[xTSC] Dialetto aretino

Spazio di discussione su questioni di dialettologia italiana e italoromanza

Moderatore: Dialettanti

Intervieni
Ivan92
Interventi: 1416
Iscritto in data: gio, 28 nov 2013 20:59
Località: Castelfidardo (AN)

[xTSC] Dialetto aretino

Intervento di Ivan92 » lun, 21 mar 2016 1:26

In realtà il filone è aperto a tutti gli esperti del settore. Vengo subito al sodo: non ritenete che l'aretino sia un dialetto di transizione? A me sembra più simile al vernacolo umbro-marchigiano. Nello specifico mi ricorda molto l'anconitano e il perugino: ndu' vè e che fè sono pressoché identici alle corrispettive espressioni anconitane ndu' vé e cu fé. Del perugino riprende un po' la cadenza. A ciò s'aggiunga un raddoppiamento fonosintattico molto debole. Cosa ne pensate? Non sarebbe stato meglio trovargli un'altra sistemazione? A me pare faccia da tramite tra i dialetti dell'area mediana (in particolar modo l'umbro settentrionale e l'anconitano) e quelli toscani.

Avatara utente
Ortelius
Interventi: 51
Iscritto in data: gio, 19 nov 2015 12:25
Località: Anghiari

Intervento di Ortelius » lun, 21 mar 2016 16:31

Dico la mia, essendo locutore d'una variante del vernacolo aretino (nello specifico, l'anghiarese/valtiberino). Innanzitutto credo che si debba specificare, quando si parla di Umbria settentrionale: lo spigolo puntuto che costituisce la parte nord dell'Umbria, e che smezza l'altotevere tra la stessa e la Toscana, è linguisticamente tifernate (ovvero, fa capo a Città di Castello). La parlata tifernate ha (foneticamente) ben poco di perugino e molto di romagnolo/alto marchigiano [mi riferisco al pesarese], tanto che a quanto ne sapevo gl'altri umbri si riferiscono ai summenzionati come [in]crociati, proprio a rimarcare lo status di terra di transizione linguistica (oltre che storica e politica: quattro regioni [Toscana, Umbria, Romagna, Marche] nel giro di pochi chilometri). La somiglianza di certi tratti tra il mio vernacolo e il perugino è innegabile: [a] che diventano [e] (cane>chène ecc.), metatesi, alcune parole in comune (maràmpito in aretino e maràmpto in perugino, da malu impeto), la cadenza... per quanto mi riguarda questa somiglianza è pure inspiegabile, dato che tra me e il perugino c'è un'intera area dialettale completamente diversa a livello fonetico. :? In piú, nell'aretino, oltre a mancare quasi del tutto il raddoppiamento, è molto debole (ma non del tutto assente) l'aspirazione. In ogni caso, io ho studiato a Roma per un periodo, e i romani [e non solo] mi hanno sempre dato per toscano (ma i miei genitori quando studiavano a Firenze venivano additati come romani :roll: ).
«Quid ei potest videri magnum in rebus humanis, cui aeternitas omnis, totiusque mundi nota sit magnitudo»

Marco Tullio Cicerone

Ivan92
Interventi: 1416
Iscritto in data: gio, 28 nov 2013 20:59
Località: Castelfidardo (AN)

Intervento di Ivan92 » mar, 22 mar 2016 17:27

La ringrazio del contributo, caro Ortelius. :)
Ortelius ha scritto:Innanzitutto credo che si debba specificare, quando si parla di Umbria settentrionale: lo spigolo puntuto che costituisce la parte nord dell'Umbria, e che smezza l'altotevere tra la stessa e la Toscana, è linguisticamente tifernate (ovvero, fa capo a Città di Castello).
Sì, certo. Con umbro settentrionale mi riferivo ai dialetti del perugino in contrapposizione al vernacolo parlato nelle zone di Terni e dintorni, escluso ovviamente il tifernate.

Ortelius ha scritto:[P]er quanto mi riguarda questa somiglianza è pure inspiegabile, dato che tra me e il perugino c'è un'intera area dialettale completamente diversa a livello fonetico. :?
Non capisco. Intende dire che tra l'aretino e il perugino c'è un "cuscinetto" di altri dialetti che non dovrebbero permettere al perugino di spingersi troppo in là e di contaminare l'aretino?
Ortelius ha scritto:In ogni caso, io ho studiato a Roma per un periodo, e i romani [e non solo] mi hanno sempre dato per toscano (ma i miei genitori quando studiavano a Firenze venivano additati come romani :roll: ).
Certo, se sentissi parlare un aretino non avrei alcun dubbio riguardo alla sua provenienza. Ripeto, al massimo potrei confonderlo con un perugino. Anzi, mi stupisce che i fiorentini abbiano addirittura scambiato i suoi genitori per dei romani.

Detto questo, qual è il suo giudizio finale? Ritiene giusto che l'aretino sia considerato un dialetto toscano a tutti gli effetti? O crede che meriti una sistemazione più acconcia? :)

Carnby
Interventi: 3519
Iscritto in data: ven, 25 nov 2005 19:53
Località: Empolese-Valdelsa

Intervento di Carnby » dom, 27 mar 2016 22:12

Ortelius ha scritto:Dico la mia, essendo locutore d'una variante del vernacolo aretino (nello specifico, l'anghiarese/valtiberino).
Può togliermi una curiosità? In questa pagina si afferma che la pronuncia locale di Anghiari è Angdieri. È davvero così o quella ng sta per una nasale velare?
Ortelius ha scritto:per quanto mi riguarda questa somiglianza è pure inspiegabile, dato che tra me e il perugino c'è un'intera area dialettale completamente diversa a livello fonetico.
Può spiegare meglio questa affermazione?
Ortelius ha scritto:In piú, nell'aretino, oltre a mancare quasi del tutto il raddoppiamento, è molto debole (ma non del tutto assente) l'aspirazione.
Intende la gorgia?

Avatara utente
Ortelius
Interventi: 51
Iscritto in data: gio, 19 nov 2015 12:25
Località: Anghiari

Intervento di Ortelius » mar, 29 mar 2016 16:15

Mi scuso in anticipo per la spiegazione, che forse risulterà manchevole di chiarezza [non mi intendo molto di fonetica]: il digramma gd, nella trascrizione dei poeti in dialetto della zona, indica un suono che potrei definire occlusiva palatale sonora. Abbiamo anche la corrispondente sorda (per esempio in chiodo>ctiodo).

Per quanto riguarda il secondo punto, sono stato parco d'informazioni. Ciò che intendevo dire è che trovo curioso, dando un'occhiata alla geografia valtiberina (partendo da nord e seguendo il corso del fiume) trovare una parlata con alcune somiglianze col perugino[cioè l'anghiarese, a livello soprattutto di... cadenza, non saprei dire meglio], entrare in alta Umbria ed incontrare una parlata diversa, che ha molto a che fare col romagnolo, poi incontrare finalmente il perugino. È come se, riprendendo l'osservazione di Ivan92, ci fosse una sorta di cuscinetto tra l'anghiarese e il perugino.

Circa l'aspirazione: sì, intendevo proprio la gorgia. :) In definitiva, nonostante le somiglianze con i dialetti umbri, non me la sentirei di inserire l'aretino tra questi.
«Quid ei potest videri magnum in rebus humanis, cui aeternitas omnis, totiusque mundi nota sit magnitudo»

Marco Tullio Cicerone

Avatara utente
Animo Grato
Interventi: 1376
Iscritto in data: ven, 01 feb 2013 16:11

Intervento di Animo Grato » mar, 29 mar 2016 16:35

Ortelius ha scritto:Mi scuso in anticipo per la spiegazione, che forse risulterà manchevole di chiarezza [non mi intendo molto di fonetica]: il digramma gd, nella trascrizione dei poeti in dialetto della zona, indica un suono che potrei definire occlusiva palatale sonora.
Ah, è il suono che in ungherese si scrive -gy- (ascoltabile qui). Mi fa sempre pensare alla parlata di Topo Gigio! :D
«Ed elli avea del cool fatto trombetta». Anonimo del Trecento su Miles Davis
«E non piegherò certo il mio italiano a mere (e francamente discutibili) convenienze sociali». Infarinato
«Prima l'italiano!»

Ivan92
Interventi: 1416
Iscritto in data: gio, 28 nov 2013 20:59
Località: Castelfidardo (AN)

Intervento di Ivan92 » mar, 29 mar 2016 17:09

Ortelius ha scritto:l digramma gd, nella trascrizione dei poeti in dialetto della zona, indica un suono che potrei definire occlusiva palatale sonora. Abbiamo anche la corrispondente sorda (per esempio in chiodo>ctiodo).

Anche qui parlammo di occlusive palatali. Non c'entra niente con l'aretino, lo so, ma è bene ricordare che davanti all'approssimante palatale e alle vocali anteriori, contrariamente a ciò che pensa la stessa Guichipedía, c'è soltanto una leggera coarticolazione. Trascrizioni come [ˈɟjanda] o ['cikko] sono sbagliate. Per dirla con Infarinato, il risultato è banalmente prevelare.


Ortelius ha scritto:In definitiva, nonostante le somiglianze con i dialetti umbri, non me la sentirei di inserire l'aretino tra questi.

Neanch'io lo considererei un dialetto umbro. Gli è che non riesco a considerarlo neanche toscano. :roll:

Carnby
Interventi: 3519
Iscritto in data: ven, 25 nov 2005 19:53
Località: Empolese-Valdelsa

Intervento di Carnby » sab, 02 apr 2016 11:18

Ivan92 ha scritto:Trascrizioni come [ˈɟjanda] o ['cikko] sono sbagliate.
Più che «sbagliate» direi eccessive. Un italo-francese potrebbe, in effetti, arrivare a quello.
Ivan92 ha scritto:Gli è che non riesco a considerarlo neanche toscano.
A me pare toscano. Eccentrico quanto si vuole, ma pur sempre toscano.

Ivan92
Interventi: 1416
Iscritto in data: gio, 28 nov 2013 20:59
Località: Castelfidardo (AN)

Intervento di Ivan92 » ven, 08 apr 2016 16:12

Carnby ha scritto:
Ivan92 ha scritto:Trascrizioni come [ˈɟjanda] o ['cikko] sono sbagliate.
Più che «sbagliate» direi eccessive.
Dipende dai punti di vista: se si eccede, non si sbaglia? :P

Intervieni

Chi c’è in linea

Utenti presenti in questa sezione: Nessuno e 1 ospite