Io e l'asino mio

Spazio di discussione su questioni di retorica e stile

Moderatore: Cruscanti

Avatara utente
Fabio48
Interventi: 199
Iscritto in data: mer, 30 nov 2005 8:38
Località: Lucca

Intervento di Fabio48 » mar, 25 giu 2013 9:34

Grazie a tutti, per le vostre risposte puntuali ed esaustive come sempre.

Buona vita.
...un pellegrino dagli occhi grifagni
il qual sorride a non so che Gentucca.

domna charola
Interventi: 1070
Iscritto in data: ven, 13 apr 2012 9:09

Intervento di domna charola » mar, 25 giu 2013 14:44

Aggiungo per chiarire il mio precedente intervento:
nonostante quanto sostenuto, resto dell'idea che la regoletta dell'asino sia utile e vada insegnata. Il fatto che in alcuni casi possa aver senso scavalcarla, non deve secondo me autorizzare a un abuso di "io" in mostra sul podio, ma indurre a chiedersi qual'è il senso esatto della comunicazione che si sta per fare, e decidere di conseguenza.
Ad esempio (tratto da esperienza reale) "io ho scoperto che gli antichi Greci usavano il tal oggetto", che nelle intenzioni del conferenziere significava "ho letto su un libro questa informazione". In quel caso, evidentemente il fatto che anche il parlante si sia acculturato acquisendo tale conoscenza è di secondaria importanza, mentre significativa è l'informazione in sé.

Intervieni

Chi c’è in linea

Utenti presenti in questa sezione: Nessuno e 1 ospite