Disitalianizzazione

Spazio di discussione su questioni che non rientrano nelle altre categorie, o che ne coinvolgono piú d’una

Moderatore: Cruscanti

Intervieni
Maestro Italiano
Interventi: 100
Iscritto in data: mar, 07 ago 2018 12:37

Disitalianizzazione

Intervento di Maestro Italiano » lun, 17 set 2018 0:45

Un saluto a tutti i Cruscanti. Non sapevo bene che titolo mettere per questo filone e ho optato per disitalianizzazione. Perché è una persistente ed alacre opera di disitalianizzazione quella che vedo in atto ogni giorno leggendo gli articoli giornalistici. Con questi falsi prestiti (mi si passi il termine) mi sembra che si voglia pian pianino sostituire le parole italiane con altre, spesso meno precise ed estranee alla fonetica e ortografia della cultura italiana. Con l'intento, sembra, di causare problemi di comprensione ai lettori.
La parola incriminata questa volta è office, che appare in un articolo di cronaca nera: Senigallia, paga il pieno con le monetine. Il benzinaio gli punta la pistola addosso.
Nel succitato articolo l'autrice usa due volte la parola office. Di quale office si parla questa volta? Infatti, oltre a Office di Windows, ha altri significati: ufficio e anticucina.
Se la giornalista avesse usato le parole italiane più precise della parola office avrebbe evitato fraintendimenti. Resto nel dubbio se il benzinaio sia entrato nell'ufficio o nell'anticucina. Cui bono queste inutili parole, meno precise di quelle italiane?

Avatara utente
Ferdinand Bardamu
Moderatore
Interventi: 4183
Iscritto in data: mer, 21 ott 2009 14:25
Località: Legnago (Verona)

Intervento di Ferdinand Bardamu » lun, 17 set 2018 10:03

Ecco la frase:
  • Il benzinaio si è recato nell’office ha preso una pistola e l’ha puntata contro l’automobilista: «Vattene, vattene via».
L’anglicismo non è il solo difetto: perché usare il pomposo recarsi al posto di un piú semplice andare (o, dato il contesto, forse anche correre)?

Con office si intendeva ovviamente l’ufficetto del benzinaio. Dubito che serva un termine (inglese dunque) «tecnico» per definirlo.

PersOnLine
Interventi: 1303
Iscritto in data: sab, 06 set 2008 15:30

Intervento di PersOnLine » lun, 17 set 2018 12:04

Il giornalista avrà letto sulla porta la scritta "office", e si sarà detto: "quello è senz'altro un office, mica un ufficio", parola dal sapore passatista, e magari fascista (che di questi tempi ci sta come il cacio sui maccheroni su qualsiasi cosa dal vago sapore antimoderno).

valerio_vanni
Interventi: 932
Iscritto in data: ven, 19 ott 2012 20:40
Località: Marradi (FI)

Intervento di valerio_vanni » lun, 17 set 2018 13:09

Ferdinand Bardamu ha scritto:Ecco la frase:
  • Il benzinaio si è recato nell’office ha preso una pistola e l’ha puntata contro l’automobilista: «Vattene, vattene via».
L’anglicismo non è il solo difetto: perché usare il pomposo recarsi al posto di un piú semplice andare
Mi sa un po' di linguaggio dei verbali scritti da carabinieri/polizia etc.
Ferdinand Bardamu ha scritto:Con office si intendeva ovviamente l’ufficetto del benzinaio. Dubito che serva un termine (inglese dunque) «tecnico» per definirlo.
Un termine già presente è gabbiotto.

Intervieni

Chi c’è in linea

Utenti presenti in questa sezione: Nessuno e 2 ospiti