[xTSC] Il «Ceppo»

Spazio di discussione su questioni di dialettologia italiana e italoromanza

Moderatore: Dialettanti

Intervieni
Carnby
Interventi: 3524
Iscritto in data: ven, 25 nov 2005 19:53
Località: Empolese-Valdelsa

[xTSC] Il «Ceppo»

Intervento di Carnby » dom, 25 dic 2005 19:50

In Toscana, fino a non troppo tempo fa, la festa di Natale era chiamata popolarmente "il Ceppo". Il nome viene dalla tradizione di accendere nel caminetto, nella notte e anche durante il giorno di Natale, un gran ceppo d'albero per rendere più caldo e ospitale l'ambiente, sia per le persone che vi abitavano, sia per accogliere nel migliore dei modi la venuta del Bambino Gesù.
Buon Natale a tutti.

Avatara utente
u merlu rucà
Moderatore «Dialetti»
Interventi: 1302
Iscritto in data: mar, 26 apr 2005 8:41

Intervento di u merlu rucà » dom, 25 dic 2005 21:52

Dalle mie parti (Liguria) era usanza accendere un fuoco in piazza che veniva detto u fögu du Banbìn 'il fuoco di Gesù Bambino'

valerio_vanni
Interventi: 915
Iscritto in data: ven, 19 ott 2012 20:40
Località: Marradi (FI)

Intervento di valerio_vanni » lun, 17 dic 2012 1:05

In Romagna è detto "Zocco".

In dialetto "'E zoc ed Nadel" (Lo zocco di natale).

Avatara utente
Scilens
Interventi: 1097
Iscritto in data: dom, 28 ott 2012 16:31

Intervento di Scilens » lun, 09 dic 2013 18:28

Il ceppo o ciocco si mette nel fuoco alla vigilia di Natale e sarebbe bene che fosse acceso dai resti di quello del Natale dell'anno prima, serbato in una scatola di latta sotto al fuoco a protezione della casa e come segno di continuità.

Interessante il parallelo storico e mitologico con la morte dell'argonauta Meleagro, quello del cinghiale di Atalanta. Dalla disputa sorta per il possesso della pelle e delle zanne dell'animale scaturì una faida familiare e una guerra durante la quale Meleagro fu indirettamente ucciso dalla madre Altea. Le Moire infattti le avevano predetto che suo figlio sarebbe vissuto finché fosse durato il legno che stava bruciando nel fuoco, così Altea lo aveva spento e riposto in una cassa. Adirata per l'uccisione dei suoi fratelli da parte di Meleagro prese quel tizzone e lo ributtò nel fuoco.

Avatara utente
Animo Grato
Interventi: 1376
Iscritto in data: ven, 01 feb 2013 16:11

Intervento di Animo Grato » ven, 13 dic 2013 14:56

u merlu rucà ha scritto:Dalle mie parti (Liguria) era usanza accendere un fuoco in piazza che veniva detto u fögu du Banbìn 'il fuoco di Gesù Bambino'
Immagino che ci sia più di un legame con la tradizione del Confeugo. Per una sommaria descrizione, non so quanto attendibile (il merlo o l'ippogrifo ci illumineranno), si veda qui.
«Ed elli avea del cool fatto trombetta». Anonimo del Trecento su Miles Davis
«E non piegherò certo il mio italiano a mere (e francamente discutibili) convenienze sociali». Infarinato
«Prima l'italiano!»

Intervieni

Chi c’è in linea

Utenti presenti in questa sezione: Nessuno e 1 ospite