«Spazzaturòmi»

Spazio di discussione su prestiti e forestierismi

Moderatore: Cruscanti

Bue
Interventi: 863
Iscritto in data: lun, 08 nov 2004 11:20

Intervento di Bue »

Marco1971 ha scritto: E oltre al voltio menzionato da Infarinato, gli spagnoli hanno anche hercio, amperio, ergio, culombio… Quasi quasi cambio lingua ! :D
Gli spagnoli hanno anche avuto una dittatura fascista fino agli anni 70. Siamo sicuri che questi adattamenti forzati non siano stati imposti dal franchismo?

Avatara utente
Infarinato
Amministratore
Interventi: 3723
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 10:40
Info contatto:

Intervento di Infarinato »

Bue ha scritto:
Marco1971 ha scritto:E oltre al voltio menzionato da Infarinato, gli spagnoli hanno anche hercio, amperio, ergio, culombio… Quasi quasi cambio lingua ! :D
Gli spagnoli hanno anche avuto una dittatura fascista fino agli anni 70. Siamo sicuri che questi adattamenti forzati non siano stati imposti dal franchismo?
No, io non ne sono sicuro, ma siamo proprio sicuri che siano «forzati» [per gli spagnoli]? ;)

Bue
Interventi: 863
Iscritto in data: lun, 08 nov 2004 11:20

Intervento di Bue »

boh? :wink:

amicus_eius
Interventi: 131
Iscritto in data: ven, 10 giu 2005 11:33

Intervento di amicus_eius »

Mi riferisco a un vecchio intervento sulle unità di misura e sui loro traducenti, in particolare al caso di Joule

Joule non è un anglismo come gli altri. Si tratta semplicemente del cognome di uno dei padri della termodinamica, trasformato in nome di unità di misura (come volt da Volta). Cercare un traducente per joule non è assolutamente opportuno (non faccio altro che ribadire ciò che già detto da Roberto Crivello).

Nicolò Coluzzi Pasquali
Interventi: 2
Iscritto in data: mar, 03 mag 2016 19:29
Località: Latina

Re:

Intervento di Nicolò Coluzzi Pasquali »

Federico ha scritto:
ven, 12 mag 2006 16:12
Non mi sembra molto comune quell'accezione...
Ma in quel caso significa "servile" o "quadrato"?

Dunque...
Garzanti ha scritto:(fig.) persona che agisce ubbidendo ciecamente e passivamente.
Treccani ha scritto:robot: Con sign. più generico, sinon. meno com. di automa.
automa: fig., persona priva di volontà propria, che agisce o si muove macchinalmente senza coscienza dei proprî atti
Zingarelli ha scritto:Chi agisce e si muov[e in mod]o meccanico, senza rendersi conto dei propri atti
A questo punto sono un po' confuso...
Sia pure a distanza di piú d’un decennio, mi par giusto riportare l’attenzione su robot fugando i dubbi Federico e spiegando perché, con Giulia Tonelli, è bene non esagerare nel fornire sinonimi.

Limitiamoci a raffrontare le definizioni che lo Zingarelli 2021 e il Nuovo Devoto-Oli (2019) offrono di robot, automa, fantoccio e di burattino, marionetta: se nello Zingarelli salta agli occhi l’identità semantica — e schiettamente “definizionale” — tra robot e automa (cui fantoccio, per il tratto /+ eteronimo/, in realtà non è pienamente assimilabile), nel Nuovo Devoto-Oli può forse passare inosservata l’indicazione [inesatta] di «burattino» tra i sinonimi di robot.

Nei fatti burattino, e in parte fantoccio (per quello stesso tratto), può equivalere soltanto a marionetta per una soggiacente «mancanza di carattere o di personalità» (cfr. NDO s. vv.); tratti psicologici che possono fra l’altro essere ben definiti in chi, trovandosi in uno stato depressivo, manchi di volontà (o sia «abulico»), e allora paia un robot o un automa.

In ultima analisi, suppongo che sia innecessario rilevare come fantoccio, per /+ abulia/ e /+ eteronimia/ (se solo disponessi del maiuscoletto!), stia semanticamente un po’ cogli uni ma perlopiú cogli altri.

Intervieni

Chi c’è in linea

Utenti presenti in questa sezione: Majestic-12 [Bot] e 1 ospite