Del genere dei forestierismi

Spazio di discussione su prestiti e forestierismi

Moderatore: Cruscanti

Brazilian dude
Moderatore «Dialetti»
Interventi: 726
Iscritto in data: sab, 14 mag 2005 23:03

Intervento di Brazilian dude »

In portoghese: esporte (Brasile), desporto (Portogallo). A volte usiamo anche desporto, però più sovente come nome proprio di alcune squadre calcistiche.

Brazilian dude

elisewin
Interventi: 3
Iscritto in data: gio, 15 giu 2006 10:39
Località: Cagliari

Intervento di elisewin »

Infarinato ha scritto:
elisewin ha scritto:grazie per il suggerimento, comunque...potrebbe indicarmi un testo di riferimento?
Di testi specifici sull’argomento non ne conosco, ma posso consigliarle la lettura del già citato saggio di Jean-Pierre Gobber dell’Università Cattolica di Milano…
ringrazio mille per il suggerimento.

Ladim
Interventi: 216
Iscritto in data: lun, 08 nov 2004 14:36

Intervento di Ladim »

elisewin ha scritto: Mi servirebbe per analizzare i diversi fenomeni di adattamento del nome alla nostra lingua.
Vorrei poterle suggerire una dòtta divagazione, e cioè la lettura del X Canto dell'Orlando furioso (a partire più o meno dall'ottava 77): i nomi dei maggiori 'capitani' di un intero esercito anglosassone vengono toscanizzati con autorevole e cinquecentesco rigore...

Avatara utente
Infarinato
Amministratore
Interventi: 3706
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 10:40
Info contatto:

Intervento di Infarinato »

Ladim ha scritto:Vorrei poterle suggerire una dòtta divagazione, e cioè la lettura del X Canto dell'Orlando furioso (a partire più o meno dall'ottava 77): i nomi dei maggiori 'capitani' di un intero esercito anglosassone vengono toscanizzati con autorevole e cinquecentesco rigore...
E che dire dei danteschi «Guizzante e Bruggia» (Cadsand e Bruges)? :D

Avatara utente
Incarcato
Interventi: 900
Iscritto in data: lun, 08 nov 2004 12:29

Intervento di Incarcato »

Grazie a Ladim della segnalazione, vo a leggere con ingordigia...

Avatara utente
Infarinato
Amministratore
Interventi: 3706
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 10:40
Info contatto:

L’«affaire Montanelli»

Intervento di Infarinato »

Ritorno fuggevolmente sull’argomento per una citazione d’autore relativamente recente:
Indro Montanelli in una «stanza» del 24 febbraio 1997 (grassetto mio) ha scritto:Ho paura che anche questa affaire finirà come tante altre. Cioè non finirà.
E si noti il forestierismo giustamente messo in corsivo…

avemundi
Interventi: 24
Iscritto in data: lun, 08 nov 2004 4:37
Località: Bugella me genuit
Info contatto:

Heimat

Intervento di avemundi »

Roberto Crivello ha scritto:Heimat non compare nei dizionari, ossia non è un forestierismo dell'uso. Perché infilarlo qui? Perché non scrivere semplicemente la patria? Quanti dei suoi lettori conosceranno il tedesco?
Il tedesco ha due parole per patria: Heimat(land) e Vaterland, con due significati distinti. Vaterland è la terra dei padri, Heimatland può non esserlo: è la terra che si ama e che è cara.

Anche l'inglese e le lingue slave hanno più sostantivi che si traducono con patria.

edoram
Interventi: 122
Iscritto in data: lun, 27 mar 2006 11:37
Località: Biella
Info contatto:

Intervento di edoram »

Marco1971 ha scritto:
Jean-Pierre Gobber ha scritto:Così, sport è una parola italiana costruita su modello dell'inglese...
Non è vero nulla: non è una parola italiana (è una parola straniera usata in italiano), e non è costruita sul modello dell’inglese, è una parola inglese pronunciata «all’italiana». Ricordo ancora una volta che il Migliorini la metteva tra le parole «meteche». Si doveva fare come i nostri cugini spagnoli, che hanno deporte, e riappropriarci il nostro diporto. Troppo tardi. Ma basterebbe quell’aggiunta inappariscente a rendere italiano il termine, facendo sporte.
A questo proposito sarei curioso di avere maggiori spiegazioni. Siamo tutti d'accordo che se usiamo una parola straniera in italiano non sarà soggetta alla grammatica inglese e quindi non si aggiungerà la -s alla fine per il plurale ecc... Ma sulla pronuncia onestamente la cosa proprio non mi è chiara; come dovrei leggere la parola computer ad esempio?
Io confesso che mi limito ad aggiungere una "i" appena prima della "u", ma mi disinteresso completamente della corretta pronuncia della "e" o della "r" finale. Mentre mi accorgo che conoce bene l'inglese tende ad usare la corretta pronuncia inglese. A questo punto mi chiedo, non è forse un adattamento forzato? Però di contro io sarei in imbarazzo a pronunciare letteralmente "computer".
Esiste quindi una convenzione o addirittura una regola per la pronuncia dei forestiesisimi?

Avatara utente
Marco1971
Moderatore
Interventi: 9717
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 12:37

Intervento di Marco1971 »

edoram ha scritto:Esiste quindi una convenzione o addirittura una regola per la pronuncia dei forestiesisimi?
La regola è che i forestierismi si pronunciano seguendo i suoni dell’italiano, dunque /kom'pjuter/ e non /k@m'pju:t@/. Ma prima di porci questa domanda, ce ne dovremmo porre un’altra: questo termine è insostituibile in italiano? (In questo come in 99 casi su 100, la risposta è no.) E vedremo che ridurremo di molto le incertezze di grafia e di pronuncia.
Ma quella lingua si chiama d’una patria, la quale convertisce i vocaboli ch’ella ha accattati da altri nell’uso suo, et è sí potente che i vocaboli accattati non la disordinano, ma ella disordina loro.

Avatara utente
Luca86
Interventi: 587
Iscritto in data: gio, 25 mar 2010 15:26
Località: Brindisi

Intervento di Luca86 »

edoram ha scritto:Ma sulla pronuncia onestamente la cosa proprio non mi è chiara; come dovrei leggere la parola computer ad esempio?
Per la pronuncia «all'italiana» di nomi, cognomi, parole e toponimi stranieri (nonché per quelli italiani), le consiglio l'eccellente DiPI (Dizionario di Pronuncia Italiana) di Luciano Canepàri.

edoram
Interventi: 122
Iscritto in data: lun, 27 mar 2006 11:37
Località: Biella
Info contatto:

Intervento di edoram »

Marco1971 ha scritto:La regola è che i forestierismi si pronunciano seguendo i suoni dell’italiano, dunque /kom'pjuter/ e non /k@m'pju:t@/.
Approfitto ancora della sua gentilezza sig. Marco, ma il punto critico che mi sfugge è il perchè si pronuncia quella "i" prima della "u"; se è vero che si seguono i suoni dell'italiano non si dovrebbe leggere /kom'puter/?

Grazie anche Luca per l'interessante segnalazione.

Avatara utente
Marco1971
Moderatore
Interventi: 9717
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 12:37

Intervento di Marco1971 »

Perché (con l’accento acuto ;)) la pronuncia all’italiana dei forestierismi non si fonda sulla grafia, ma sulla reale pronuncia della lingua d’origine. Quel suono /ju/ è nella pronuncia inglese.
Ma quella lingua si chiama d’una patria, la quale convertisce i vocaboli ch’ella ha accattati da altri nell’uso suo, et è sí potente che i vocaboli accattati non la disordinano, ma ella disordina loro.

edoram
Interventi: 122
Iscritto in data: lun, 27 mar 2006 11:37
Località: Biella
Info contatto:

Intervento di edoram »

Ho cercato a lungo questa risposta, lei mi ha reso un uomo felice ;)

D'ora in avanti potrei anche essere disposto a sostituire "computer" con "calcolatore", ma non sono sicuro di essere preparato a reggere la discussione di chi me ne chiederà il motivo. ;)

Avatara utente
Marco1971
Moderatore
Interventi: 9717
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 12:37

Intervento di Marco1971 »

Il motivo piú semplice sarebbe: perché usare parole straniere quando abbiamo parole nostre che significano lo stesso? Calcolatore esisteva già (1961), prima della follia di chi, per capriccio, decise di diffondere computer.
Ma quella lingua si chiama d’una patria, la quale convertisce i vocaboli ch’ella ha accattati da altri nell’uso suo, et è sí potente che i vocaboli accattati non la disordinano, ma ella disordina loro.

Avatara utente
Luca86
Interventi: 587
Iscritto in data: gio, 25 mar 2010 15:26
Località: Brindisi

Intervento di Luca86 »

edoram ha scritto:Ho cercato a lungo questa risposta, lei mi ha reso un uomo felice ;)
Quale? La pronuncia di computer? Se è cosí, bastava dare un'occhiata su Treccani.it (sott. mia):

computer ‹këmpi̯ùtë› […] usato in ital. al masch. (e pronunciato comunem. ‹kompi̯ùter›).

Se ho frainteso le sue parole, le domando scusa, Edoram.

Intervieni

Chi c’è in linea

Utenti presenti in questa sezione: Nessuno e 1 ospite