G. Valle, lettera aperta al presidente del consiglio

Spazio di discussione su questioni che non rientrano nelle altre categorie, o che ne coinvolgono piú d’una

Moderatore: Cruscanti

Intervieni
Avatara utente
Ferdinand Bardamu
Moderatore
Interventi: 4206
Iscritto in data: mer, 21 ott 2009 14:25
Località: Legnago (Verona)

G. Valle, lettera aperta al presidente del consiglio

Intervento di Ferdinand Bardamu »

Vi segnalo la lettera aperta riguardo allo stato della lingua rivolta dall’amico Gabriele Valle al presidente del consiglio Gentiloni.

Tra le proposte di Valle contenute nella lettera, vorrei sottolineare questa:
  • Un modo di destare consapevolezza tra i più giovani sarebbe l’adozione, nella scuola, nell’ora d’italiano, di un modulo dedicato al forestierismo. L’insegnante mostrerebbe in aula come entrava il forestierismo nei secoli scorsi e come entra adesso. Lo studente capirebbe che la maggior parte delle voci straniere penetrate nel lessico dell’italiano si trasformavano mediante adattamento; altre invece venivano tradotte. Quelle che rimanevano immutate non erano che una infima minoranza.
Mi pare una buona idea per affinare la sensibilità linguistica della popolazione, partendo fin dagli anni della scuola.

Avatara utente
Marco1971
Moderatore
Interventi: 9607
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 12:37

Intervento di Marco1971 »

Grazie Ferdinand, è una lettera me-ra-vi-glio-sa, piena di buonsenso e di concretezza, e scritta benissimo. Speriamo bene... :)
Ma quella lingua si chiama d’una patria, la quale convertisce i vocaboli ch’ella ha accattati da altri nell’uso suo, et è sí potente che i vocaboli accattati non la disordinano, ma ella disordina loro.

Carnby
Interventi: 3584
Iscritto in data: ven, 25 nov 2005 18:53
Località: Empolese-Valdelsa

Intervento di Carnby »

Sarebbe opportuno anche spiegare nella scuola cosa s’intenda con ‘parola fonotatticamente e graficamente italiana’.

Avatara utente
Marco1971
Moderatore
Interventi: 9607
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 12:37

Intervento di Marco1971 »

D’accordissimo. Tuttavia, per quanto ne so io, non sono sicuro che ci siano abbastanza docenti d’italiano sufficientemente preparati per spiegare queste cose agli alunni… O sono troppo pessimista?
Ma quella lingua si chiama d’una patria, la quale convertisce i vocaboli ch’ella ha accattati da altri nell’uso suo, et è sí potente che i vocaboli accattati non la disordinano, ma ella disordina loro.

valerio_vanni
Interventi: 951
Iscritto in data: ven, 19 ott 2012 20:40
Località: Marradi (FI)

Intervento di valerio_vanni »

Condivido le preoccupazioni degli ultimi interventi.

La fonetica, tra l'altro, è da sempre abbastanza marginale nell'insegnamento.

Avatara utente
Sixie
Interventi: 316
Iscritto in data: lun, 18 mag 2015 19:18
Località: Polesine

Intervento di Sixie »

Marco1971 ha scritto: [...] per quanto ne so io, non sono sicuro che ci siano abbastanza docenti d’italiano sufficientemente preparati per spiegare queste cose agli alunni… O sono troppo pessimista?
No, non lo è: fosse per me manderei i colleghi di lettere di nuovo (e di corsa) a Lezione di italiano.
Altrimenti tocca sempre al docente di lingua straniera "spiegare queste [e altre] cose agli alunni". :)
We see things not as they are, but as we are. L. Rosten
Vediamo le cose non come sono, ma come siamo.

Intervieni

Chi c’è in linea

Utenti presenti in questa sezione: Nessuno e 1 ospite