[xTSC]noialtri e l'inclusività

Spazio di discussione su questioni di dialettologia italiana e italoromanza

Moderatore: Dialettanti

Intervieni
Avatara utente
GianDeiBrughi
Interventi: 108
Iscritto in data: mar, 07 feb 2012 22:28
Località: Mantova

[xTSC]noialtri e l'inclusività

Intervento di GianDeiBrughi » gio, 13 dic 2012 13:01

Qualche tempo fa leggiucchiavo qualche cosuccia su un paio di lingue algonchine, e scoprii che esse, come altre lingue del mondo del resto, distinguono tra una prima persona plurale inclusiva ed una prima persona plurale esclusiva.

Cioè:
  1. Noi inclusivo: si riferisce a chi parla e a chi ascolta. Ad esempio quando un padre dice "nostro figlio" alla madre.
  2. Noi esclusivo: si riferisce a chi parla ma non a chi ascolta. Ad esempio quando un padre dice "nostro figlio", magari in presenza della madre, ma rivolto ad un conoscente. Quindi il figlio sarebbe "nostro ma non vostro/tuo/Suo".
Oltre alle lingue algonchine questa distinzione è presente nel quenya di Tolkien e, sebbene non ne sia sicuro, credo anche in cinese.

Dunque, fatto questo preambolo, il quesito che vorrei porre è il seguente:
la forma "noialtri", usata in una certa misura in Toscana a livello vernacolare, potrebbe essere considerata un pronome di prima persona plurale esclusivo? Mi ricordo infatti che quando lo sentivo usare era sempre in contesti simili a "Noialtri si va al mare. Voi(altri) che fate?".

Vorrei inoltre estendere la domanda anche alla lingua italiana in generale in merito alle forme e alle costruzioni utilizzate per distinguere tra inclusività ed esclusività.

Mi scuso se ho scritto cose troppo astruse o se ho sbagliato la sezione in cui scrivere. :oops:

Brazilian dude
Moderatore «Dialetti»
Interventi: 726
Iscritto in data: sab, 14 mag 2005 23:03

Intervento di Brazilian dude » gio, 13 dic 2012 13:30

Non risponde alla sua domanda, ma in spagnolo nosotros, nosotras, vosotros e vosotras possono essere inclusivi o esclusivi.

Carnby
Interventi: 3525
Iscritto in data: ven, 25 nov 2005 19:53
Località: Empolese-Valdelsa

Intervento di Carnby » gio, 13 dic 2012 13:35

Brazilian dude ha scritto:Non risponde alla sua domanda, ma in spagnolo nosotros, nosotras, vosotros e vosotras possono essere inclusivi o esclusivi.
E in catalano nosaltres/vosaltres è uguale?

Brazilian dude
Moderatore «Dialetti»
Interventi: 726
Iscritto in data: sab, 14 mag 2005 23:03

Intervento di Brazilian dude » gio, 13 dic 2012 13:46

Sì.

Avatara utente
GianDeiBrughi
Interventi: 108
Iscritto in data: mar, 07 feb 2012 22:28
Località: Mantova

Intervento di GianDeiBrughi » gio, 13 dic 2012 14:01

La ringrazio per l'informazione, Brazilian Dude. :)

Già che ci siamo preciso che anche nel dialetto che si parla dalle mie parti "nüatar" (femminile "nüatri") può essere sia inclusivo sia esclusivo. Sarebbe cioè l'unico pronome di prima persona plurale ammesso, almeno oggigiorno.

Non saprei invece per la forma francese "nous autres". :?:

Avatara utente
u merlu rucà
Moderatore «Dialetti»
Interventi: 1302
Iscritto in data: mar, 26 apr 2005 8:41

Intervento di u merlu rucà » gio, 13 dic 2012 15:33

Forse, almeno in parte, il senso di inclusività/esclusività distinto esiste nei dialetti che possiedono entrambe le forme noi/noialtri, voi/voialtri, come nel mio (nui/nuiautri; vui/vuiautri; in genovese anche liatri, 'loroaltri'). Nei dialetti che ne possiedono solo una, la distinzione non c'è.

Intervieni

Chi c’è in linea

Utenti presenti in questa sezione: Nessuno e 2 ospiti