[xTSC] Pronuncia di «backstage»

Spazio di discussione su questioni di dialettologia italiana e italoromanza

Moderatore: Dialettanti

Avatara utente
Animo Grato
Interventi: 1376
Iscritto in data: ven, 01 feb 2013 16:11

[xTSC] Pronuncia di «backstage»

Intervento di Animo Grato » sab, 07 gen 2017 13:21

Chiedo scusa per l'esplicita frivolezza del filone, ma mi occorrerebbe sapere quale sarebbe la vernacolarizzazione ortodossa di backstage, a partire dalla pronuncia /ˈbækˈsteɪdʒ/, non dalla grafia.
«Ed elli avea del cool fatto trombetta». Anonimo del Trecento su Miles Davis
«E non piegherò certo il mio italiano a mere (e francamente discutibili) convenienze sociali». Infarinato
«Prima l'italiano!»

Carnby
Interventi: 3520
Iscritto in data: ven, 25 nov 2005 19:53
Località: Empolese-Valdelsa

Intervento di Carnby » sab, 07 gen 2017 17:38

Direi bèstei(gge).

Avatara utente
Animo Grato
Interventi: 1376
Iscritto in data: ven, 01 feb 2013 16:11

Intervento di Animo Grato » sab, 07 gen 2017 17:43

Grazie mille!
Per scrupolo filologico attendo altre eventuali interpretazioni. :wink:
«Ed elli avea del cool fatto trombetta». Anonimo del Trecento su Miles Davis
«E non piegherò certo il mio italiano a mere (e francamente discutibili) convenienze sociali». Infarinato
«Prima l'italiano!»

Carnby
Interventi: 3520
Iscritto in data: ven, 25 nov 2005 19:53
Località: Empolese-Valdelsa

Intervento di Carnby » sab, 07 gen 2017 17:58

Aggiungo che la i finale è appena accennata: i' bèstei. E dopo ci vuole il raddoppiamento sintattico. :)

Avatara utente
Infarinato
Amministratore
Interventi: 3604
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 11:40
Info contatto:

Intervento di Infarinato » sab, 07 gen 2017 20:14

Io direi bęstèigge [bɛ̝sˡtɛiʤːʤe].

Carnby
Interventi: 3520
Iscritto in data: ven, 25 nov 2005 19:53
Località: Empolese-Valdelsa

Intervento di Carnby » sab, 07 gen 2017 23:40

Infarinato ha scritto:Io direi bęstèigge [bɛ̝sˡtɛiʤːʤe].
Però è una forma più da lettura che non da parlato spontaneo. Se uno sente un anglofono (o presunto tale) pronunciare la parola in questione, credo che venga fuori qualcosa di differente. E comunque io direi bestéigge.

guidoalberto
Interventi: 46
Iscritto in data: lun, 27 giu 2016 10:01

Intervento di guidoalberto » dom, 08 gen 2017 13:48

non si potrebbe dire basteggio?

Avatara utente
Infarinato
Amministratore
Interventi: 3604
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 11:40
Info contatto:

Intervento di Infarinato » dom, 08 gen 2017 14:01

guidoalberto ha scritto:[N]on si potrebbe dire basteggio?
No, si può (e si dovrebbe) dire dietro le quinte o retropalco, ma codesto non è ciò che ha chiesto Animo Grato. ;)

guidoalberto
Interventi: 46
Iscritto in data: lun, 27 giu 2016 10:01

Intervento di guidoalberto » dom, 08 gen 2017 16:36

Sì, la traduzione mi è nota, ma a orecchio mi sarebbe venuto da dire, appunto, basteggio.
Non ho particolari competenze linguistiche, come si saranno già accorti :oops: ..forse non mi è chiaro il significato di vernacolarizzazione. :roll:

Avatara utente
Infarinato
Amministratore
Interventi: 3604
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 11:40
Info contatto:

Intervento di Infarinato » dom, 08 gen 2017 17:03

Animo Grato ha chiesto quale fosse la «vernacolarizzazione ortodossa» di backstage e, avendo pubblicato l’intervento nella sezione Dialetti del fòro premettendo al titolo del filone il codice del dialetto toscano [moderno], se ne deduce che intendesse la «vernacolarizzazione», cioè l’adattamento [fonetico] piú o meno fedele, in toscano, non in italiano (nel qual caso avrebbe probabilmente pubblicato il suo quesito nella sezione Morfologia, mentre, se avesse voluto chieder lumi sui possibili traducenti [in italiano] di backstage, avrebbe dovuto pubblicare il suo intervento nella sezione Forestierismi). ;)

L’adattamento da Lei proposto [per l’italiano] è certo una possibilità, ma, quando si disponga di traducenti piú che acconci (e diffusi) quali quelli da me ricordati qui sopra, l’onomaturgia diventa un esercizio fine a sé stesso, che dovrebbe essere lasciato da parte.

guidoalberto
Interventi: 46
Iscritto in data: lun, 27 giu 2016 10:01

Intervento di guidoalberto » dom, 08 gen 2017 18:35

La ringrazio moltissimo per la spiegazione. Però mi devo scusare nuovamente perché non mi è chiarissimo il suo ultimo ragionamento: perché se adatto in italiano è un'onomaturgia da evitare mentre se adatto in toscano è una vernacolarizzazione ortodossa? Non si tratta in entrambi i casi di un adattamento fonetico (il quale senz'altro andrebbe evitato se non per pura curiosità)?

Avatara utente
Infarinato
Amministratore
Interventi: 3604
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 11:40
Info contatto:

Intervento di Infarinato » dom, 08 gen 2017 20:29

guidoalberto ha scritto:La ringrazio moltissimo per la spiegazione. Però mi devo scusare nuovamente perché non mi è chiarissimo il suo ultimo ragionamento: perché se adatto in italiano è un'onomaturgia da evitare mentre se adatto in toscano è una vernacolarizzazione ortodossa? Non si tratta in entrambi i casi di un adattamento fonetico (il quale senz'altro andrebbe evitato se non per pura curiosità)?
No, non andrebbe evitato: va evitato quando esistano opzioni migliori (…e quando i parlanti siano in grado di farlo!).

Per «vernacolarizzazione ortodossa» credo che Animo Grato intendesse semplicemente l’adattamento fonetico che i parlanti toscani piú genuini naturalmente adottano per il forestierismo in questione quando cerchino di riprodurlo nel proprio vernacolo.

Avatara utente
Animo Grato
Interventi: 1376
Iscritto in data: ven, 01 feb 2013 16:11

Intervento di Animo Grato » dom, 08 gen 2017 20:43

Ringrazio tutti i partecipanti! Non volevo sollevare un vespaio... :wink:
Confermo che il mio quesito era da intendersi nel modo che è stato sviscerato dall'Infarinato.
Noto che la differenza più vistosa tra la sua interpretazione e quella di Carnby è nella posizione dell'accento. In effetti, la trascrizione della pronuncia inglese mostra due accenti (come se back e stage rimanessero due parole autonome). La scelta di privilegiare il primo (Carnby) o il secondo (Infarinato) dipende allora dalla diversa toscanità delle loro orecchie, da una certa approssimazione della trascrizione IPA (e quindi i due accenti non sarebbero, in realtà, ugualmente marcati) o da vincoli nella posizione dell'accento in toscano?
«Ed elli avea del cool fatto trombetta». Anonimo del Trecento su Miles Davis
«E non piegherò certo il mio italiano a mere (e francamente discutibili) convenienze sociali». Infarinato
«Prima l'italiano!»

guidoalberto
Interventi: 46
Iscritto in data: lun, 27 giu 2016 10:01

Intervento di guidoalberto » dom, 08 gen 2017 21:54

Animo Grato ha scritto:Ringrazio tutti i partecipanti! Non volevo sollevare un vespaio... :wink:
Scusate il 'vespaio', per me era solo un tentativo di capire meglio.
Non vi tedio oltre e continuo a leggere il filone con interesse. :wink:

valerio_vanni
Interventi: 896
Iscritto in data: ven, 19 ott 2012 20:40
Località: Marradi (FI)

Intervento di valerio_vanni » dom, 08 gen 2017 22:33

La prima proposta di Carnby non mi convince molto, perché la tonica si trova a monte di una penultima sillaba chiusa.
Io sposterei l'accento avanti, come proposto da Infarinato. Però con la chiusa, mi trovo d'accordo con la seconda proposta di Carnby.

In tutti i casi, però, nutro dubbi sulla stabilità di una sillaba CVVC all'interno di una parola.

Intervieni

Chi c’è in linea

Utenti presenti in questa sezione: Nessuno e 1 ospite