I vocabolari come quelli di una volta

Spazio di discussione su questioni che non rientrano nelle altre categorie, o che ne coinvolgono piú d’una

Moderatore: Cruscanti

Intervieni
Maestro Italiano
Interventi: 100
Iscritto in data: mar, 07 ago 2018 12:37

I vocabolari come quelli di una volta

Intervento di Maestro Italiano » ven, 09 nov 2018 1:10

Un caloroso saluto a tutti! Giorni fa, nel bel mezzo di una discussione sulla parola lunauta il padrone di casa, di cui elogio la preparazione e la disponibilità a condividere dubbi e consigli sul buon uso della lingua italiana, ha detto, esprimendosi sulla situazione attuale di alcuni dizionari italiani, che non sono fatti come quelli di una volta. E di questo lo ringrazio per i chiarimenti e la cortesia. Bene!

Un neofita come me in un primo tempo annuisce, riflette e , dopo pochi giorni, a scoppio ritardato, si chiede quali siano i dizionari fatti a modo, e su quali deve affidarsi.

Lunauta c'è su alcuni dizionari ma non su altri. Da non addetto ai lavori mi chiedo il perché trovo gastronauta e internauta, ma non lunauta sul Treccani. Perché trovo toffarella su Wikipedia e non altrove. E perché trovo sedevacantismo qui e non là.

E allora, alla fine uno si chiede, anzi io mi chiedo: "Ma qual è il vocabolario fatto come quelli di una volta?". E poi ancora, - "E i vocabolari di una volta com'erano fatti?".

Ringrazio per le risposte costruttive che spero seguiranno a questo filone.
Arriveremo al giorno in cui, per chiamare "pietre" le pietre bisognerà sguainare la spada. La mia mano stringe l'impugnatura.

Carnby
Interventi: 3519
Iscritto in data: ven, 25 nov 2005 19:53
Località: Empolese-Valdelsa

Intervento di Carnby » ven, 09 nov 2018 10:28

Si potrebbe dire lo stesso della Crusca, anzi a maggior ragione.
I vocabolari dell’uso, come dice il nome, registrano l’uso. Questa è sempre una cosa un po’ aleatoria, dato che non esistono statistiche specifiche se una parola sia effettivamente più diffusa di un’altra. Peserà quindi (purtroppo) l’orientamento politico del compilatore, la selezione dei testi che ritiene attendibili ecc. Più grave. a mio avviso, il fatto che l’ente che dovrebbe sorvegliare la lingua italiana non sia intervenuto e non intervenga quasi mai per evitare che s’impongano almeno quei forestierismi che altre lingue romanze hanno evitato, come computer, mouse, social network ecc.
Ultima modifica di Carnby in data ven, 09 nov 2018 14:08, modificato 1 volta in totale.

Avatara utente
Ferdinand Bardamu
Moderatore
Interventi: 4072
Iscritto in data: mer, 21 ott 2009 14:25
Località: Legnago (Verona)

Intervento di Ferdinand Bardamu » ven, 09 nov 2018 12:01

Marco qui aveva stilato una sua personale valutazione dei dizionari italiani.

Maestro Italiano
Interventi: 100
Iscritto in data: mar, 07 ago 2018 12:37

Intervento di Maestro Italiano » ven, 09 nov 2018 12:35

La ringrazio per avermi mostrato il collegamento! Mi metto alla ricerca e vedo che cosa è rimasto disponibile! Ringrazio anche Carnby per quanto dice nel suo intervento. Effettivamente un po' di regole bisognerebbe proporle, stabilirle. D'altronde di regole da rispettare ce ne sono dovunque ci si muova: alla guida di autoveicoli, nei rapporti con gli altri, nei forum, nel galateo, nella società in generale, in chiesa come in altri luoghi di culto, nei musei. Per non parlare poi delle leggi. Secondo me, non guasterebbe affatto se chi di competenza s'assumesse, giustamente pagato, il compito di far da guida ad un uso corretto dell'italiano.
Mi sembra che sia di Catone l'adagio Abbi ben chiara la cosa da dire: le parole verranno. Pur con tutte le buone intenzioni le parole a volte non vengono proprio, ed ecco che vanno cercate, possibilmente quelle giuste e nel posto giusto.
Arriveremo al giorno in cui, per chiamare "pietre" le pietre bisognerà sguainare la spada. La mia mano stringe l'impugnatura.

Intervieni

Chi c’è in linea

Utenti presenti in questa sezione: Nessuno e 1 ospite