[LIJ] Fonetica storica dei dialetti liguri

Spazio di discussione su questioni di dialettologia italiana e italoromanza

Moderatore: Dialettanti

Avatara utente
u merlu rucà
Moderatore «Dialetti»
Interventi: 1298
Iscritto in data: mar, 26 apr 2005 8:41

Intervento di u merlu rucà » dom, 05 apr 2015 21:07

Purtroppo non so niente.
Largu de farina e strentu de brenu.

Avatara utente
u merlu rucà
Moderatore «Dialetti»
Interventi: 1298
Iscritto in data: mar, 26 apr 2005 8:41

Intervento di u merlu rucà » lun, 25 mag 2015 20:46

cambrilenc ha scritto:C’è (c’era) palatalizzazione di -CT- anche nelle isole linguistiche di Biot, Vallauris, Mons e Escragnolles, ma immagino sia difficile sapere se nel fare così conservavano un tratto arcaico oppure subivano influenza provenzale.
Non mi ero azzardato a fare ipotesi, ma vedo che Fiorenzo Toso, nel suo recentissimo "Le parlate liguri della Provenza. Il dialetto figun tra storia e memoria" 2014, attribuisce l'esito attuale ad una conservazione dell'esito presente nei dialetti di provenienza delle colonie liguri in Provenza. La zona di provenienza dei suddetti dialetti è compresa tra l'attuale Imperia e Albenga. Attualmente, nell'imperiese l'esito -ʧ- non è presente, mentre lo è nell'albenganese. Vi sono, però, dei fossili a Pontedassio, appena sopra Imperia, che ne testimoniano la presenza nel passato (dri'ʧuŋ "furbacchione", re'skøʧa "ricotta"). Ho avuto l'opportunità di verificare che lo stesso esito esiste ancora nel dialetto di Fanghetto, frazione di Olivetta San Michele: 'laʧe "latte", 'tryʧa "trota". A questo punto mi sembra difficile sostenere che si tratti semplicemente di un influsso piemontese e non di un esito comune, poi regredito.
Largu de farina e strentu de brenu.

Intervieni

Chi c’è in linea

Utenti presenti in questa sezione: Nessuno e 1 ospite