mo'

Spazio di discussione su questioni di dialettologia italiana e italoromanza

Moderatore: Dialettanti

Intervieni
Avatara utente
Black Mamba
Interventi: 93
Iscritto in data: sab, 13 ott 2007 19:41

mo'

Intervento di Black Mamba » sab, 04 ott 2008 10:37

Da dove deriva questa espressione romana?
Viene spesso usata con valore avverbiale per dire adesso, ora.

Ho trovato qualche indicazione [url=http://mp_pollett.tripod.com/dialett5.htm#6//url]qui[/url], ma nessun riferimento riguardo all'origine. La grafia con l'apostrofo potrebbe far pensare a una forma contratta di momento.
Hoc unum scio, me nihil scire.

Avatara utente
Infarinato
Amministratore
Interventi: 3612
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 11:40
Info contatto:

Re: mo'

Intervento di Infarinato » sab, 04 ott 2008 12:24

Black Mamba ha scritto:Da dove deriva questa espressione romana?
Viene spesso usata con valore avverbiale per dire adesso, ora.

Ho trovato qualche indicazione [url=http://mp_pollett.tripod.com/dialett5.htm#6//url]qui[/url], ma nessun riferimento riguardo all'origine. La grafia con l'apostrofo potrebbe far pensare a una forma contratta di momento.
No, l’origine di mo/mo’ è ben piú antica, e la trova qui. La trafila logica in base alla quale in latino l’avverbio modo (in origine, ablativo di modus [= «modo», «misura»]) è venuto a significare anche ora è press’a poco la seguente: di misura > appena > ora.

Avatara utente
Black Mamba
Interventi: 93
Iscritto in data: sab, 13 ott 2007 19:41

Intervento di Black Mamba » sab, 04 ott 2008 20:09

Chissà perché non mi è venuto in mente di cercare nel latino, quando è assolutamente logico.

La ringrazio! :)
Hoc unum scio, me nihil scire.

Allle
Interventi: 9
Iscritto in data: ven, 01 feb 2013 17:07

Intervento di Allle » lun, 20 mag 2013 15:11

Io ho sempre pensato derivasse da momento, a dimostrazione l'apostrofo: mo' ti picchio =adesso ti picchio = in questo momento ti picchio.

Avatara utente
Infarinato
Amministratore
Interventi: 3612
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 11:40
Info contatto:

Intervento di Infarinato » lun, 20 mag 2013 15:51

E invece no. ;)

Carnby
Interventi: 3524
Iscritto in data: ven, 25 nov 2005 19:53
Località: Empolese-Valdelsa

Intervento di Carnby » lun, 20 mag 2013 18:53

Qui è in uso l'«altro» mo', quello che viene da mostra. Ha anche il significato di «dammi, lascia fare a me».
Il mo' temporale è sconosciuto (ma v. infra), anche se da qualche parte ho letto che in passato era in uso a Firenze, il che spieghebbe il verso dantesco «più non si pareggia mo' e issa» (Inf. XXIII, 7) come un confronto tra Firenze e Lucca. Pietro di Dante dice invece: «ideo dicit hic quod mo', quod vulgare est Lombardorum», la qual cosa mi pare ancor più incredibile.
Di recente si è televisivamente diffuso il romanesco «è da mo' che...», locuzione che io evito accuratamente di usare. :)

Avatara utente
u merlu rucà
Moderatore «Dialetti»
Interventi: 1302
Iscritto in data: mar, 26 apr 2005 8:41

Intervento di u merlu rucà » lun, 20 mag 2013 19:32

Mi sono chiesto da dove venga il prestigio di adesso, che oggi tende a prevalere su ora (a parte la roccaforte toscana). Il nostro avverbio di tempo è indicato come genericamente settentrionale. Pure Dante lo usava, sia pur in maniera sporadica e minoritaria rispetto a ora. Da quale dialetto settentrionale proviene? Sicuramente da un dialetto che all'epoca aveva un certo prestigio. Io azzarderei il milanese. Adess compare nei componimenti di Bonvesin De La Riva. Probabilmente dal milanese si è diffuso nel resto dell'Italia settentrionale, senza conquistare la Liguria, che ha il tipo ORA (o meglio (H)Ā ŌRĀ/AD ŌRĀ), in alternanza con il tipo simile al ligure in Piemonte e nelle zone che hanno MODO.

Carnby
Interventi: 3524
Iscritto in data: ven, 25 nov 2005 19:53
Località: Empolese-Valdelsa

Intervento di Carnby » lun, 20 mag 2013 19:39

u merlu rucà ha scritto: Pure Dante lo usava, sia pur in maniera sporadica e minoritaria rispetto a ora. Da quale dialetto settentrionale proviene? Sicuramente da un dialetto che all'epoca aveva un certo prestigio.
Penso il bolognese: alcune parole dantesche sono state interpretate come forme bolognesi «toscanizzate»; inoltre aveva una grande stima di quel dialetto (v. De vulgari eloquentia).

Avatara utente
u merlu rucà
Moderatore «Dialetti»
Interventi: 1302
Iscritto in data: mar, 26 apr 2005 8:41

Intervento di u merlu rucà » lun, 20 mag 2013 20:06

Certo, ma il bolognese che forma usava all'epoca? Per il milanese abbiamo attestazioni. Oggi mi sembra che il bolognese usi adess.

Carnby
Interventi: 3524
Iscritto in data: ven, 25 nov 2005 19:53
Località: Empolese-Valdelsa

Intervento di Carnby » lun, 20 mag 2013 20:34

u merlu rucà ha scritto:Oggi mi sembra che il bolognese usi adess.
Sull'AIS adès/adèš è abbastanza compatto su tutta l'Emilia (solo nel Piacentino è riportato õda). Non saprei dire se ai tempi di Dante fosse in uso o no.
Riguardando meglio, ci sono altri due punti dell'area toscana con adesso invece di ora: l'Isola d'Elba e Porto Santo Stefano (anche per Roma è riportato, stranamente, adesso invece di mo', come sarebbe logico aspettarsi).

Avatara utente
SinoItaliano
Interventi: 384
Iscritto in data: mer, 04 gen 2012 9:27
Località: Pechino

Intervento di SinoItaliano » dom, 26 mag 2013 8:30

Carnby ha scritto: (anche per Roma è riportato, stranamente, adesso invece di mo', come sarebbe logico aspettarsi).
Certo. Adesso è la versione formale di mo'. :)
Questo di sette è il piú gradito giorno, pien di speme e di gioia: diman tristezza e noia recheran l'ore, ed al travaglio usato ciascuno in suo pensier farà ritorno.

Carnby
Interventi: 3524
Iscritto in data: ven, 25 nov 2005 19:53
Località: Empolese-Valdelsa

Intervento di Carnby » dom, 26 mag 2013 10:25

SinoItaliano ha scritto:Certo. Adesso è la versione formale di mo'.
Sull'AIS mi sarei aspettato la forma meno formale. :)

Avatara utente
u merlu rucà
Moderatore «Dialetti»
Interventi: 1302
Iscritto in data: mar, 26 apr 2005 8:41

Intervento di u merlu rucà » dom, 26 mag 2013 15:41

Carnby ha scritto:
SinoItaliano ha scritto:Certo. Adesso è la versione formale di mo'.
Sull'AIS mi sarei aspettato la forma meno formale. :)
Le forme riportate sugli atlanti linguistici dipendono molto dall'informatore scelto. C'è chi cerca di 'nobilitare' il proprio dialetto.

Intervieni

Chi c’è in linea

Utenti presenti in questa sezione: Nessuno e 2 ospiti