[xTSC] «Micco»

Spazio di discussione su questioni di dialettologia italiana e italoromanza

Moderatore: Dialettanti

Intervieni
Carnby
Interventi: 3524
Iscritto in data: ven, 25 nov 2005 19:53
Località: Empolese-Valdelsa

[xTSC] «Micco»

Intervento di Carnby » gio, 24 lug 2008 0:32

In Toscana l'aggettivo micco significa generalmente «avaro». Così è Firenze e credo anche a Pistoia (dove «il Micco» è un settimanale di annunci gratuiti, forse in relazione al fatto che i «micchi» non vogliono spendere molto). Però nell'Empolese micco ha il significato esclusivo di «(persona) di poche parole». Avete qualche idea sull'etimologia e su questi slittamenti semantici?

Avatara utente
bubu7
Interventi: 1453
Iscritto in data: gio, 01 dic 2005 15:53
Località: Roma
Info contatto:

Intervento di bubu7 » lun, 28 lug 2008 15:05

Se n'era parlato in questa discussione del forum dell'Accademia della Crusca.
La lingua è un guado attraverso il fiume del tempo. Essa ci conduce alla dimora dei nostri antenati.
V. M. Illič-Svitič

S·B·U·M·B
Interventi: 23
Iscritto in data: mar, 22 lug 2008 21:27
Località: Veneto
Info contatto:

Re: [xTSC] «Micco»

Intervento di S·B·U·M·B » lun, 04 ago 2008 17:58

Carnby ha scritto:In Toscana l'aggettivo micco significa generalmente «avaro». Così è Firenze e credo anche a Pistoia (dove «il Micco» è un settimanale di annunci gratuiti, forse in relazione al fatto che i «micchi» non vogliono spendere molto). Però nell'Empolese micco ha il significato esclusivo di «(persona) di poche parole». Avete qualche idea sull'etimologia e su questi slittamenti semantici?
Le accezioni toscane di "micco" mi hanno incuriosito.
Una persona schiva e accorta che sembrerebbe contrastare con il micco minchione [centro]italiano di cui in qualche vocabolario e qualche parlante piuttosto localizzato.
E' mai usato in tal senso anche in Toscana?
E' possibile raccogliere ancora qualche sfumatura d'uso e significato reali in più per quel personaggio invece piuttosto furbetto ...ammiccante?!
Forse un tempo riferimento evidente a motivo di una qualche caratterizzazione di teatro (Micco nome ebbe la sua fortuna come diminutivo di Domenico al punto di passare pure a cognome; chissà se in disuso proprio quando dissero alle madri che così venivano chiamate tante scimmiette americane...).
Repertorio bibliografico: v. "Schedario - Libri" nel mio Sito personale

Carnby
Interventi: 3524
Iscritto in data: ven, 25 nov 2005 19:53
Località: Empolese-Valdelsa

Intervento di Carnby » lun, 18 nov 2013 12:45

Qualche collegamento con fare a miccino (essere avari, eccessivamente parsimoniosi e prudenti oppure usare troppe poche cose)?
Ho trovato scritto che sarebbe d'origine senese.

valerio_vanni
Interventi: 915
Iscritto in data: ven, 19 ott 2012 20:40
Località: Marradi (FI)

Intervento di valerio_vanni » lun, 18 nov 2013 20:33

A Marradi significa
1) Pietanza abbondante e/o pesante (es. ti sei mangiato "un micco di minestra!")
2) Senso di pesantezza (sempre per il mangiare): "Un micco sullo stomaco"
3) Persona pesante (nel senso di insopportabile).
4) Persona che parla poco, più in una situazione specifica che in generale. "Fare il micco".

Qui però il lessico è misto interregionale e quindi questi significati potrebbero arrivare dalla Romagna.

Cembalaro
Interventi: 75
Iscritto in data: sab, 02 nov 2013 15:46

Intervento di Cembalaro » mar, 19 nov 2013 12:37

Esiste anche in napoletano. Micco: mandrillo, ma è usato solo metaforicamente per le persone, dunque brutto (come un mandrillo) o libidinoso (come un mandrillo).

Avatara utente
Scilens
Interventi: 1097
Iscritto in data: dom, 28 ott 2012 16:31

Intervento di Scilens » dom, 01 dic 2013 1:19

Lo usano a Pistoia. Ho provato a chiedere e mi sembra che non abbia un significato ben definito.
Si va da stupido ad avaro, da 'pappagallo' (goffo molestator di donne) a 'cornuto' (che ha il coniuge adultero). Comunque niente di lusinghiero.
Potrebbe darsi che Micco fosse Mucco, nel senso di 'bavoso', da muco.
Il cambio di vocale da i a u non pone problemi, come micio e mucio son la stessa cosa.
Miccia, invece è lo stoppino e 'fare a miccino' vuol dire tener corto lo stoppino della candela perché consumi meno cera, dal tempo in cui le candele venivano prestate dalla chiesa e il pagamento era fatto in base al calo di peso, equivalente alla cera bruciata ('ce n'ho a calo', cioè in gran quantità).

Avatara utente
Scilens
Interventi: 1097
Iscritto in data: dom, 28 ott 2012 16:31

Intervento di Scilens » dom, 01 dic 2013 19:54

Ho trovato che si chiama Micco quell'orso che regge lo stemma di Pistoia.

Avatara utente
Scilens
Interventi: 1097
Iscritto in data: dom, 28 ott 2012 16:31

Intervento di Scilens » dom, 08 dic 2013 15:34

Mi dicono che il micco fosse l'asino, il ciuco. Vi risulta?

Carnby
Interventi: 3524
Iscritto in data: ven, 25 nov 2005 19:53
Località: Empolese-Valdelsa

Intervento di Carnby » dom, 08 dic 2013 16:18

Scilens ha scritto:Mi dicono che il micco fosse l'asino, il ciuco.
Il miccio lucchese?

Avatara utente
Scilens
Interventi: 1097
Iscritto in data: dom, 28 ott 2012 16:31

Intervento di Scilens » dom, 08 dic 2013 18:31

Veramente non lo so. Dalle mie parti non si usa.

Intervieni

Chi c’è in linea

Utenti presenti in questa sezione: Nessuno e 1 ospite