo, però l'edizione del 2003...è consigliabile? Mi viene da pensare che abbia ben poche differenze con quella successiva.
Sí, gliela raccomando. :) Le differenze da un’edizione all’altra riguardano principalmente il numero di anglo-americanismi crudi registrati.

zac
Interventi: 12
Iscritto in data: lun, 04 dic 2006 20:52

Intervento di zac » mer, 06 dic 2006 0:13

Federico ha scritto:
zac ha scritto:si è quello che vorrei anch'io :( anzi fino a poco tempo fa credevo ingenuamente che tutti i dizionari fossero normativi e consideravo certe aperture, ad esempio quelle dello Zingarelli, come delle "svolte legislative" della lingua italiana e non come semplice registrazione dell'uso ....
E infatti generalmente non si vuole un vocabolario normalitivo, bensí si è convinti che il vocabolario (come istituzione) sia normativo.
a me invece andrebbe benissimo un vocabolario normalitivo (nel senso che tende a creare la norma? ) in quanto penso che una delle caratteristiche principali della lingua sia essere una convenzione funzionale alla comunicazione

Avatara utente
Marco1971
Moderatore
Interventi: 9547
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 13:37

Intervento di Marco1971 » mer, 06 dic 2006 0:15

Penso che *normalitivo sia un errore di digitazione. Si dice normativo. ;)

zac
Interventi: 12
Iscritto in data: lun, 04 dic 2006 20:52

Intervento di zac » mer, 06 dic 2006 0:34

Marco1971 ha scritto:
zac ha scritto:Consigli di che tipo ? Comunque me lo raccomandi come unico e ultimo dizionario normativo presente sul mercato ? ( si trova a metà prezzo l'edizione del 2000)
Consigli sul buon uso, del tipo è preferibile questo o questa forma è errata, ecc. Per le questioni ortografiche e ortoepiche c’è sempre il DOP (Dizionario d’Ortografia e di Pronunzia).
quindi mi sembra di capire che sia mancante di una parte di quella "normatività" che lo caratterizzava nell'edizione precedente ?
zac ha scritto:Credo che l'assenza di vocabolari normativi possa costituire un problema abbastanza importante in varie situazioni come ad esempio in un esame universitario o in un concorso dove un professore di italiano potrebbe considerare esiziale, per la valutazione, un errore considerato invece non tale da qualche dizionario (consultato dallo sfortunato studente).
La maggior parte della gente, compresi molti professori, considerano i vocabolari l’autorità ultima.
si però, ad esempio, se scrivo scancellare, perchè un dizionario non mi segnala che è un errore o comunque un qualcosa di sconsigliabile, un professore potrebbe già pensare di darmi da 5 in giù :) solo per questo;
altro esempio alle superiori un professore considerava non più errore scrivere qual' è mentre per un altro era un errore gravissimo ....quindi sarei abbastanza daccordo sui i vocabolari come autorià di riferimento (magari non ultima e lasciando all'Accademia della Crusca il ruolo di Corte Costituzionale della lingua italiana come diceva Montanelli)

zac
Interventi: 12
Iscritto in data: lun, 04 dic 2006 20:52

Intervento di zac » mer, 06 dic 2006 0:38

Marco1971 ha scritto:Penso che *normalitivo sia un errore di digitazione. Si dice normativo. ;)
si l'ho pensato anch'io , ma siccome qui io mi sento umile umile sono andato per l'appunto a consultare un dizionario e ho supposto un qualche tipo di aggettivo derivato da normalizzare :-)

Intervieni

Chi c’è in linea

Utenti presenti in questa sezione: Nessuno e 1 ospite