Ancora sul congiuntivo

Spazio di discussione su questioni di retorica e stile

Moderatore: Cruscanti

Intervieni
Avatara utente
Federico
Interventi: 3008
Iscritto in data: mer, 19 ott 2005 16:04
Località: Milano

Ancora sul congiuntivo

Intervento di Federico » dom, 02 apr 2006 1:43

Vi sottopongo una frase:

«C'è chi dice – come i russi – che questa vittoria dimostra che la rivoluzione arancione fosse soltanto un cambiamento superficiale [...]»

Anche a voi non va giú quel fosse?
Mi sembrerebbe sufficiente un era (eventualmente con un dimostrerebbe); semmai un come al posto del che... :?

Avatara utente
Marco1971
Moderatore
Interventi: 9547
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 13:37

Intervento di Marco1971 » dom, 02 apr 2006 1:53

Sono perfettamente d’accordo: il congiuntivo in questa frase non istà bene, e io avrei scritto era, come suggerisce lei. Alcuni dicono che il congiuntivo sta scomparendo; a me pare invece che se ne abusi là dove non si dovrebbe e che si tralasci invece dove sarebbe necessario.

Avatara utente
Federico
Interventi: 3008
Iscritto in data: mer, 19 ott 2005 16:04
Località: Milano

Intervento di Federico » dom, 02 apr 2006 2:13

Secondo lei si potrebbe interpretare come "oratio obliqua" (sperando di non essermi confuso con un'altra cosa)?
Certo rimarrebbe comunque una costruzione decisamente pesante, come minimo... :roll:

Avatara utente
Marco1971
Moderatore
Interventi: 9547
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 13:37

Intervento di Marco1971 » dom, 02 apr 2006 2:28

Secondo me no. L’autore s’è lasciato trascinare dalla suggestione di «c’è chi dice», che implica dubbio, mentre grammaticalmente il verbo dipende da «dimostra che». E nessuno direbbe *Questo dimostra che sia meglio agire con cognizione di causa invece di Questo dimostra che è meglio...

Rettifico quanto scritto nel precedente messaggio: non era, ma fu.

Avatara utente
Federico
Interventi: 3008
Iscritto in data: mer, 19 ott 2005 16:04
Località: Milano

Intervento di Federico » dom, 02 apr 2006 2:35

Marco1971 ha scritto:Secondo me no. L’autore s’è lasciato trascinare dalla suggestione di «c’è chi dice», che implica dubbio, mentre grammaticalmente il verbo dipende da «dimostra che».
Sí, probabilmente è solo per questo. Un errore tragicamente comune, in effetti... :roll:

Avatara utente
Marco1971
Moderatore
Interventi: 9547
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 13:37

Intervento di Marco1971 » dom, 02 apr 2006 2:42

Federico ha scritto:Sí, probabilmente è solo per questo. Un errore tragicamente comune, in effetti... :roll:
Già. E a me sembra che s’infarciscano i discorsi di congiuntivi a vanvera, solo perché pare una forma piú fine ma senza tener conto dei suoi usi legittimi.

Avatara utente
Fabio48
Interventi: 199
Iscritto in data: mer, 30 nov 2005 9:38
Località: Lucca

Re: Ancora sul congiuntivo

Intervento di Fabio48 » ven, 07 apr 2006 17:28

[
«C'è chi dice – come i russi – che questa vittoria dimostra che la rivoluzione arancione fosse soltanto un cambiamento superficiale [...]»

E'possibile che qul "che" dovesse essere inteso nel senso di "come"?
...un pellegrino dagli occhi grifagni
il qual sorride a non so che Gentucca.

Avatara utente
Marco1971
Moderatore
Interventi: 9547
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 13:37

Re: Ancora sul congiuntivo

Intervento di Marco1971 » ven, 07 apr 2006 17:32

Fabio48 ha scritto:E'possibile che qul "che" dovesse essere inteso nel senso di "come"?
Ma allora doveva scrivere come e non che...

Smaralda
Interventi: 27
Iscritto in data: mar, 11 mar 2014 16:14

Intervento di Smaralda » mar, 11 mar 2014 18:51

Sono piuttosto ignorante in grammatica, ma istintivamente direi:

C'è chi dice – come i russi – che questa vittoria dimostra che la rivoluzione arancione è stata soltanto un cambiamento superficiale(però suona un po’ male…)

oppure:

C'è chi dice – come i russi – che questa vittoria dimostri quanto la rivoluzione arancione fosse/sia stata soltanto un cambiamento superficiale.

o anche:

C'è chi dice – come i russi – che questa vittoria dimostra quanto la rivoluzione arancione fosse soltanto un cambiamento superficiale.

Mi sembra comunque di aver capito che ora, anche nella didattica delle lingue, si tenda a privilegiare più la logica della frase che la stretta osservanza delle regole grammaticali. A porre l'accento, ad esempio, più all'intenzione del parlante che alla rigida dipendenza da un dato verbo.

Intervieni

Chi c’è in linea

Utenti presenti in questa sezione: Nessuno e 1 ospite