«Gattara» per «cerniera dei pantaloni»

Spazio di discussione su questioni di dialettologia italiana e italoromanza

Moderatore: Dialettanti

Intervieni
sempervirens
Interventi: 599
Iscritto in data: gio, 23 apr 2015 15:14

«Gattara» per «cerniera dei pantaloni»

Intervento di sempervirens » ven, 09 set 2016 13:20

Sì, recentemente è capitato a me, di averla, e sono stato provvidenzialmente messo verbalmente al corrente della situazione, ma con un'espressione che non conoscevo: hai la gattara aperta. Gattara? Io conoscevo la parola gattara ma con un altro significato, quello di gattofilo, di persona che si prende cura dei gatti randagi. Tornato a casa faccio una ricerca in rete e difatti trovo su Treccani questo: 2. (fig.) Apertura dei calzoni maschili, chiusa da bottoni o, più spesso, da cerniera lampo.
Penso che sia un modo di dire romano, ma non ne sono sicuro. Qualcuno ne sa di più? Con l'occasione vorrei conoscere altri modi di dire riguardo la cerniera dei pantaloni lasciata aperta. Ah, chi me l'ha detta è un Siciliano che vive a Roma da tanti anni, quindi penso che faccia parte della parlata romana.

P.S. In italiano "Bottega aperta" dovrebbe essere patta aperta.
Io nella mia lingua ci credo.

Avatara utente
Ferdinand Bardamu
Moderatore
Interventi: 4073
Iscritto in data: mer, 21 ott 2009 14:25
Località: Legnago (Verona)

Intervento di Ferdinand Bardamu » ven, 09 set 2016 13:38

No, bottega, nell’accezione scherzosa di patta, è italiano.

Da me si dice batelón: «Te ghe el batelón verto», ‹hai la patta aperta›.

Ivan92
Interventi: 1416
Iscritto in data: gio, 28 nov 2013 20:59
Località: Castelfidardo (AN)

Intervento di Ivan92 » ven, 09 set 2016 13:40

Mai sentita. Da noi la gattara è un parto di tanti mici. :)

Patta, invece, si dice pattuella. :)

Avatara utente
Ferdinand Bardamu
Moderatore
Interventi: 4073
Iscritto in data: mer, 21 ott 2009 14:25
Località: Legnago (Verona)

Intervento di Ferdinand Bardamu » ven, 09 set 2016 14:00

Non so a quale dialetto appartenga gattara (ipotizzo anch’io il romanesco), ma certamente si tratta di una metafora ammiccante come bottega, visto che la gattara, nell’accezione propria, è la gattaiola.

Gattara si usa anche da me soltanto col significato di ‹(donna, in genere anziana) che dà da mangiare ai gatti randagi›. Non è avvertito come romanesco, perché potrebbe esser benissimo una coniazione veneta col suffisso -aro.

sempervirens
Interventi: 599
Iscritto in data: gio, 23 apr 2015 15:14

Intervento di sempervirens » ven, 09 set 2016 14:34

Ferdinand Bardamu ha scritto:No, bottega, nell’accezione scherzosa di patta, è italiano.

Da me si dice batelón: «Te ghe el batelón verto», ‹hai la patta aperta›.
E io che pensavo che Avere la bottega aperta fosse regionale. :) A proposito, batelón dovrebbe essere un tipo di imbarcazione veneziana, vero? Non vedo il nesso con la "bottega aperta" però. Una piccola spinta per aiutarmi a capire meglio sarebbe graditissima.
Io nella mia lingua ci credo.

Avatara utente
Ferdinand Bardamu
Moderatore
Interventi: 4073
Iscritto in data: mer, 21 ott 2009 14:25
Località: Legnago (Verona)

Intervento di Ferdinand Bardamu » ven, 09 set 2016 14:47

sempervirens ha scritto: A proposito, batelón dovrebbe essere un tipo di imbarcazione veneziana, vero? Non vedo il nesso con la "bottega aperta" però. Una piccola spinta per aiutarmi a capire meglio sarebbe graditissima.
Sí, è il nome di un tipo di barca. Però batelón, nella nostra accezione, ha un’altra origine: è una variante di patelón, che dovrebb’essere un derivato del corrispettivo dialettale di patta. (Dico cosí perché pata non l’ho mai sentito e, credo, non si è mai usato da me.)

Avatara utente
Millermann
Interventi: 770
Iscritto in data: ven, 26 giu 2015 19:21
Località: Riviera dei Cedri

Intervento di Millermann » ven, 09 set 2016 15:09

Dalle mie parti, per lo piú (e diverso tempo fa), ho sentito usare l'espressione «avere la farmacia aperta», sia parlando in dialetto che in italiano regionale. Credo, peraltro, sia una variante diffusa anche altrove. :)

Questo come eufemismo; invece la "patta", in sé, in dialetto è chiamata vrachètta, corrispondente a brachetta in italiano.
In Italia, dotta, Foro fatto dai latini

Carnby
Interventi: 3520
Iscritto in data: ven, 25 nov 2005 19:53
Località: Empolese-Valdelsa

Intervento di Carnby » ven, 09 set 2016 15:45

Qui si è sempre detto bottega aperta. Certo che il greco ἀποθήκη ne ha avuta di fortuna, in tutti gli ambiti. :)
Patta l'ho sempre percepito come settentrionalismo.
Esistono alcune parole con suffisso di origine non toscana -aro, -ara nel mio vernacolo; la più famosa è macellaro, ma ce ne sono altre. Non gattara, però, a quanto mi risulta.

Avatara utente
Ferdinand Bardamu
Moderatore
Interventi: 4073
Iscritto in data: mer, 21 ott 2009 14:25
Località: Legnago (Verona)

Intervento di Ferdinand Bardamu » ven, 09 set 2016 16:10

Carnby ha scritto:Esistono alcune parole con suffisso di origine non toscana -aro, -ara nel mio vernacolo; la più famosa è macellaro, ma ce ne sono altre. Non gattara, però, a quanto mi risulta.
Credevo che fosse un romanismo diffuso in tutt’Italia. Per indicare chi dà da mangiare ai gatti randagi cosa dite?

Carnby
Interventi: 3520
Iscritto in data: ven, 25 nov 2005 19:53
Località: Empolese-Valdelsa

Intervento di Carnby » ven, 09 set 2016 17:31

Ferdinand Bardamu ha scritto:Credevo che fosse un romanismo diffuso in tutt’Italia. Per indicare chi dà da mangiare ai gatti randagi cosa dite?
Più che altro è il concetto che manca: da noi il randagismo (per fortuna) è quasi inesistente, grazie a un canile e un gattile che funzionano benissimo. Mia madre mi conferma che una parola (teoricamente possibile) come gattaio non è in uso, perlomeno nel vernacolo tradizionale.

Avatara utente
u merlu rucà
Moderatore «Dialetti»
Interventi: 1298
Iscritto in data: mar, 26 apr 2005 8:41

Intervento di u merlu rucà » ven, 09 set 2016 19:51

Nella Liguria di Ponente si chiama spurtigliöřa. In origine indicava l’apertura con i bottoni, ora anche quella con la cerniera. Avere la patta aperta si dice “avé a spurtigliöřa despuntà”. Parlando italiano si usa spesso “bottega”.
Largu de farina e strentu de brenu.

Avatara utente
Sixie
Interventi: 316
Iscritto in data: lun, 18 mag 2015 19:18
Località: Polesine

Intervento di Sixie » dom, 11 set 2016 9:49

E se fosse gatta(buia)? Per gattara inteso come cerniera dei pantaloni, voglio dire.
Io l'ho sentita definire sfésa oltre a botéga, sempre vèrta, naturalmente; c'è però un termine che da bambini usavamo per prendere in giro i maschietti che andavano in giro con la bottega aperta, ed è gìga. Gìga, come il ballo o lo strumento musicale. :?
We see things not as they are, but as we are. L. Rosten
Vediamo le cose non come sono, ma come siamo.

Intervieni

Chi c’è in linea

Utenti presenti in questa sezione: Nessuno e 1 ospite