Come uno stato serio difende la lingua...

Spazio di discussione su questioni che non rientrano nelle altre categorie, o che ne coinvolgono piú d’una

Moderatore: Cruscanti

Intervieni
domna charola
Interventi: 1070
Iscritto in data: ven, 13 apr 2012 9:09

Come uno stato serio difende la lingua...

Intervento di domna charola » ven, 24 mag 2019 11:15

Metto qui perché mi sembra la stanza più adatta:

https://video.repubblica.it/vaticano/i- ... 12-S3.4-T1

"breviloquium" = tweet mi sembra geniale... e anche italianizzabile :)

Avatara utente
Ferdinand Bardamu
Moderatore
Interventi: 4183
Iscritto in data: mer, 21 ott 2009 14:25
Località: Legnago (Verona)

Re: Come uno stato serio difende la lingua...

Intervento di Ferdinand Bardamu » ven, 24 mag 2019 11:26

Il latino moderno ci può fornire molti spunti; per tweet però c’è già il traducente, ossia cinguettio.

domna charola
Interventi: 1070
Iscritto in data: ven, 13 apr 2012 9:09

Re: Come uno stato serio difende la lingua...

Intervento di domna charola » ven, 24 mag 2019 13:28

Sì, so che c'è il traducente. Ma, appunto, è un "traducente", cioè alla lettera, come il dizionario in linea. Ora, posso accettarlo perché fa direttamente riferimento all'uccellino del marchio, che lo rende comprensibile, però non mi soddisfa pienamente dal punto di vista linguistico. Un "cinguettio" in italiano è un'altra cosa, molto diversa. In generale, a parte questo specifico caso, mi piacerebbe se la lingua riuscisse ancora a trovare parole nuove per oggetti nuovi, partendo dall'interno di sé stessa e dell'esperienza dei madrelingua, senza appiattirsi sempre su un mero traducente.
Una volta i nostri autori sapevano "creare" le parole, oggi non più...

Avatara utente
Ferdinand Bardamu
Moderatore
Interventi: 4183
Iscritto in data: mer, 21 ott 2009 14:25
Località: Legnago (Verona)

Re: Come uno stato serio difende la lingua...

Intervento di Ferdinand Bardamu » ven, 24 mag 2019 14:18

Sí, su questo concordo con lei. Oggi mi pare che non si vada molto oltre il calco scrio scrio (e «deograzia», come si dice dalle mie parti, che qualche raro giornalista o conduttore usi la parola italiana cosí coniata); ci manca gente come Migliorini o D’Annunzio… :?

Intervieni

Chi c’è in linea

Utenti presenti in questa sezione: Nessuno e 1 ospite