La «coccinella» nei dialetti

Spazio di discussione su questioni di dialettologia italiana e italoromanza

Moderatore: Dialettanti

Avatara utente
Ferdinand Bardamu
Moderatore
Interventi: 4073
Iscritto in data: mer, 21 ott 2009 14:25
Località: Legnago (Verona)

Intervento di Ferdinand Bardamu » lun, 08 ott 2018 13:47

Il Dizionario etimologico dei dialetti italiani di Manlio Cortelazzo e Carla Marcato riporta la voce seguente:
  • marìa-vòla, sf. (piemontese). ‘Coccinella’.
    È una delle varie denominazioni dialettali di questo insetto che fanno capo a termini religiosi, in questo caso al nome di Maria (si confronti anche il nome francese bête à la Vierge); ad esempio nel trentino, emiliano, romagnolo, toscano, marchigiano è detta mariòla, nel veneto (bellunese) maria mariola, maria vola via. Le designazioni del tipo �“maria vola (via)” sono dipendenti da filastrocche fanciullesche comunemente connesse alla coccinella con cui i bambini giocavano: nel veneto (a Teolo) «maria maria, žola via / va ntel pra da vó / che te catarè na vaca m bò» ‘maria maria, vola via / va nel prato di [probabile allusione al paese di Vo Euganeo nei pressi di Teolo] / che troverai una vacca e un bue’, ad Ancona «marióla, marióla, / chi t’ha fatta la camigiòla? / Me l’ha fatta la mamma mia / Pie el vólo e fugge via» [Garbini 1925; AIS; DEI]. M.

Avatara utente
marcocurreli
Interventi: 444
Iscritto in data: ven, 25 set 2009 22:36
Località: Cagliari

Intervento di marcocurreli » mar, 09 ott 2018 22:51

Anche da noi c'era una filastrocca, che si recitava quando una coccinella si posava nella mano. Mi ricordo solo l'inizio e la fine:

Babbaiola babbaiola/piga su libru e bai a scola [...] babbaiola torra a bolai.
[coccinella coccinella prendi il libro e vai a scuola [...] torna a volare]
e si faceva volare via.

Intervieni

Chi c’è in linea

Utenti presenti in questa sezione: Nessuno e 1 ospite