[NAP] Lo viene cha llà

Spazio di discussione su questioni di dialettologia italiana e italoromanza

Moderatore: Dialettanti

Intervieni
Cembalaro
Interventi: 75
Iscritto in data: sab, 02 nov 2013 15:46

[NAP] Lo viene cha llà

Intervento di Cembalaro » dom, 03 nov 2013 12:50

Un altro passo per me difficile è questo distico. La cantata è uno sberleffo alla figura dell'avvocato azzeccagarbugli, piena di onomatopee. Termina con i versi:

Lo piscia portelle
lo viene cha llà.


Piscia portelle (o pisciaportelle) è ovviamente un insulto che non sono riuscito pienamente a capire. Esiste un'operina (la musica è perduta ma il libretto è conservato) che contiene la parola addirittura nel titolo: Lo Lollo Pisciaportelle (1705), ma perfino lì la parola compare una sola volta e il contesto non aiuta a capire. Altre fonti la associano all'abitudine di orinare sugli usci; altre ancora all'abitudine di orinare attraverso l'apposita apertura nei calzoni (donde Pisciaportelle = bambino, ragazzino).

Ma più importante è il verso finale. Tradotto solitamente con «Il pisciaportelle viene qua e là», mi pare che non dia senso e non tenga conto degli elementi linguistici: lo mi pare oggetto, è giusto? e viene non può essere terza persona (che sarebbe piuttosto vene senza dittongo), quindi è seconda persona, forse indicativo, forse imperativo. Ma così avremmo: «Il pisciaportelle lo vieni qua [e] là» (o «vienilo qua e là») che ha ancora meno senso.
Infine, si può dire con certezza che cha sia «qua»? Io l'ho trovato (ma molto raramente) in letteratura con il significato di «che». Le grafie 'normalizzate' sarebbero ccà «qua» e ca o (meno bene) «che».

Anche questa cantata è disponibile in fotografia per la consultazione: http://iccu01e.caspur.it/ms/internetCul ... eca+-+ICCU

Avatara utente
u merlu rucà
Moderatore «Dialetti»
Interventi: 1302
Iscritto in data: mar, 26 apr 2005 8:41

Intervento di u merlu rucà » dom, 03 nov 2013 15:00

pisciapurte' insulto dal significato pressocchè incomprensibile, di solito si indirizza ai quei bambini un po' buffi e un po' sciocchini, dinoccolati nell' andatura;(etimol.) piscia+purtella: di bambino così piccolo da non riuscire a trattenere i propri bisogni corporali.

http://www.dramma.it/dati/libreria/nzularchia.htm
Largu de farina e strentu de brenu.

Avatara utente
Scilens
Interventi: 1097
Iscritto in data: dom, 28 ott 2012 16:31

Intervento di Scilens » dom, 03 nov 2013 17:59

i bambini piccoli un tempo (non troppo lontano) no avevano calzoni ma la gonnella, ameno da noi.
Sulla frase indagata butto là l'informazione che pisciare sull'uscio è una manifestazione di proprietà, e uno che piscia su tutti gli usci si comporta come se fosse tutto suo

Intervieni

Chi c’è in linea

Utenti presenti in questa sezione: Nessuno e 1 ospite