Troncamento dei sostantivi nei dialetti

Spazio di discussione su questioni di dialettologia italiana e italoromanza

Moderatore: Dialettanti

Ivan92
Interventi: 1416
Iscritto in data: gio, 28 nov 2013 20:59
Località: Castelfidardo (AN)

Troncamento dei sostantivi nei dialetti

Intervento di Ivan92 » mar, 07 feb 2017 13:35

Dalle mie parti è frequente il troncamento sia di verbi sia di sostantivi. Per ciò che riguarda il primo, sappiamo che anche in altre parti d'Italia si verifica lo stesso fenomeno. Quanto al secondo, sono curioso di sapere se nel resto della penisola accadano cose simili: pa' (pane), ca' (cane), ma' (mano), vi' (vino), ade' (adesso), lazzaro' (lazzarone), capoccio' (capoccione), etc. Da notare come la maggior parte dei sostantivi che subisce il troncamento finisica in -ane, -ano, -ino, oppure in -one.

P.S. Ho ritenuto più opportuno pubblicare il filone in questa sezione, dato che ha che fare con i dialetti.

Avatara utente
Ferdinand Bardamu
Moderatore
Interventi: 4123
Iscritto in data: mer, 21 ott 2009 14:25
Località: Legnago (Verona)

Intervento di Ferdinand Bardamu » mar, 07 feb 2017 13:55

Nella mia variante, il troncamento avviene soltanto con gli aggettivi e i sostantivi, non con i verbi all’infinito (se non nei casi, affini all’italiano, del cosiddetto troncamento sintattico): es. «El pan l’è bon da magnare». :)

domna charola
Interventi: 1064
Iscritto in data: ven, 13 apr 2012 9:09

Intervento di domna charola » mar, 07 feb 2017 14:01

Mia nonna troncava anche i verbi, sia all'infinito ("ti xe da magnar") sia nel participio passato; la variante in questo caso è Venezia-Cannaregio.

Ivan92
Interventi: 1416
Iscritto in data: gio, 28 nov 2013 20:59
Località: Castelfidardo (AN)

Intervento di Ivan92 » mar, 07 feb 2017 15:36

Ferdinand Bardamu ha scritto:Nella mia variante, il troncamento avviene soltanto con gli aggettivi e i sostantivi, non con i verbi all’infinito (se non nei casi, affini all’italiano, del cosiddetto troncamento sintattico): es. «El pan l’è bon da magnare». :)
Qui sono gli aggettivi a non subire alcun troncamento. Noi diciamo el pa' è bono da magna'. :)

Che Lei sappia, dunque, il troncamento dei sostantivi è tipico di alcune regioni del Norde e del Centro?

Avatara utente
Ferdinand Bardamu
Moderatore
Interventi: 4123
Iscritto in data: mer, 21 ott 2009 14:25
Località: Legnago (Verona)

Intervento di Ferdinand Bardamu » mar, 07 feb 2017 15:51

Credo che nel Settentrione il troncamento — ma vorrei precisare che possiamo parlare di troncamento solo in un’ottica diacronica, giacché, ad es., a inbriagon («ubriacone») non si contrappone *inbriagone — sia comunissimo e vada oltre i casi su descritti: per dirle, in trentino «Ho fatto» è (se non ricordo male) «Go fat».

Ivan92
Interventi: 1416
Iscritto in data: gio, 28 nov 2013 20:59
Località: Castelfidardo (AN)

Intervento di Ivan92 » mar, 07 feb 2017 16:38

La ringrazio. :) Mi interessava soprattutto il troncamento dei sostantivi. Ho sempre creduto che fosse un fenomeno tipico del Centro Italia, ma invece non è così. Forse soltanto in Umbria i sosantivi subiscono lo stesso trattamento. Inizio a pensare che sia un influsso gallo-italico, che, una volta entrato nel nostro sistema dialettale, è stato prontamente adattato: per tornare all'esempio di prima, pan è diventato pa'. Mi sono fatto questa idea, ma non trovo nulla che corrobori la mia tesi.

Avatara utente
Millermann
Interventi: 794
Iscritto in data: ven, 26 giu 2015 19:21
Località: Riviera dei Cedri

Intervento di Millermann » mar, 07 feb 2017 20:10

A un filone sui dialetti non posso non dare il mio piccolo contributo! :D
Nei dialetti della mia zona (Calabria settentrionale) sono presenti due tipi di apocope: quella degli infiniti e quella degli allocutivi. Entrambe sono la norma, cioè si può dire soltanto parla', mangia', veni', críde (credere), scínne (scendere), ecc.

L'apocope degli allocutivi (frequente anche in italiano regionale) consiste nel troncare il nome (proprio o comune) alla sillaba accentata, col buffo risultato che, se questa è la prima, l'intero nome si può ridurre a una semplice vocale:
«ciao, Angela! > ciao, A'!». Perciò l'apocope può riguardare un sostantivo solo se usato come allocutivo (ad esempio cumpa', dotto') ;).

Occorre osservare però una cosa: in dialetto operiamo una sorta di legamento fra le parole, se queste fanno parte di una frase. Cosí una frase come «'U pani è búonu 'i mangia'» diventa, in realtà, «'u pan'è buon'i mangia'».

Vorrei ancora aggiungere che nei dialetti calabresi meridionali questi fenomeni, per quel che ne so, non sono invece presenti.
In Italia, dotta, Foro fatto dai latini

Ivan92
Interventi: 1416
Iscritto in data: gio, 28 nov 2013 20:59
Località: Castelfidardo (AN)

Intervento di Ivan92 » mer, 08 feb 2017 11:36

Millermann ha scritto:L'apocope degli allocutivi (frequente anche in italiano regionale) consiste nel troncare il nome (proprio o comune) alla sillaba accentata, col buffo risultato che, se questa è la prima, l'intero nome si può ridurre a una semplice vocale:
«ciao, Angela! > ciao, A'!». Perciò l'apocope può riguardare un sostantivo solo se usato come allocutivo (ad esempio cumpa', dotto') ;).
Codeste cose accadono anche qui: Ivan diventa I', per esempio. Mi viene in mente anche professo'. :)

Carnby
Interventi: 3543
Iscritto in data: ven, 25 nov 2005 19:53
Località: Empolese-Valdelsa

Intervento di Carnby » mer, 08 feb 2017 13:26

Ivan92 ha scritto: Inizio a pensare che sia un influsso gallo-italico, che, una volta entrato nel nostro sistema dialettale, è stato prontamente adattato: per tornare all'esempio di prima, pan è diventato pa'. Mi sono fatto questa idea, ma non trovo nulla che corrobori la mia tesi.
Se legge Temistocle Franceschi La struttura fonologica dell'italiano e le sue radici latine c'è scritto più o meno quello che dice lei, però in relazione al toscano: fa gli esempi fiorentini di San Pier Maggiore e Argin grosso riconducendoli a una fase più «lombardeggiante» di oggi.

Avatara utente
u merlu rucà
Moderatore «Dialetti»
Interventi: 1302
Iscritto in data: mar, 26 apr 2005 8:41

Intervento di u merlu rucà » mer, 08 feb 2017 15:16

Nel ligure la situazione è simile a quella del veneto:

bon "buono", parlà "parlare"
Largu de farina e strentu de brenu.

Carnby
Interventi: 3543
Iscritto in data: ven, 25 nov 2005 19:53
Località: Empolese-Valdelsa

Intervento di Carnby » mer, 08 feb 2017 15:30

La situazione settentrionale più conservativa credo sia appunto quella del ligure e di alcune varietà venete, che non tollerano uscite finali in consonante tranne la nasale.

Avatara utente
Sixie
Interventi: 316
Iscritto in data: lun, 18 mag 2015 19:18
Località: Polesine

Intervento di Sixie » mer, 08 feb 2017 17:14

Carnby ha scritto:La situazione settentrionale più conservativa credo sia appunto quella del ligure e di alcune varietà venete, che non tollerano uscite finali in consonante tranne la nasale.
In realtà, solo nel vicentino, padovano e polesano - che io sappia - -e ed -o finali cadono dopo nasale; a mano a mano che si sale dalla pianura e laguna verso le montagne il fenomeno si fa più frequente e interessa altre consonanti come - r di missièr (suocero), -l di cocàl (gabbiano), -c di foc (fuoco), -t di let (letto).
Poi c'è l'interessante fenomeno del cambio di genere di alcune parole: la neve, nel trevigiano alto, feltrino e bellunese diviene maschile: el/al nef. :)
Sono tutti 'troncamenti', se così li vogliamo definire, e per ciò senza apostrofo; l'unico esempio di elisione che mi viene in mente è l'esclamazione màriave'!, che sta per 'maria vergine'.
We see things not as they are, but as we are. L. Rosten
Vediamo le cose non come sono, ma come siamo.

Ivan92
Interventi: 1416
Iscritto in data: gio, 28 nov 2013 20:59
Località: Castelfidardo (AN)

Intervento di Ivan92 » mer, 08 feb 2017 19:44

Carnby ha scritto: Se legge Temistocle Franceschi La struttura fonologica dell'italiano e le sue radici latine c'è scritto più o meno quello che dice lei, però in relazione al toscano.
Ma Franceschi si riferisce all'apocope dei sostantivi o al troncamento in generale?

Ivan92
Interventi: 1416
Iscritto in data: gio, 28 nov 2013 20:59
Località: Castelfidardo (AN)

Intervento di Ivan92 » mer, 08 feb 2017 19:51

Sixie ha scritto: Sono tutti 'troncamenti', se così li vogliamo definire, e per ciò senza apostrofo.
Non vorrei dire una castroneria, ma il troncamento a volte è segnalato dall'apostrofo, come nel caso delle apocopi posvocaliche. Dunque, vi' (vino) dovrebbe essere un troncamento tanto quanto gran.

Carnby
Interventi: 3543
Iscritto in data: ven, 25 nov 2005 19:53
Località: Empolese-Valdelsa

Intervento di Carnby » mer, 08 feb 2017 20:23

Sixie ha scritto:In realtà, solo nel vicentino, padovano e polesano - che io sappia - -e ed -o finali cadono dopo nasale
Infatti ho specificato alcune varietà venete. :)
Ivan92 ha scritto:Ma Franceschi si riferisce all'apocope dei sostantivi o al troncamento in generale?
Al fenomeno del troncamento in generale.
Ivan92 ha scritto:Non vorrei dire una castroneria, ma il troncamento a volte è segnalato dall'apostrofo, come nel caso delle apocopi posvocaliche. Dunque, vi' (vino) dovrebbe essere un troncamento tanto quanto gran.
Le grammatiche in teoria separano il troncamento (che non usa l’apostrofo) dall'apocope (segnalata dall’apostrofo) che avviene quando cade una sillaba intera, per esempio in po’ (poco), mo’ (modo), ca’ (casa). In ogni caso c’è una differenza tra i fenomeni di troncamento segnalati per il Nord Italia e quelli del Centro: i primi avvengono in ogni contesto, anche prima di pausa, i secondi possono avvenire solo prima di una consonante. Ci sono occasionali occorrenze di nasale finale assoluta anche in toscano, ma è un argomento che andrebbe approfondito maggiormente.
Ultima modifica di Carnby in data mer, 08 feb 2017 21:03, modificato 1 volta in totale.

Intervieni

Chi c’è in linea

Utenti presenti in questa sezione: Nessuno e 1 ospite