La donna negli «uffici»

Spazio di discussione su questioni che non rientrano nelle altre categorie, o che ne coinvolgono piú d’una

Moderatore: Cruscanti

Carnby
Interventi: 3569
Iscritto in data: ven, 25 nov 2005 18:53
Località: Empolese-Valdelsa

Intervento di Carnby » mer, 17 set 2014 13:24

giulia tonelli ha scritto:scrivere "Emmy Noether era una matematica" ancora mi stona un po'
Onestamente non ci trovo nulla di strano.

valerio_vanni
Interventi: 932
Iscritto in data: ven, 19 ott 2012 20:40
Località: Marradi (FI)

Intervento di valerio_vanni » mer, 17 set 2014 13:44

Neanch'io. Troverei strano, invece, un "matematichessa".

Carnby
Interventi: 3569
Iscritto in data: ven, 25 nov 2005 18:53
Località: Empolese-Valdelsa

Intervento di Carnby » mer, 17 set 2014 21:12

valerio_vanni ha scritto:Troverei strano, invece, un "matematichessa".
Assurdo quanto la presidenta in voga in Sudamerica...

Canape lasco ctonio
Interventi: 37
Iscritto in data: lun, 10 gen 2011 23:21
Località: Roma

Alla moderazione, in particolare a Ferdinand Bardamu

Intervento di Canape lasco ctonio » dom, 21 set 2014 18:32

Non era il caso di incollare il contenuto dell'articolo riportato qui all'interno di questo filone? :?:

L'articolo in sé era alquanto discutibile, anche perché palesava i suoi intenti "anti-omofobici" (per usare una terminologia cara all'attivismo LGBT) e favorevoli alla teoria del gender[*], ma ciò non toglie che essendo stato riportato nella pagina dei blog del principale quotidiano italiano, esso poteva ben trovare spazio in questo filone...

Saluti!

[*] «l’uso della formula onnicomprensiva «professor*» è già praticato, con il vantaggio di riconoscere anche altre possibilità di genere, oltre al maschile e al femminile.» (resto persuaso che i generi, a questo mondo, siano due...) :wink:

Avatara utente
Ferdinand Bardamu
Moderatore
Interventi: 4180
Iscritto in data: mer, 21 ott 2009 14:25
Località: Legnago (Verona)

Re: Alla moderazione, in particolare a Ferdinand Bardamu

Intervento di Ferdinand Bardamu » dom, 21 set 2014 22:49

Canape lasco ctonio ha scritto:Non era il caso di incollare il contenuto dell'articolo riportato qui all'interno di questo filone? :?:
L’articolo era ovviamente degno di nota. La chiusura del filone era volta a evitare che la discussione si frantumasse in piú filoni. È libero di riportare l’articolo qui.
Canape lasco ctonio ha scritto:«l’uso della formula onnicomprensiva «professor*» è già praticato, con il vantaggio di riconoscere anche altre possibilità di genere, oltre al maschile e al femminile.» (resto persuaso che i generi, a questo mondo, siano due...) :wink:
I generi grammaticali in italiano sono indubbiamente due soltanto. L’espediente dell’asterisco è ridicolo, goffo, inutile alla causa della parità tra i sessi. Non si capisce poi a che pronuncia corrisponderebbe.

Nel caso specifico, l’uso dell’asterisco è doppiamente ridicolo, perché, oscurando il morfema che si suppone porti le informazioni sul genere, sottintende che il femminile di professore sia professora, che ha una chiara connotazione spregiativa.

valerio_vanni
Interventi: 932
Iscritto in data: ven, 19 ott 2012 20:40
Località: Marradi (FI)

Re: Alla moderazione, in particolare a Ferdinand Bardamu

Intervento di valerio_vanni » dom, 21 set 2014 23:14

Ferdinand Bardamu ha scritto:I generi grammaticali in italiano sono indubbiamente due soltanto. L’espediente dell’asterisco è ridicolo, goffo, inutile alla causa della parità tra i sessi. Non si capisce poi a che pronuncia corrisponderebbe.
Basta trovare una vocale intermedia tra le due sotto asterisco ;-)
Se una parola è più lunga dell'altra, l'eccedenza si taglia a metà.
(scherzo, eh...)

Comunque l'intento dell'asteriscatura non è tanto di parificare i sessi, quanto di eliminare dalla lingua tutto ciò che deriva dal concetto di "genere". Non è legato alla cultura femminista ma a quella transgenere.

PersOnLine
Interventi: 1303
Iscritto in data: sab, 06 set 2008 15:30

Re: Alla moderazione, in particolare a Ferdinand Bardamu

Intervento di PersOnLine » lun, 22 set 2014 0:36

valerio_vanni ha scritto:Comunque l'intento dell'asteriscatura non è tanto di parificare i sessi, quanto di eliminare dalla lingua tutto ciò che deriva dal concetto di "genere". Non è legato alla cultura femminista ma a quella transgenere.
Sì, ma ammesso che l'ipotesi di persone veramente transgenere abbia dignità scientifica: di quante persone staremmo parlando? si dovrebbe per questo stravolgere ossatura di una lingua?
Se non mi sbaglio, però, l'asteriscatura appartiene anche ad alcune frange estreme della cultura femminista che considera discriminatorio l'uso del maschile plurale come per un collettivo misto.

valerio_vanni
Interventi: 932
Iscritto in data: ven, 19 ott 2012 20:40
Località: Marradi (FI)

Re: Alla moderazione, in particolare a Ferdinand Bardamu

Intervento di valerio_vanni » lun, 22 set 2014 12:46

PersOnLine ha scritto:Sì, ma ammesso che l'ipotesi di persone veramente transgenere abbia dignità scientifica: di quante persone staremmo parlando? si dovrebbe per questo stravolgere ossatura di una lingua?
Non parlano solo dei cosiddetti "casi strani", propongono di rimuovere la distinzione per tutti. È, appunto, una posizione estremista.
PersOnLine ha scritto:Se non mi sbaglio, però, l'asteriscatura appartiene anche ad alcune frange estreme della cultura femminista che considera discriminatorio l'uso del maschile plurale come per un collettivo misto.
Sì, ma in quel caso riguarda solo il collettivo misto. La proposta estremista transgenere riguarda anche i singolari.

Avatara utente
Ferdinand Bardamu
Moderatore
Interventi: 4180
Iscritto in data: mer, 21 ott 2009 14:25
Località: Legnago (Verona)

Intervento di Ferdinand Bardamu » mar, 24 mag 2016 10:46

Ferdinand Bardamu ha scritto:Tornando al tema, sembra accettabile tra i profani (la parola mi piace poco, anche perché sono un profano anch’io, ma come definire altrimenti chi s’impanca a linguista trinciando giudizî come «è brutto», «è cacofonico», ecc.?) anteporre l’articolo femminile al nome di professione o carica al maschile: la sindaco, la ministro e via dicendo.

La scusa è che il suddetto nome sarebbe di genere neutro, ma non vedo che cosa c’entri: ne risulta una mancata concordanza di genere che è una palese sgrammaticatura, tipica di uno straniero, es. un inglese, che apprenda la nostra lingua.
Riapro la discussione perché le fisime politicamente corrette hanno raggiunto un nuovo livello. Ora la grammatica diventa una specie di campionario dal quale scegliere la parola che ci va piú a genio:

Immagine

Dovremmo forse essere costretti a prendere atto che esiste(rebbe) un diritto individuale a piegare la lingua alle proprie preferenze personali? E dovremmo forse ammettere che tutti debbano riconoscere scrupolosamente quel presunto diritto, perché il «rispetto» deve far premio sulla grammatica?

Avatara utente
Animo Grato
Interventi: 1379
Iscritto in data: ven, 01 feb 2013 15:11

Intervento di Animo Grato » mar, 24 mag 2016 14:50

Ferdinand Bardamu ha scritto:[L]e fisime politicamente corrette hanno raggiunto un nuovo livello.
Non aggiungo alcun commento, che inevitabilmente sprofonderebbe nel turpiloquio. Mi limito a citare quel Suo passaggio, a mo' di presa visione, e vado a cercare sollievo nel Maalox.
«Ed elli avea del cool fatto trombetta». Anonimo del Trecento su Miles Davis
«E non piegherò certo il mio italiano a mere (e francamente discutibili) convenienze sociali». Infarinato
«Prima l'italiano!»

Avatara utente
Infarinato
Amministratore
Interventi: 3634
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 10:40
Info contatto:

Re: La donna negli «uffici»

Intervento di Infarinato » mar, 07 mag 2019 12:54

A distanza di un paio d’anni riesumo per un instante il filone per notare con una certa soddisfazione che, probabilmente grazie all’elezione di una donna alla massima carica cittadina di due grandi città italiane, il femminile di sindaco sembra ormai pienamente legittimato.

Qualche giorno fa ho ricevuto una cartolina-avviso per le elezioni europee firmata «La sindaca». :)

Intervieni

Chi c’è in linea

Utenti presenti in questa sezione: Nessuno e 1 ospite