«Sordo» nei dialetti lombardi e oltre

Spazio di discussione su questioni di dialettologia italiana e italoromanza

Moderatore: Dialettanti

PaDaSu
Interventi: 55
Iscritto in data: sab, 14 lug 2012 10:45
Località: Monteriggioni

Re: «Sordo» nei dialetti lombardi e oltre

Intervento di PaDaSu » sab, 21 giu 2014 11:20

Infarinato ha scritto:Secondo il GRADIT sarebbe un toscanismo anche vino scusso (espressione a me cara) per vino schietto.
Mai sentito il termine riferito al vino: ho sempre usato vin pretto.

Per il pane mi sovvien la domanda di mio nonno: "Tu vo' i' ppane scrio scrio o i' ppane scusso?" Laddove non mi ricordo né la differenza (fra scrio scrio, cioè pan solo, e scusso) né se mio nonno voleva dire pane scusso o pan escusso.

Avatara utente
Scilens
Interventi: 1097
Iscritto in data: dom, 28 ott 2012 16:31

Re: «Sordo» nei dialetti lombardi e oltre

Intervento di Scilens » dom, 22 giu 2014 1:03

PaDaSu ha scritto:"Tu vo' i' ppane scrio scrio o i' ppane scusso?"
:) È la stessa cosa! ;)
Saluto gli amici, mi sono dimesso. Non posso tollerare le contraffazioni.

Avatara utente
Zabob
Interventi: 911
Iscritto in data: sab, 28 lug 2012 19:22

Intervento di Zabob » dom, 22 giu 2014 10:21

Scilens ha scritto:
PaDaSu ha scritto:"Tu vo' i' ppane scrio scrio o i' ppane scusso?"
:) È la stessa cosa! ;)
Un po' come la zuppa e il pan bagnato.
Questo, almeno, prima che "zuppa" divenisse sinonimo di "minestra", anche senz'alcuna aggiunta di pane raffermo: «Pane intinto nel vino», dava come primo e preminente significato il Dizionario della Lingua Italiana del 1827; «Minestra in gèn. ma solam. invitando a deʃinare», la definisce il Petrocchi nel 1891, due righe sopra il «Pane inzuppato in un liquore».
Oggi com'oggi non si sente dire dieci parole, cinque delle quali non sieno o d'oltremonte o nuove, dando un calcio alle proprie e native. (Fanfani-Arlìa, 1877)

Avatara utente
u merlu rucà
Moderatore «Dialetti»
Interventi: 1298
Iscritto in data: mar, 26 apr 2005 8:41

Intervento di u merlu rucà » dom, 22 giu 2014 10:34

Mio padre dice pan sciütu (pane asciutto).
Abbiamo, quindi, pane sordo, nudo, asciutto. La fantasia non manca...
Largu de farina e strentu de brenu.

Carnby
Interventi: 3519
Iscritto in data: ven, 25 nov 2005 19:53
Località: Empolese-Valdelsa

Re: «Sordo» nei dialetti lombardi e oltre

Intervento di Carnby » lun, 25 apr 2016 21:02

PaDaSu ha scritto:"Tu vo' i' ppane scrio scrio o i' ppane scusso?"
M'inserisco in questa vecchia discussione per segnalare l'espressione scusso scusso sentita di recente a Pisa, che ho interpretato spontaneamente come scrio scrio (e forse ho sbagliato?).

Intervieni

Chi c’è in linea

Utenti presenti in questa sezione: Nessuno e 1 ospite