Il contrario di «rivalutare»

Spazio di discussione su questioni che non rientrano nelle altre categorie, o che ne coinvolgono piú d’una

Moderatore: Cruscanti

Intervieni
rossosolodisera
Interventi: 169
Iscritto in data: lun, 30 dic 2013 17:30

Il contrario di «rivalutare»

Intervento di rossosolodisera »

Spesso capita che persone che non ci ispiravano grande fiducia ci smentiscano, o migliorino facendo virare in positivo la nostra opinione. A tali casi si addice il verbo rivalutare: "Non mi piaceva ma l'ho rivalutato". Visto che accade pure, e forse ancora più spesso, il contrario, ovvero che le persone ci costringono a virare in peggio la nostra impressione su di loro, da tempo mi sto chiedendo se ci sia un verbo opposto, che da solo mi permetta di evitare perifrasi come "ho ridimensionato/peggiorato il mio giudizio sulla tal persona o associazione di persone". Finora all'uopo non ho trovato di meglio che "disistimare", "deprezzare" o lo stesso "ridimensionare".
Mi hanno suggerito, di getto, "svalutare", ma a questo punto preferisco quelli che ho trovato io.

Avatara utente
Luca86
Interventi: 587
Iscritto in data: gio, 25 mar 2010 15:26
Località: Brindisi

Intervento di Luca86 »

Scadere (accezione 1)?

PersOnLine
Interventi: 1303
Iscritto in data: sab, 06 set 2008 15:30

Intervento di PersOnLine »

Si può anche dire che perde punti, oppure, dalle mie parti, almeno, mi è sceso.

Avatara utente
Luca86
Interventi: 587
Iscritto in data: gio, 25 mar 2010 15:26
Località: Brindisi

Intervento di Luca86 »

Perdere punti lo uso anch'io; il verbo scendere non l'ho mai usato né sentito usare in questo senso (e i dizionari che ho consultato non lo registrano).

PersOnLine
Interventi: 1303
Iscritto in data: sab, 06 set 2008 15:30

Intervento di PersOnLine »

So che non sono esempi d'antologia, ma servono comunque per testimoniarne l'uso (certamente gergale o marcato diastraticamente) e il senso:
Patrick mi è sceso troppo..
Mi è sceso un mito

Carnby
Interventi: 3584
Iscritto in data: ven, 25 nov 2005 18:53
Località: Empolese-Valdelsa

Intervento di Carnby »

PersOnLine ha scritto:So che non sono esempi d'antologia, ma servono comunque per testimoniarne l'uso (certamente gergale o marcato diastraticamente) e il senso:
Patrick mi è sceso troppo..
Mi è sceso un mito
Io direi mi è crollato un mito.
Il Pittano riporta come sinonimi di valutare (di persona) stimare, apprezzare, considerare; eventuali antonimi di rivalutare possono essere trovati cercando i contrari di queste parole.

rossosolodisera
Interventi: 169
Iscritto in data: lun, 30 dic 2013 17:30

Intervento di rossosolodisera »

Mi state confermando che non è facile.

Avatara utente
Animo Grato
Interventi: 1379
Iscritto in data: ven, 01 feb 2013 15:11

Intervento di Animo Grato »

Per come la vedo io, di per sé rivalutare è un termine neutro: "valutare di nuovo". Poi, brachilogicamente, ha acquistato il valore di "valutare positivamente", sicché l'avverbio si può sottintendere senza compromettere il significato (un po' come l'aborrito assolutamente sottintende un - o un no :wink: ). Quindi, riesplicitando un avverbio, si può ottenere facilmente l'espressione antonimica: "l'ho rivalutato negativamente".
Il contrario (una voce etimologicamente neutra "ritoccata" al ribasso) si ha con ridimensionare - già citato come possibile contrario nel Suo intervento d'apertura.
«Ed elli avea del cool fatto trombetta». Anonimo del Trecento su Miles Davis
«E non piegherò certo il mio italiano a mere (e francamente discutibili) convenienze sociali». Infarinato
«Prima l'italiano!»

rossosolodisera
Interventi: 169
Iscritto in data: lun, 30 dic 2013 17:30

Intervento di rossosolodisera »

Animo Grato ha scritto:Per come la vedo io, di per sé rivalutare è un termine neutro: "valutare di nuovo". Poi, brachilogicamente, ha acquistato il valore di "valutare positivamente", sicché l'avverbio si può sottintendere senza compromettere il significato (un po' come l'aborrito assolutamente sottintende un - o un no :wink: ).
Pienamente d'accordo sulla teorica neutralità del verbo, ma ho ragionato come lei. Quanto ad assolutamente sono perplesso perchè in certi casi sottointendere è pericoloso: se il contesto non è più che chiaro si ottiene soltanto di sentirci chiedere " assolutamente cosa?" .

Avatara utente
Animo Grato
Interventi: 1379
Iscritto in data: ven, 01 feb 2013 15:11

Intervento di Animo Grato »

rossosolodisera ha scritto:in certi casi sottointendere è pericoloso: se il contesto non è più che chiaro si ottiene soltanto di sentirci chiedere " assolutamente cosa?" .
In questo foro non troverà nessuno (anzi: non troverà assolutamente nessuno :wink:) che non concordi sull'ostracismo di quest'uso di assolutamente. Volevo solo servirmi di un esempio estremo - e purtroppo ormai invalso - per documentare i casi di queste espressioni sintetiche.
«Ed elli avea del cool fatto trombetta». Anonimo del Trecento su Miles Davis
«E non piegherò certo il mio italiano a mere (e francamente discutibili) convenienze sociali». Infarinato
«Prima l'italiano!»

Intervieni

Chi c’è in linea

Utenti presenti in questa sezione: Nessuno e 1 ospite