«Mainstream»

Spazio di discussione su prestiti e forestierismi

Moderatore: Cruscanti

Intervieni
Avatara utente
Ferdinand Bardamu
Moderatore
Interventi: 4348
Iscritto in data: mer, 21 ott 2009 14:25
Località: Legnago (Verona)

«Mainstream»

Intervento di Ferdinand Bardamu »

La voce mainstream esiste già nella nostra lista. Aggiungo però un altro traducente che, di là dalle accidentali suggestioni leopardiane, mi sembra molto acconcio, massime per un certo velo di polemica: pensiero dominante.

Laddove, però, mainstream è applicato come aggettivo alla musica o allo spettacolo in genere, io suggerirei commerciale.
Ozioso
Interventi: 143
Iscritto in data: mar, 01 mag 2012 12:43

Intervento di Ozioso »

Piuttosto che pensiero dominante, a me parrebbe piú acconcio cultura dominante oppure, in contrapposizione con subcultura, si potrebbe formare supercultura, no?

Riguardo al significato aggettivale nell'ambiti citati, soprattutto in quello musicale, sono d'accordo su commerciale, o forse anche di massa?
Non pigra quies.
Avatara utente
Ferdinand Bardamu
Moderatore
Interventi: 4348
Iscritto in data: mer, 21 ott 2009 14:25
Località: Legnago (Verona)

Intervento di Ferdinand Bardamu »

Sí, l'importante è che si ponga l'accento sulla dominanza. Preferirei pensiero quando il forestierismo si applica a certi àmbiti particolari: es. «il mainstream economico» (=‹il pensiero economico dominante›).
Ozioso
Interventi: 143
Iscritto in data: mar, 01 mag 2012 12:43

Intervento di Ozioso »

Ora che m'ha sottoposto l'esempio, capisco come possa essere usata la sua proposta e la condivido per esempio nell'ambito citato. Supercultura, invece, le pare una formazione legittima, che potrebbe almeno trovar favore in sociologia e materie affini?
Non pigra quies.
Avatara utente
Ferdinand Bardamu
Moderatore
Interventi: 4348
Iscritto in data: mer, 21 ott 2009 14:25
Località: Legnago (Verona)

Intervento di Ferdinand Bardamu »

Non ho abbastanza conoscenze in àmbito sociologico per esprimermi; d'acchito le direi che sí, è una formazione legittima, anche se pare che, per indicare la cultura dominante, si usi semplicemente cultura (cfr. «Subculture», Enciclopedia delle Scienze Sociali: «Il concetto di subcultura presuppone necessariamente quello, antecedente e più comprensivo, di cultura»).
Ozioso
Interventi: 143
Iscritto in data: mar, 01 mag 2012 12:43

Intervento di Ozioso »

Sí, ma seguendo tale ragionamento, allora anche da apporre l'aggettivo dominante risulterebbe un pleonasmo, non trova? A me pare che si astragga in eccesso: l'uso enfatico non appartiene forse anche alla scienza, seppur in misura inferiore?
Non pigra quies.
Avatara utente
Ferdinand Bardamu
Moderatore
Interventi: 4348
Iscritto in data: mer, 21 ott 2009 14:25
Località: Legnago (Verona)

Intervento di Ferdinand Bardamu »

A rigor di logica, le darei ragione. Dovremmo però vedere che cosa intendono esattamente i sociologi con cultura: se questa comprendesse anche le varie subculture, allora il prefisso super- sarebbe effettivamente pleonastico.

Il vantaggio di usare l'aggettivo dominante è la punta di vena polemica che vi si avverte: una determinata cultura è la principale perché è riuscita a dominare (sottinteso: con la forza) le altre. Concentrandoci sull'impiego comune, quotidiano, questo concetto torna utile quando vogliamo evidenziare il contrasto tra il pensiero comunemente accettato e quello alternativo.
Avatara utente
Tecumseh
Interventi: 188
Iscritto in data: lun, 11 apr 2005 21:38
Località: Mèdla

Re: «Mainstream»

Intervento di Tecumseh »

Riguardo all'impiego aggettivale, vi sottopongo due possibili esempi:

1. scene reali e esplicite di tortura, di morte, di sesso nella cinematografia mainstream;

2. notizie e opinioni censurate dall’inquisizione del politicamente corretto e dalla propaganda mainstream.

A me all'impronta sovviene per entrambi ufficiale, senza tuttavia escludere, rispettivamente, di massa e mass(i)mediatica.

Pertanto, indietro al sostantivo, vedrei molto bene anche pensiero ufficiale (— di massa) accanto all'ottimo pensiero dominante.
Daphnókomos
Interventi: 118
Iscritto in data: sab, 08 giu 2019 14:26
Località: Bassa veronese

Re: «Mainstream»

Intervento di Daphnókomos »

Una cosa mainstream è una cosa commerciale, popolare, di massa, di largo consumo, di tendenza, di moda, in voga, una cosa comune, diffusa, prevalente, (pre)dominante, tradizionale, convenzionale, ufficiale, ortodossa...

Perché il mainstream è il filone principale, l'opinione corrente, il pensiero, la cultura dominante, com'è stato detto sopra, la tendenza dominante, il sistema dominante.

Si veda il dizionario bilingue di WordReference e quello di Fernando Picchi.
filfil
Interventi: 2
Iscritto in data: lun, 21 apr 2014 0:52

Re: «Mainstream»

Intervento di filfil »

Proporrei laticultura, al fine di evidenziare l'accezione di larga diffusione. Temo che supercultura induca facilmente a paradossali fraintendimenti, ovvero che venga recepita con accezioni di superiorità qualitativa o etica.
Avatara utente
G. M.
Interventi: 403
Iscritto in data: mar, 22 nov 2016 15:54

Re: «Mainstream»

Intervento di G. M. »

filfil ha scritto: mar, 08 set 2020 11:49 Proporrei laticultura, al fine di evidenziare l'accezione di larga diffusione. Temo che supercultura induca facilmente a paradossali fraintendimenti, ovvero che venga recepita con accezioni di superiorità qualitativa o etica.
Interessante. :) Mi piace quest'uso di lati-.
domna charola
Interventi: 1096
Iscritto in data: ven, 13 apr 2012 9:09

Re: «Mainstream»

Intervento di domna charola »

Nel ricco intervento di Daphnòkomos (spero di aver scritto giusto… ma non c'è l'obbligo di nomi fonotatticamente italiani?!.. :D ) ritrovo un mio dubbio di fondo che periodicamente riemerge: ma non è solo frutto della pigrizia mentale del professionista della penna e del parlante comune questa mania di usare un unico termine-marchio per indicare tutta una sfilza di sinonimi italiani che proprio sinonimi non sono, ma che troverebbero giusta collocazione tutti, a seconda della sfumatura del discorso?
E altrettanto dicasi per la pretesa di un traducente unico, da parte di chi così giustifica il suo abuso dei forestierismi in voga.

Il cervello pensa in gran parte nella lingua in cui ha iniziato a pensare, quindi trova naturale raggruppare una serie di sinonimi attorno a un medesimo concetto, raggruppamento che può non coincidere in altre lingue, per motivi culturali o altro. Il concetto-padre, a sua volta, non è pensabile in sé, ma tende ad articolarsi nella serie di espressioni/sfumature che la lingua madre prevede; è una sorta di astrazione, che può calzare in alcuni casi, in molti essere troppo fredda, ma che talora può andare bene perché facilmente riconoscibile senza sofismi e senza troppe fatiche (il caso, quest'ultimo, della comunicazione di massa).
Non so se riesco a spiegarmi: un unico cassetto, comodo e facile - mainstream / pensiero dominante - per riunire una selva di possibili traducenti, tutti altrettanto validi, tutti che trovano buon impiego ciascuno nel suo specifico contesto. Ma in una lingua che non si riduca al tarzanitaliano, nessuno precisamente equivalente all'altro, ognuno con la sua sfumatura di significato.

La lotta non è secondo me contro il singolo forestierismo, opponendovi un traducente forzato, ma nel riappropriarci della complessità - e della bellezza - di una comunicazione verbale che vanta ormai millenni di evoluzione… (e qui siamo nella pura utopia… chiedo venia, ma almeno all'inizio di un nuovo anno lavorativo, lasciatemi sperare).
DON FERRANTE
Interventi: 92
Iscritto in data: sab, 05 set 2020 17:08

Re: «Mainstream»

Intervento di DON FERRANTE »

Giuro, non riesco a farmeli uscire di bocca questi anglicismi. Spesso nemmeno so cosa significhino tanta è la repulsione che ne ho.
Da quanto ne ho capito, sarebbe la "linea di pensiero dominante" in quanto ha fatto pure presa sul popolo?
Ultima modifica di DON FERRANTE in data mer, 16 set 2020 15:08, modificato 1 volta in totale.
Avatara utente
G.B.
Interventi: 312
Iscritto in data: gio, 15 ago 2019 11:13

Re: «Mainstream»

Intervento di G.B. »

DON FERRANTE ha scritto: mer, 16 set 2020 13:12 Da quanto ne ho capito, sarebbe la "linea di pensiero dominante" in quanto ha fatto pure presa sul popolo?
Riporto da qui:

Il mainstream è quella corrente dominante di convinzioni culturali, valori e comportamenti che si pone alla base delle altre correnti di opinione sino a comprenderle tutte. Tale corrente dominante non rappresenta semplicemente la somma delle altre: si tratta piuttosto di una corrente principale, relativamente stabile ma non statica, che rappresenta le dimensioni più ampie e comuni di significati e affermazioni condivisi.

Apporto il mio contributo proponendo omodossia, omodosso.

Proposta audace, lo so. :roll: Ho visto, però, che qualcuno ha già osato (non soffermarsi sul titolo).

Una trovata piú «stilistica» rispetto a corrente principale potrebbe essere una risemantizzazione di correntone (il c. economico, il correntone scientifico...).
«[...] o italici segni / rivendicarvi io seppi / nella vostra vergine gloria!» (G. D'Annunzio, Laus Vitae, vv. 7979-81).
DON FERRANTE
Interventi: 92
Iscritto in data: sab, 05 set 2020 17:08

Re: «Mainstream»

Intervento di DON FERRANTE »

Così sembra quasi un atto di forza involontario questa "dominanza". Con un prefissoide "archi-" o "arche-"? Archiflusso, archidèa, archidòmma, archicultura...
Intervieni

Chi c’è in linea

Utenti presenti in questa sezione: Nessuno e 1 ospite