Dizionari della lingua italiana

Spazio di discussione su questioni che non rientrano nelle altre categorie, o che ne coinvolgono piú d’una

Moderatore: Cruscanti

Avatara utente
Marco1971
Moderatore
Interventi: 9547
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 13:37

Intervento di Marco1971 » mer, 06 dic 2006 0:48

Il verbo scancellare non può essere considerato un errore da nessuno che sappia qualcosa in fatto di lingua: ha ottime e antiche attestazioni letterarie.

Per quanto riguarda qual è, è ormai universalmente accettato che non si apostrofa, trattandosi di apocope (o troncamento) e non di elisione.

Tornando al dizionario del Gabrielli monovolume: sí, manca quell’aspetto normativo.

Fausto Raso
Interventi: 1658
Iscritto in data: mar, 19 set 2006 15:25

Intervento di Fausto Raso » mer, 06 dic 2006 1:04

Marco1971 ha scritto:Il verbo scancellare non può essere considerato un errore da nessuno che sappia qualcosa in fatto di lingua: ha ottime e antiche attestazioni letterarie.
Ha ragione e l'argomento è già stato affrontato: si veda il filone Grafematica (Cancellare o scancellare)
«Nostra lingua, un giorno tanto in pregio, è ridotta ormai un bastardume» (Carlo Gozzi)
«Musa, tu che sei grande e potente, dall'alto della tua magniloquenza non ci indurre in marronate ma liberaci dalle parole errate»

zac
Interventi: 12
Iscritto in data: lun, 04 dic 2006 20:52

Intervento di zac » mer, 06 dic 2006 1:17

Marco1971 ha scritto:Il verbo scancellare non può essere considerato un errore da nessuno che sappia qualcosa in fatto di lingua: ha ottime e antiche attestazioni letterarie..
lo so ma le assicuro che qualche professore lo potrebbe considerare errore grave e si potrebbe per esempio perdere un concorso per questo... che si fa un ricorso al TAR ? :) : voglio dire che il professore è il giudice insindacabile e alcuni professori possono dare molto peso a questi tipi di presunti errori
Per quanto riguarda qual è, è ormai universalmente accettato che non si apostrofa, trattandosi di apocope (o troncamento) e non di elisione.
come sopra: lo stesso tema con "qual'è" mi avrebbe fatto prendere da 7 a 5 a seconda di chi lo avesse corretto

per questo credo che per limitare il problema i vocabolari dovrebbero essere normativi e concordi almeno sulla maggioranza delle questioni dubbie (se no ci potrebbe sempre essere la profesoressa che dice che il Sabatini è il peggiore di tutti i vocabolari come ricordo qualcuno riferiva in qualche filone e quindi demolire la corretteza di una questione negando l'autorità del vocabolario che la sostiene )

Avatara utente
Marco1971
Moderatore
Interventi: 9547
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 13:37

Intervento di Marco1971 » mer, 06 dic 2006 1:26

Per qual è, i dizionari sono concordi, quindi non ci sono dubbi. Poi uno, conoscendo le preferenze del proprio docente, e alla correttezza anteponendo il bel voto, può anche regolarsi come vuole. ;)

Fausto Raso
Interventi: 1658
Iscritto in data: mar, 19 set 2006 15:25

Intervento di Fausto Raso » mer, 06 dic 2006 1:35

zac ha scritto:lo so ma le assicuro che qualche professore lo potrebbe considerare errore grave e si potrebbe per esempio perdere un concorso per questo... che si fa un ricorso al TAR ? :) : voglio dire che il professore è il giudice insindacabile e alcuni professori possono dare molto peso a questi tipi di presunti errori
Da questo punto di vista ha ragione: ci sono molti professori ignoranti. Qualche giorno fa ebbi un diverbio proprio con uno di questi. Sosteneva - la professoressa - che qual è si apostrofa se si riferisce a un femminile: qual'è la tua penna?; si tronca solo davanti a un maschile: qual è il tuo libro?

Ho tutti i capelli bianchi! :evil:
«Nostra lingua, un giorno tanto in pregio, è ridotta ormai un bastardume» (Carlo Gozzi)
«Musa, tu che sei grande e potente, dall'alto della tua magniloquenza non ci indurre in marronate ma liberaci dalle parole errate»

zac
Interventi: 12
Iscritto in data: lun, 04 dic 2006 20:52

Intervento di zac » mer, 06 dic 2006 1:51

Marco1971 ha scritto:Per qual è, i dizionari sono concordi, quindi non ci sono dubbi. Poi uno, conoscendo le preferenze del proprio docente, e alla correttezza anteponendo il bel voto, può anche regolarsi come vuole. ;)
ecco hai sintetizzato quello che volevo dire, solo che in certe prove non puoi conoscere a priori le preferenze del professore quindi ci si rifà al vocabolario che si ha a portata di mano, il quale potrebbe essere inviso all'esaminatore di turno .... e siamo daccapo :)

su "qual è" c'è l'unanimità dei dizionari ma io avevo un professore che non considerava errore "qual'è " in base al principio che la lingua corretta è quella dell'uso ed essendosi ormai diffuso questo errore.... :)

Penso che fu lodevole l'iniziativa di quel centro commerciale che fece correggere dai suoi cartelloni pubblicitari, disseminati per tutta la città, "un'amore" ....cosi tanto per non creare un uso di questo tipo :-)

Fausto Raso
Interventi: 1658
Iscritto in data: mar, 19 set 2006 15:25

Intervento di Fausto Raso » mer, 06 dic 2006 2:00

zac ha scritto:Penso che fu lodevole l'iniziativa di quel centro commerciale che fece correggere dai suoi cartelloni pubblicitari, disseminati per tutta la città, "un'amore" ....cosi tanto per non creare un uso di questo tipo :-)
A proposito di "errori commerciali", ho sentito dire che c'era una legge (non so se si riferisse al periodo fascista) che puniva i commercianti che esponevano cartelli con errori d'ortografia. Qualcuno sa se è vero e, se sí, se è ancora in vigore? Grazie
«Nostra lingua, un giorno tanto in pregio, è ridotta ormai un bastardume» (Carlo Gozzi)
«Musa, tu che sei grande e potente, dall'alto della tua magniloquenza non ci indurre in marronate ma liberaci dalle parole errate»

Avatara utente
Marco1971
Moderatore
Interventi: 9547
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 13:37

Intervento di Marco1971 » mer, 06 dic 2006 2:18

La lingua corretta, per quanto mi riguarda, è quella dell’uso cólto, non dell’uso becero. Ora le persone cólte di solito tengono a una certa proprietà e dovrebbero aver letto molto, in particolare i classici, anche quelli piú recenti. Il buon italiano, per me, risulterebbe da un vaglio accurato fra tradizione e innovazione, ma sempre entro certi invalicabili limiti.

Per quanto riguarda il fascismo, credo che le multe fossero per chi nei cartelli metteva parole straniere (adattate o no).

P.S. Mi dispiace di dover tornare su questo delicato argomento, ma in questo forum (o fòro) ci si dà del lei a meno di non avere stabilito diversamente in privato. Detto con molta cordialità. :)

zac
Interventi: 12
Iscritto in data: lun, 04 dic 2006 20:52

Intervento di zac » mer, 06 dic 2006 12:24

Marco1971 ha scritto:
P.S. Mi dispiace di dover tornare su questo delicato argomento, ma in questo forum (o fòro) ci si dà del lei a meno di non avere stabilito diversamente in privato. Detto con molta cordialità. :)
mi scusi mi è sfuggito :)

Avatara utente
Federico
Interventi: 3008
Iscritto in data: mer, 19 ott 2005 16:04
Località: Milano

Intervento di Federico » gio, 07 dic 2006 20:18

Fausto Raso ha scritto:A proposito di "errori commerciali", ho sentito dire che c'era una legge (non so se si riferisse al periodo fascista) che puniva i commercianti che esponevano cartelli con errori d'ortografia. Qualcuno sa se è vero e, se sí, se è ancora in vigore?
Dove ha preso questa informazione? Può benissimo darsi che questa legge sia esistita, e in tal caso quasi sicuramente non è mai stata abrogata.
zac ha scritto:
Marco1971 ha scritto:Penso che *normalitivo sia un errore di digitazione. Si dice normativo. ;)
si l'ho pensato anch'io , ma siccome qui io mi sento umile umile sono andato per l'appunto a consultare un dizionario e ho supposto un qualche tipo di aggettivo derivato da normalizzare :-)
Mi dispiace di averle fatto perdere tanto tempo per questo mio lapsus digiti.

roby
Interventi: 2
Iscritto in data: gio, 23 ago 2007 18:50

dizionari

Intervento di roby » gio, 23 ago 2007 19:35

Help!
Credo di aver trovato un ottimo sito per ottenere utili informazioni.
Visto che ne avete parlato, gradirei sapere quale tra i dizionari di lingua italiana disponibili in questi giorni in edicola (Hoepli, Sansoni, Devoto-Oli) consigliereste.
Non riesco a sfuggire dalle occasioni!
Grazie

Avatara utente
Marco1971
Moderatore
Interventi: 9547
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 13:37

Intervento di Marco1971 » gio, 23 ago 2007 19:42

Benvenuto roby! :)

Dipende un po’ da quello che desidera da un dizionario... Potrebbe precisare?

P.S. Help? :evil: In italiano si dice Aiuto! ;)
Ma quella lingua si chiama d’una patria, la quale convertisce i vocaboli ch’ella ha accattati da altri nell’uso suo, et è sí potente che i vocaboli accattati non la disordinano, ma ella disordina loro.

Avatara utente
Incarcato
Interventi: 900
Iscritto in data: lun, 08 nov 2004 13:29

Intervento di Incarcato » ven, 24 ago 2007 8:54

Roby dixit:
Non riesco a sfuggire dalle occasioni!
Commento metalinguistico.
Consiglierei sfuggire alle occasioni, come si può verificare, ad esempio, nel da De Mauro:
2a v.intr. (essere) sottrarsi a qcn. per evitare di essere catturato o trattenuto, spec. con la fuga o con un rapido spostamento: s. alla polizia, s. ai sequestratori |
I' ho tanti vocabuli nella mia lingua materna, ch'io m'ho piú tosto da doler del bene intendere le cose, che del mancamento delle parole colle quali io possa bene esprimere il concetto della mente mia.

roby
Interventi: 2
Iscritto in data: gio, 23 ago 2007 18:50

dizionari in edicola

Intervento di roby » ven, 24 ago 2007 20:54

Ringrazio per la correzione ma ho digitato ed inviato il testo in fretta. Al prossimo errore ed alla prossima correzione!
Alla gentile richiesta di precisazione da parte di Marco 71, rispondo che non ho particolari esigenze: mi serve un dizionario normativo, tradizionale, ricco di lemmi ed aggiornato, con accurate definizioni ed esemplificazioni e soprattutto informazioni sulle reggenze.
Possiedo un vecchio Zingarelli ed un Devoto-Oli (non ricordo precisamente la data di pubblicazione, ha un paio d’anni).
Spero di aver fornito qualche elemento in più.
Ringrazio in anticipo chi vorrà aiutarmi prima di perdere …l’occasione!

Fausto Raso
Interventi: 1658
Iscritto in data: mar, 19 set 2006 15:25

Intervento di Fausto Raso » ven, 24 ago 2007 21:52

A mio avviso il vocabolario che cerca roby potrebbe essere il "bivolume" del Gabrielli. :)
«Nostra lingua, un giorno tanto in pregio, è ridotta ormai un bastardume» (Carlo Gozzi)
«Musa, tu che sei grande e potente, dall'alto della tua magniloquenza non ci indurre in marronate ma liberaci dalle parole errate»

Intervieni

Chi c’è in linea

Utenti presenti in questa sezione: Nessuno e 1 ospite