«Intormentire/informicolirsi» in dialetto e italiano locale

Spazio di discussione su questioni di dialettologia italiana e italoromanza

Moderatore: Dialettanti

Avatara utente
Millermann
Interventi: 770
Iscritto in data: ven, 26 giu 2015 19:21
Località: Riviera dei Cedri

«Intormentire/informicolirsi» in dialetto e italiano locale

Intervento di Millermann » mar, 20 set 2016 12:24

Salve, amici appassionati di dialetti! :)
Ho spesso meditato sul fatto che certe cose (specialmente le sensazioni fisiche) che in dialetto si dicono tranquillamente, in italiano non sempre sappiamo bene come dirle, anche per una sorta di eccessivo "pudore", e gli stessi vocabolari non sono di grande aiuto!

Allora, immaginiamo di voler esprimere il fatto che ci si sia "addormentata" un'estremità (ad esempio una mano: a me lo fa, a volte, anche mentre scrivo su Cruscate col telefonino :mrgreen:). E cosí m'è venuto il "ghiribizzo" di sapere come si dice nelle varie regioni italiane. :D

Mi è parso di capire che i verbi piú adatti siano quelli che ho usato nel titolo del filone, cioè intormentire e informicolarsi (o informicolirsi).

Io, però, non li ho mai usati (anzi, neppure li conoscevo, e voi?) :?
Personalmente in italiano ho sempre usato il banale "addormentare" (informale) o l'improprio "anchilosare" (formale), mentre in dialetto il verbo appropriato è affurmicà:
«Tíegnu na manu affurmicata/signu affurmicatu (alla manu).»
Fra amici lo si dice, a volte, anche in italiano regionale: «ho una mano afformicata» :P

E voi, invece, come lo dite nel vostro dialetto o in italiano (regionale e no)?
In Italia, dotta, Foro fatto dai latini

valerio_vanni
Interventi: 895
Iscritto in data: ven, 19 ott 2012 20:40
Località: Marradi (FI)

Intervento di valerio_vanni » mar, 20 set 2016 15:01

In italiano ho sempre detto e sentito solo "informicolire".

Ah, dimenticavo: in dialetto romagnolo "informiglì".
Ultima modifica di valerio_vanni in data mar, 20 set 2016 16:28, modificato 1 volta in totale.

Avatara utente
Infarinato
Amministratore
Interventi: 3602
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 11:40
Info contatto:

Intervento di Infarinato » mar, 20 set 2016 15:26

Per quanto mi riguarda, sia informicolirsi sia addormentarsi/intorpidirsi sia anchilosarsi, ma [per me] non sono perfetti sinonimi.

Avatara utente
Ferdinand Bardamu
Moderatore
Interventi: 4066
Iscritto in data: mer, 21 ott 2009 14:25
Località: Legnago (Verona)

Intervento di Ferdinand Bardamu » mar, 20 set 2016 15:33

Da me, rispettivamente in dialetto e in italiano, informigolarse e informicolarsi.

Ivan92
Interventi: 1416
Iscritto in data: gio, 28 nov 2013 20:59
Località: Castelfidardo (AN)

Intervento di Ivan92 » mer, 21 set 2016 14:04

Da me si dice me s'è 'ndormita 'na ma' o me formicola 'na ma'. In italiano uso addormentarsi oppure dico mi formicola la mano.

Avatara utente
Millermann
Interventi: 770
Iscritto in data: ven, 26 giu 2015 19:21
Località: Riviera dei Cedri

Intervento di Millermann » mer, 21 set 2016 15:04

Grazie per le pronte risposte! Vedo che c'è una certa unanimità a favore di informicolirsi: mi piace, e penso proprio che inizierò a usarlo anch'io. :)
Quanto alla sfumatura di significato, volendo proprio esprimere la sensazione fisica, direi che l'arto, a seguito dell'errata postura o altro, dapprima s'intorpidisce (o intormentisce, forse anchílosa è un tantino eccessivo :?), e subito dopo s'informicolisce/informícola, nel momento in cui iniziamo a sentire quelle fastidiose "punturine" come di formicole. Corretto?

P.S. grazie anche a lei, caro Ivan, e se c'è qualcuno che conosce altre espressioni dialettali, non sia timido: sono curioso di leggerle! ;)
In Italia, dotta, Foro fatto dai latini

Brazilian dude
Moderatore «Dialetti»
Interventi: 726
Iscritto in data: sab, 14 mag 2005 23:03

Intervento di Brazilian dude » mer, 21 set 2016 15:32

In portoghese: formigar, formigamento.

Avatara utente
Sixie
Interventi: 316
Iscritto in data: lun, 18 mag 2015 19:18
Località: Polesine

Intervento di Sixie » mer, 21 set 2016 18:38

Un modo per rendere in veneto "questo vento gelido mi ha intormentito le mani" - e molto più preciso di un generico informigolamento - è inberìo: sto vènto el me ga inberìo le man.
Altro modo - che io trovo incantevole - è incantexemàre. :D
Si dice(va) dell'intorpidimento a seguito dell'anestesia: alle labbra, ad esempio, dopo la seduta dal dentista.
In effetti, l'anestesia si chiama indòrmia, però non si dice, della parte anestetizzata, che è indormìa, ma incantexemà.
We see things not as they are, but as we are. L. Rosten
Vediamo le cose non come sono, ma come siamo.

Avatara utente
Ferdinand Bardamu
Moderatore
Interventi: 4066
Iscritto in data: mer, 21 ott 2009 14:25
Località: Legnago (Verona)

Intervento di Ferdinand Bardamu » mer, 21 set 2016 19:28

Sixie ha scritto:Si dice(va) dell'intorpidimento a seguito dell'anestesia: alle labbra, ad esempio, dopo la seduta dal dentista.
In effetti, l'anestesia si chiama indòrmia, però non si dice, della parte anestetizzata, che è indormìa, ma incantexemà.
Non credo che codesto possa estendersi alla totalità delle parlate venete: io, in questo caso, direi indormezà per l’aggettivo che descrive la parte, indormezare per il verbo.

Nel veronese mi pare che non si adoperi nemmeno inberir(e).

Avatara utente
Sixie
Interventi: 316
Iscritto in data: lun, 18 mag 2015 19:18
Località: Polesine

Intervento di Sixie » mer, 21 set 2016 20:26

Inberìo l 'ho sentito usare da una conoscente a Sottomarina di Chioggia, a proposito del braccio intorpidito (ma non per il freddo, ché era d'estate, ma a causa di una malattia) e lo ritrovo nel Dizionario del polesano dei Romagnolo; incantexemà, invece, l'ho sentito usare dalle mie parti.
Riassumendo: inberìo è del polesano e del chioggiotto, incantexemà del polesano. Informigolà è panvèneto. :)
Nemmeno io credo esista il verbo inberìre, ma incantexemàre, sì.
We see things not as they are, but as we are. L. Rosten
Vediamo le cose non come sono, ma come siamo.

Avatara utente
Infarinato
Amministratore
Interventi: 3602
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 11:40
Info contatto:

Intervento di Infarinato » gio, 22 set 2016 1:25

Sixie ha scritto:Un modo per rendere in veneto "questo vento gelido mi ha intormentito le mani" - e molto più preciso di un generico informigolamento - è inberìo: sto vènto el me ga inberìo le man.
Che, però, sembrerebbe piú affine a intirizzire;)
Sixie ha scritto:Altro modo - che io trovo incantevole - è incantexemàre. :D
Si dice(va) dell'intorpidimento a seguito dell'anestesia: alle labbra, ad esempio, dopo la seduta dal dentista.
Del resto, anche in italiano «si rimane incantati», e un congegno si può «incantare». :)

Avatara utente
Sixie
Interventi: 316
Iscritto in data: lun, 18 mag 2015 19:18
Località: Polesine

Intervento di Sixie » gio, 22 set 2016 8:35

Intirizzire, sì. Impietrire, anche.
Ma allora è impetrìr del veneziano!
Imberìr potrebbe essere una variante di impetrìr...
Grazie, Infarinato! :D
We see things not as they are, but as we are. L. Rosten
Vediamo le cose non come sono, ma come siamo.

domna charola
Interventi: 1059
Iscritto in data: ven, 13 apr 2012 9:09

Intervento di domna charola » gio, 22 set 2016 10:11

Mia nonna di Venezia diceva "fredo impetrìo" per sottolineare che una cosa (le mani in inverno, ma anche la minestra tirata fuori dal frigo, ad esempio) era proprio fredda.
Indormenzà era invece il verbo per indòrmia.

sempervirens
Interventi: 599
Iscritto in data: gio, 23 apr 2015 15:14

Intervento di sempervirens » gio, 22 set 2016 14:25

Confermo che dalle nostre parti per riferirsi a quel tipo di parestesia si usa il verbo informicolirsi, ma non informicolarsi. Anche l'espressione 'Sentire un formicolio a ...' è molto usata.
Io nella mia lingua ci credo.

Avatara utente
marcocurreli
Interventi: 444
Iscritto in data: ven, 25 set 2009 22:36
Località: Cagliari

Intervento di marcocurreli » ven, 23 set 2016 1:01

Non ricordo di averlo sentito in sardo, però avere un arto intorpidito da formicolio dovrebbe essere infrommigai. Molto più frequente è il verbo cancarai, col participio passato cancarau, che significa anchilosato: lo usiamo in molte espressioni popolari come:
«ita ses, cancarau?» (cosa sei, anchilosato?), rivolto a qualcuno che non ha voglia di muoversi.
«mi seu cancarendi de su frius" (mi sto intirizzendo dal freddo), espressione molto usata anche nella versione italianizzata ("mi sto cancarando dal freddo").

In italiano il verbo che si sente più spesso è addormentare.
Ultima modifica di marcocurreli in data ven, 23 set 2016 17:13, modificato 1 volta in totale.

Intervieni

Chi c’è in linea

Utenti presenti in questa sezione: Nessuno e 1 ospite