[VEC] «Scaréze»

Spazio di discussione su questioni di dialettologia italiana e italoromanza

Moderatore: Dialettanti

Intervieni
Avatara utente
Ferdinand Bardamu
Moderatore
Interventi: 4207
Iscritto in data: mer, 21 ott 2009 14:25
Località: Legnago (Verona)

[VEC] «Scaréze»

Intervento di Ferdinand Bardamu »

Nel mio dialetto esiste la parola «scaréze» (con /ʦ/ scempia) col significato di ‹ribrezzo›. In toscano esiste una parola molto simile, anche nel significante: scaréggio. Con ogni probabilità le due parole condividono anche l’etimo, il greco ἐσχάρα, ‹crosta›; in veneto la parola è stata forse incrociata paretimologicamente con careza.

Mi stupisce la presenza di una parola simile nel suono e nel significato in un’area non contigua con il Veneto. Anche voi qualcosa come scaréggio/scaréze nel vostro dialetto?

valerio_vanni
Interventi: 952
Iscritto in data: ven, 19 ott 2012 20:40
Località: Marradi (FI)

Intervento di valerio_vanni »

Nell'appennino tosco-romagnolo esiste "schervizie" (con /ts/ singola e non affricata in dialetto).
Esiste anche in versione italianizzata: "schervizio".

Carnby
Interventi: 3584
Iscritto in data: ven, 25 nov 2005 18:53
Località: Empolese-Valdelsa

Re: [VEC] «Scaréze»

Intervento di Carnby »

Ferdinand Bardamu ha scritto:Mi stupisce la presenza di una parola simile nel suono e nel significato in un’area non contigua con il Veneto.
In alcuni casi Veneto e Toscana condividono dei tratti; spesso la contiguità è assicurata dall'Emilia-Romagna che, a causa della differente evoluzione fonetica, la maschera molto bene.
Un caso simile potrebbe essere ciro, «maiale» dal greco χοῖρος (?). C'è traccia di questa parola da voi «nordici»?

domna charola
Interventi: 1081
Iscritto in data: ven, 13 apr 2012 9:09

Intervento di domna charola »

http://www.achyra.org/cruscate/viewtopic.php?t=3439 :)

...mi aveva colpito proprio perché, dalle mie parti, non l'ho mai sentito!

Avatara utente
Ferdinand Bardamu
Moderatore
Interventi: 4207
Iscritto in data: mer, 21 ott 2009 14:25
Località: Legnago (Verona)

Intervento di Ferdinand Bardamu »

Confermo: da me il maiale è il mas-cio (/ˈmasʧo/).

PaDaSu
Interventi: 55
Iscritto in data: sab, 14 lug 2012 10:45
Località: Monteriggioni

Re: [VEC] «Scaréze»

Intervento di PaDaSu »

Ferdinand Bardamu ha scritto:Nel mio dialetto esiste la parola «scaréze» (con /ʦ/ scempia) col significato di ‹ribrezzo›. In toscano esiste una parola molto simile, anche nel significante: scaréggio. Con ogni probabilità le due parole condividono anche l’etimo, il greco ἐσχάρα, ‹crosta›; in veneto la parola è stata forse incrociata paretimologicamente con careza.

Mi stupisce la presenza di una parola simile nel suono e nel significato in un’area non contigua con il Veneto.
Gentile Ferdinand,
mi verrebbe da dire che in un remoto passato i popoli che parlavano le due lingue confinavano. Ma non voglio esser preso per uno con gli occhiali polarizzati. :shock:

Mi resta molto dubbio, nella accezione citata, ricorrere all'etimo greco ἐσχάρα perché il supposto prestito si materializza in italiano con due diversi lemmi: uno con l'accento sdrucciolo e con il significato di crosta ed un altro con l'accento piano (come in greco) e con lo stesso significato del lemma originale (altare).
Quindi mentre accetto tranquillamente una derivazione dal greco del termine escàra, resto dubbioso circa èscara, molto vicino al cognomen latino Scar(i)us, con i significati connessi.

Il TLIO dà àscaro in Toscana (XIV secolo, Siena) come "dolore dell'anima" e ascaroso al nord (XIII secolo, Bonvesin de la Riva) come "pieno di croste" e che quindi produce ribrezzo.

Avatara utente
Scilens
Interventi: 1097
Iscritto in data: dom, 28 ott 2012 15:31

Re: [VEC] «Scaréggio»

Intervento di Scilens »

PaDaSu ha scritto:…mi verrebbe da dire che in un remoto passato i popoli che parlavano le due lingue confinavano. Ma non voglio esser preso per uno con gli occhiali polarizzati. :shock:
La stessa cosa ho pensato anch'io.

Per questo nella mia immaginazione ritenevo che 'scareggio' fosse parente di un termine più volgare in 'sco...'

marco1624
Interventi: 16
Iscritto in data: mar, 22 ott 2013 7:54

Re: [VEC] «Scaréze»

Intervento di marco1624 »

Carnby ha scritto:Un caso simile potrebbe essere ciro, «maiale» dal greco χοῖρος (?). C'è traccia di questa parola da voi «nordici»?
Direi di sì; nella bergamasca, in special modo in provincia, il maiale è .

Avatara utente
u merlu rucà
Moderatore «Dialetti»
Interventi: 1303
Iscritto in data: mar, 26 apr 2005 8:41

Re: [VEC] «Scaréze»

Intervento di u merlu rucà »

Anche ciù/zu. Sembra una voce onomatopeica.
Largu de farina e strentu de brenu.

domna charola
Interventi: 1081
Iscritto in data: ven, 13 apr 2012 9:09

Intervento di domna charola »

Or che mi sovviene, nella pianura bresciana, il maiale è si, però pensavo fosse legato a sus, suis.

Carnby
Interventi: 3584
Iscritto in data: ven, 25 nov 2005 18:53
Località: Empolese-Valdelsa

Intervento di Carnby »

Tutto sommato, credo che la derivazione onomatopeica sia più probabile di quella da χοῖρος.

marco1624
Interventi: 16
Iscritto in data: mar, 22 ott 2013 7:54

Intervento di marco1624 »

domna charola ha scritto:Or che mi sovviene, nella pianura bresciana, il maiale è si, però pensavo fosse legato a sus, suis.
Ho detto già del in provincia, mentre, forse vicino a sus, suis, più cittadino dalle mie parti è il sunì.

Intervieni

Chi c’è in linea

Utenti presenti in questa sezione: Nessuno e 1 ospite